Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
16 Maggio 2008
 

Marcello Bussi, che ha lasciato un commento al pezzo su Yoani Sánchez del 9 maggio proponendo di promuovere anche in Italia un riconoscimento alla giornalista cubana, ci ha inviato per la pubblicazione nell'Oblò cubano l'intervista da lui raccolta a L'Avana nel gennaio scorso e pubblicata da Milano Finanza. Lieti di questo incontro sulla Nave Terra di Tellusfolio, lo ringraziamo contando di proseguire ancora, con lui, con Yoani e con i molti cubani esuli in Italia che ci leggono, questo bel viaggio...

 

 

«Come si fa a convivere con due monete diverse? È davvero complicato. Per non confondermi tengo la moneta nazionale nella tasca sinistra e i peso convertibili nella destra. I salari ci vengono pagati con la prima, che mi serve per comprare il giornale. Ma se ho bisogno del sapone, dell'olio o del dentifricio, allora uso i secondi. Ogni giorno che passa la moneta nazionale diventa sempre più inutile, mentre il peso convertibile è indispensabile per poter sopravvivere». Le assurdità dell'economia cubana le spiega Yoani Sánchez nel suo blog Generazione Y (www.desdecuba.com/generaciony), che, per il solo fatto di descrivere la realtà così com'è, rischia grosso. Qui non si scherza, potrebbe anche finire in carcere. A Cuba le connessioni a internet sono limitate, per ottenerne una ci vuole un permesso speciale.

E allora a Yoani non resta che andare negli internet café dei grandi alberghi, dove però è proibito l'ingresso ai cubani, in una sorta di paradossale apartheid. Una volta entrata, fingendosi una turista tedesca (la lingua la conosce alla perfezione, ma non è bionda), sorge un altro problema. Mezz'ora di connessione costa 7 euro, un'enormità per il cubano medio, che quando gli va bene riesce a guadagnarne 50 al mese. Eppure, superando ogni difficoltà, da sette mesi Yoani ha dato vita a un blog che l'ha resa popolarissima sia a Cuba sia all'estero, tanto da finire sulla prima pagina del Wall Street Journal.

Ti lasciano libera di scrivere perché tanto a Cuba internet lo usano in quattro gatti. «Non è vero», replica lei mentre aggiorna il sito con rapidità sorprendente.

«Basta che una sola persona sia connessa, copia il contenuto e lo diffonde. Ormai la gente mi riconosce e mi ferma per strada».

E infatti non appena esce un nuovo capitolo del suo diario, arriva subito una valanga di commenti, facendo del suo blog l'unico spazio di libero dibattito a Cuba. Scrivono anche i sostenitori del regime, che lanciano insulti, insinuazioni e minacce più o meno velate, mentre altri, più sottili, cercano di indurla a commettere qualche passo falso, ad alzare il tono di voce per poterla accusare di sovversione.

«Certo, hanno provato ad attaccare il mio sito, ma i miei amici hacker hanno creato un sistema di difesa molto efficace», dice con orgoglio. Tornando alla doppia moneta, come fanno i cubani a procurarsi l'indispensabile peso convertibile, visto che vengono pagati in moneta nazionale?

«Il modo più innocente è riceverli dai parenti che vivono all'estero. L'alternativa è fare lavori illegali o diventare delinquenti».

In pratica, le uniche persone che hanno facile accesso ai peso convertibili sono quelle che lavorano a contatto con i turisti, in genere taxisti e prostitute. E così una rivoluzione nata per portare giustizia sociale e indipendenza nazionale ha prodotto una società piramidale con terrificanti disparità di reddito, al cui vertice stanno i papponi e che dipende totalmente dalla benevolenza o fessaggine degli stranieri.

Yoani racconta un altro episodio per descrivere gli effetti della diseconomia cubana. A fine gennaio a L'Avana faceva freddo per gli standard locali: di sera si stava bene con il maglioncino. «Al tramonto mi sono fermata a chiacchierare sul Malecon, incurante del vento. Il giorno dopo mi sono svegliata con il mal di gola e mi sono detta: ho bisogno di una limonata calda. Sono uscita e al negozio mi hanno detto che di limoni non se ne vedevano da tempo immemorabile. Ho cercato al mercato nero: al primo niente, al secondo nemmeno, ho girato mezza città e alla fine mi sono arresa. È incredibile, la nostra è una terra fertilissima ma non coltiviamo i limoni. Intanto i latifondi dello stato stanno lì deserti, nell'abbandono più totale».

Aggiungiamo che mancano anche i fazzolettini di carta e un'intera città ha fatto fronte agli starnuti arrangiandosi con le mani. Ora Fidel è malato, il potere è in mano al fratello Raul e la nomenklatura è divisa tra chi vuole consegnare l'isola chiavi in mano al Venezuela di Chavez e chi vorrebbe una riforma di tipo cinese. Sarà che le due fazioni si neutralizzano a vicenda. Fatto sta che da quando Lui (ancora adesso i cubani non lo chiamano mai per nome) è finito in ospedale non è cambiato assolutamente niente. E allora che cosa si fa, Yoani?

«Logica vorrebbe che le cose cambino», risponde. «Personalmente vorrei che il prossimo presidente fosse grasso, pelato, privo di carisma, un onesto amministratore, che dopo quattro o cinque anni lasci il posto a un altro».

Nell'attesa, Yoani continua a sperare e a rischiare il carcere, facendo ogni giorno i conti con la diseconomia cubana. Che non poteva finire altrimenti, se si pensa che dopo la rivoluzione il primo governatore della banca centrale si chiamava Che Guevara.

 

Marcello Bussi

(da Milano Finanza, 09/02/2008)


Articoli correlati

  Aldabonazo en Trocadero 162
  Gianni Minŕ diffama Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Due anni
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  Yoani Sánchez. Soroa
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Generación Y compie quattro anni
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra č improduttiva...
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Yoani Sánchez. Perdere tutto
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1Ş parte
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Marcello Bussi. Franqui: La storia č una puttana
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertŕ
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertŕ
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Yoani Sánchez tra le 100 persone piů influenti del pianeta
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Buon compleanno, Yoani!
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Yoani Sánchez. Gorki
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Gordiano Lupi. Gianni Minŕ attacca Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Com'č che non riesci piů a volare?
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Io
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog piů cliccato dell'isola
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy