Martedì , 21 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez non esce da Cuba 
Quando la libertà di espressione fa paura…
24 Settembre 2008
 

Doccia fredda per la giovane blogger cubana Yoani Sánchez che da un po’ di tempo mette alla berlina i difetti di una società che non ha più il diritto di chiamarsi comunista. Adesso sono disponibili anche in italiano i racconti di vita quotidiana della filologa avanera che voleva fare la giornalista e si è inventata un ruolo da blogger controcorrente. Basta collegarsi alla rivista telematica Tellusfolio e alla versione italiana di Generación Y (desdecuba.com/generaciony_it) per capire tutto quello che non funziona nella Cuba di Raúl Castro. Il popolo non chiede telefonini ed elettrodomestici (anche perché il cubano medio non se li può permettere), ma libertà, lavoro retribuito dignitosamente, fine del doppio sistema monetario e possibilità di viaggiare senza dover chiedere permessi. Yoani Sánchez è una spina nel fianco della rivoluzione cubana (le lettere maiuscole sono sprecate) e il regime si difende non lasciandola uscire dal Paese. I fratelli Castro temono i racconti veritieri che possono uscire dalla sua bocca e non hanno ancora trovato nessuno in grado di screditarla in campo internazionale. I molti fiancheggiatori del regime presenti anche sul territorio italiano si sono dati un gran da fare per trovare qualche scheletro nell’armadio di Yoani Sánchez, ma non hanno avuto successo. L’accusa ricorrente che giunge dai settori più radicali della sinistra italiana (ma è davvero di sinistra difendere una dittatura?) è quella di aver incassato i quindicimila euro del Premio Ortega y Gasset. Non mi pare un elemento influente per screditare un grande lavoro al servizio della libertà.

Per il mese di ottobre avevamo invitato Yoani Sánchez a parlare in Italia, ma dovremo farne a meno. La rivista Internazionale avrebbe inserito un suo intervento nella manifestazione che si terrà a Ferrara nel primo fine settimana di ottobre. Le Edizioni Il Foglio Letterario l’avrebbero fatta parlare durante il “Pisa Book Festival” (10 - 12 ottobre) e successivamente a Piombino, nel corso dell’iniziativa “Ottobre Piovono Libri”. Tutto annullato. Per la seconda volta in un anno, la blogger ribelle si è vista negare il permesso di uscita, la famigerata carta blanca che Mariela Castro diceva di voler abolire. La misura di trattenere a Cuba i dissidenti pericolosi è più in auge che mai e serve a far tirare il fiato a una dittatura in crisi di carisma da quando Fidel Castro si è ritagliato un ruolo di commentatore politico.

A proposito del lider maximo, segnaliamo che in un intervento sull’uragano Ike, definito l’Hiroshima di Cuba, si è lasciato andare a una disamina dei mali che danneggiano la rivoluzione.

Castro ha criticato i funzionari corrotti che rubano e si arricchiscono sulle spalle del popolo cubano, senza tener conto della morale comunista. L’economia cubana è in ginocchio e i danni materiali sono gravissimi - come racconta Yoani nel suo blog - ma il vecchio comandante afferma che “l’ottima organizzazione di esercito e protezione civile ha permesso di limitare al minimo il numero delle vittime”.

Fidel annuncia una lotta dura e sanzioni esemplari contro chi ruba nelle fabbriche, nei magazzini, nelle rivendite di pezzi di ricambio per automobili, negli hotel, nei ristoranti e nelle altre attività dove circola denaro. Meno male si rende conto che “il furto non è l’unico male che danneggia la rivoluzione”, perché ci sono anche “i privilegi coscienti o tollerati e le invenzioni della burocrazia”. Castro conclude che i mali peggiori stanno nella ricerca del capitalismo, nella tendenza a generalizzare i privilegi e a pagare più del dovuto i funzionari. Cuba non arriverà mai ad applicare la pena di morte contro questi reati, ma farà una lotta dura per vincere una battaglia delle idee che da anni la vede in prima linea.

Fidel Castro si limita a descrivere un fenomeno, ma non indaga sulle cause, non si chiede perché a Cuba dilaga la corruzione e i furti sono generalizzati. Tutti rubano allo Stato perché lo Stato è il primo ladrone che non garantisce niente, se non uno stipendio da fame e una manciata di alimenti razionati. Castro confonde cause ed effetti, come quando faceva la guerra alle ragazzine che si prostituivano, parlando di “nuove generazioni che perdono i valori rivoluzionari”. Il vero problema della rivoluzione cubana è la totale indigenza di una popolazione tenuta sotto la stretta morsa della penuria alimentare. Un popolo affamato si domina meglio, come ha già detto qualcuno, il problema principale di mettere insieme il pranzo con la cena lo distoglie da pretese su libertà e diritti civili.

Yoani Sánchez dà voce alle istanze della società civile, scrive su un blog molto seguito in tutto il mondo, ma per assurdo vietato a Cuba. Tacere su un crimine equivale a commetterlo, diceva José Martí. Yoani non tace su niente e da brava cittadina racconta tutto quello che vede, soprattutto non confonde cause ed effetti. Il regime non la fa uscire dal Paese perché non vuole che racconti al mondo le sofferenze di un popolo stanco. Insisto nel dire che la storia non li assolverà…

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Yoani prigioniera dei Castro
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Liberato Fariñas
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Due anni
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  Yoani Sánchez. Soroa
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Generación Y compie quattro anni
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra è improduttiva...
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Yoani Sánchez. Perdere tutto
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1ª parte
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Marcello Bussi. Franqui: La storia è una puttana
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertà
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertà
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Yoani Sánchez tra le 100 persone più influenti del pianeta
  Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Buon compleanno, Yoani!
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Yoani Sánchez. Gorki
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Gianni Minà attacca Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Gordiano Lupi. Com'è che non riesci più a volare?
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Io
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog più cliccato dell'isola
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy