Venerdì , 21 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
07 Agosto 2008
 

Dal blog Generación Y

6 Agosto 2008

 

 

La convivencia

y sus peligros

La oí gritar y comprobé que durante un par de semanas llevaba gafas oscuras para que no se le notaran los moretones. Su esposo es militante del Partido y en el barrio nadie le recrimina sus excesos de testosterona. Ambos forman parte de un cuadro de violencia doméstica que se silencia en los medios y se enraíza en la cotidianidad. Las víctimas, como ella, se sienten doblemente maltratadas. A la bofetada y al grito se le suma el silencio de quienes no quieren aceptar –o al menos hacer público– que tras las puertas de los hogares cubanos no siempre reina la armonía y el respeto.

La obligada convivencia, a causa del déficit inmobiliario, hace que muchas mujeres y niños sean objeto de humillaciones y golpizas. No podemos escuchar sus testimonios ya que –institucionalmente– apenas se reconoce que en esta “isla idílica” las palizas hogareñas son frecuentes. Al no divulgarse las estadísticas que demuestran su incidencia, se hace difícil conmover a la opinión pública nacional y llevarla a rechazar estos ataques.

Cómo hacerle saber a una mujer que huye de su casa para no enfrentar los puños del marido dónde hay un refugio para pasar la noche, si no a través de los medios informativos. De qué forma conocerá ella sus derechos de llevar al atacante ante los tribunales si la tele y la prensa no hablan del asunto. Cómo crear repudio social hacia los abusadores cuando apenas podemos conocer que existen las víctimas. Las vemos aguantar, esconder bajo el colorete las trompadas y mirarnos, a ver si nos damos cuenta de lo que las instituciones y los medios parecen no notar.

 

Yoani Sánchez

 

 

La convivenza e i suoi pericoli

La sentii gridare e mi accorsi che da un paio di settimane portava occhiali scuri perché non le si notassero i lividi. Suo marito è militante del Partito e nel quartiere nessuno gli rinfaccia i suoi testosteroni in eccesso. Entrambi fanno parte di un quadro di violenza domestica che viene passato sotto silenzio dai media ma si radica nel quotidiano. Le vittime, come lei, si sentono doppiamente maltrattate. Allo schiaffo e al grido si unisce il silenzio di coloro che non vogliono accettare - o almeno rendere pubblico - che dietro le porte delle case cubane non sempre regna l’armonia e il rispetto.

La convivenza obbligata, a causa della mancanza di alloggi, fa sì che molte donne e bambini siano oggetto di umiliazioni e maltrattamenti. Non possiamo ascoltare le loro testimonianze perché - istituzionalmente - a stento si ammette che in questa isola idilliaca le bastonate familiari sono frequenti. Se non si divulgano le statistiche che dimostrano la loro incidenza, diventa difficile scuotere l’opinione pubblica nazionale e portarla a rifiutare queste aggressioni.

Come far sapere a una donna che scappa dalla sua casa per non affrontare i pugni del marito dove può trovare un rifugio per passare la notte, se non tramite i mezzi informativi? In quale modo potrà conoscere il suo diritto di portare l’aggressore davanti ai tribunali, se la televisione e la stampa non parlano di questo argomento? Come creare ripudio sociale verso i prevaricatori quando a stento possiamo sapere che esistono le vittime? Le vediamo sopportare, nascondere i segni dei cazzotti sotto il belletto e guardarci, per vedere se ci rendiamo conto di ciò che le istituzioni e i media sembrano non notare.

 

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

Nota del traduttore: La violenza domestica è frutto della malintesa filosofia machista latinoamericana, ma non è soltanto un problema cubano. A Cuba, però, le lotte per l’emancipazione femminile non hanno ancora prodotto una pari dignità familiare. Tra le mura domestiche sono frequenti i casi di violenze carnali, incesti, aggressioni e donne maltrattate, soprattutto nel sottoproletariato. Possiamo dire che la pari dignità uomo-donna fino a pochi anni fa è stato anche un problema italiano, ma dopo il 1968 e le lotte femministe molte cose sono cambiate. Con tutto questo, purtroppo, anche in Italia esistono ancora episodi sconcertanti di violenza domestica e il rispetto nei confronti delle donne resta un valore da conquistare in molte parti del mondo. (Gordiano Lupi)


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Yoani Sánchez. Io
  Gordiano Lupi. Gianni Minŕ attacca Yoani Sánchez
  Buon compleanno, Yoani!
  Gordiano Lupi. Com'č che non riesci piů a volare?
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertŕ
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Yoani Sánchez. Soroa
  Yoani Sánchez. Due anni
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Gorki
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog piů cliccato dell'isola
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Yoani Sánchez tra le 100 persone piů influenti del pianeta
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Yoani Sánchez. Anche il moderato č un nemico
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra č improduttiva...
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1Ş parte
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Generación Y compie quattro anni
  Gianni Minŕ diffama Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Yoani Sánchez. Perdere tutto
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertŕ
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Marcello Bussi. Franqui: La storia č una puttana
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  UDI. Alice č entrata nel paese degli orrori
  ONU. «Lo stupro č guerra»
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si puň “amare”, senza problemi
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabů
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una societŕ da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Per troppe donne la violenza č pane quotidiano
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertŕ per le donne migranti!
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunitŕ
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarŕ ancora bisogno?
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirň ancora...
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy