Mercoledì , 18 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
26 Maggio 2010
 

Ho trascorso questi giorni compilando i documenti per andare in Germania, sono stata invitata a partecipare a un incontro di blogger provenienti da tutto il mondo. Ho avuto il dubbio se scrivere o meno un post nel blog prima di terminare tutte le scartoffie. Alla fine i miei amici mi hanno convinto e oggi - dopo quasi un mese e mezzo - pubblico questo articolo e mi sembra di fare una doccia fredda mentre fuori ci sono quaranta gradi.

Scrivere del mio soggiorno nel Nono Girone, che sarebbe - già i lettori lo immagineranno - lo sporco e oscuro Ufficio Immigrazione e Rapporti con l’Estero del comune di Plaza, è un sollievo inimmaginabile. Giustamente in questo posto sgradevole - il cui nome esclude la mia presenza, visto che non sono straniera né sto facendo documenti per immigrare - ho passato otto ore della mia bellissima vita, facendo la fila per essere interrogata sul mio viaggio, sulla mia famiglia, mio marito, i miei studi e il sistema - addirittura - che utilizzo per collegarmi a internet…

Può risultare esagerato il numero di ore, per questo racconterò dettagliatamente i fatti, dalle otto e trenta della mattina in cui i miei piedi hanno oltrepassato l’entrata della vecchia casa numero 17 tra J e K, alle quattro del pomeriggio, quando alla fine sono uscita con mal di testa, necessità di andare al bagno, fame, sete, sonno, infelicità e una voglia terribile di mandare tutti a quel paese e andare a dormire per un mese.

Signori, vi giuro che trascorrere un giorno a chiedere un permesso per uscire dal Paese fa passare a chiunque la voglia di viaggiare.

Vi racconto dall’inizio: quando il sole ancora non splendeva sull’edificio, sono arrivata alla porta posteriore dell’Ufficio Immigrazione - avevo già superato, non senza problemi, la settimana prima la porta anteriore, quella in cui si “fa richiesta” per il passaporto… e visto che andiamo di richiesta in richiesta, sono riuscita a consegnare la mia carta d’identità all’ultimo momento, e ho saputo in quell’istante che la fila aveva avuto inizio niente meno che alle quattro del mattino. Per fortuna, mi aspettava una divina sorpresa: una vecchia amica che si trovava giusto davanti a me mi ha detto che anche lei stava “richiedendo”, così abbiamo passato il tempo insieme.

Prima delle nove e mezza tutti i nostri documenti erano già stati consegnati: passaporto, carta d’identità, lettera d’invito e la tassa - sarebbe meglio dire la Supertassa - di 150 CUC (pagati in anticipo, con o senza permesso di uscita e rimborsati in caso di non consegna del permesso). Vista la mancanza di qualsiasi cartello eccetto quello della A-H1N1 - e un dipinto dei Cinque Eroi che farebbe vomitare Edward Munch - a molti di quelli che sono arrivati mancavano dei documenti, o non sapevano che dopo le nove non era più possibile consegnare documenti, o non avevano i soldi per la supertassa (una poverina aveva la ricevuta ma non la tassa, la banca misteriosamente non gliela aveva consegnata). I più deprimenti erano gli anziani, con il bastone in una mano e i documenti nell’altra, confusi, sopraffatti dalla burocrazia e dal caos di persone che andavano da una parte all’altra.

Alle 11 ho scoperto che il bagno era inagibile – lo hanno rotto – sottolineò una delle persone vestite di verde. Alle 12 i dipendenti dell’ufficio sono andati a pranzo fino all’una e mezza, ma una signora ha continuato a lavorare e dunque ho deciso di restare anch’io, per la maledetta sensazione di “mi chiamano e io non ci sono”. Alle due del pomeriggio c’era così tanto sole che ho smesso di sventolarmi con il ventaglio per mettermelo davanti agli occhi. Alle due e mezza stavo quasi per farmi la pipì addosso e ho deciso di uscire per cercare un bagno. Alle 3 una signora diabetica mi ha detto: “non posso continuare senza bere acqua”. Alle tre e mezza una ragazza che aveva preso il biglietto alle quattro del mattino ha avuto una crisi isterica e se n’è andata, per fortuna è ritornata poco dopo. Erano quasi le quattro quando mi hanno chiamato.

Un militare molto giovane che portava una collana, orecchini, un anello d’oro e unghie finte di un metro e mezzo ha cominciato a fare mille volte le stesse domande sui miei studi e ha scritto nel mio fascicolo “FreCuentò una scuola per insegnare a scuola”. Dopo si è ossessionato con la dicitura “Amicizia in internet”.

Ho molti amici in rete.

Come ti colleghi a internet?

Principalmente negli alberghi.

Quali alberghi?

Soprattutto il Cohíba e il Parque Central.

Questa informazione sarà verificata, se stai nascondendo qualcosa ti sarà negato il permesso di uscita.

Ho sorriso. In che modo possono sapere se mi collego dall’albergo o se ho degli amici in rete? Non mi hanno mai chiesto la tessera per comprare le ore di connessione e, riguardo la mia corrispondenza privata, a meno che non entrino nella mia posta personale, non vedo altra forma di come possano verificare.

Dopo ha cominciato a indagare su mia madre, mio padre, mio marito e per un istante ho avuto il sospetto che anche i miei cani Anastasia e Wicho sarebbero usciti fuori nelle sue domande.

Per finire ha sentenziato:

Vieni fra venti giorni e vediamo se ti danno il permesso.

Signorina, fra venti giorni il mio permesso sarà già scaduto.

Le informazioni che ci hai dato devono essere verificate, aspetta qua.

Se n’è andato e poi è ritornato:

Vieni venerdì e vediamo se è pronto.

Quando sono uscita ho visto quelle facce che durante tutto il giorno andavano stancandosi sempre più, avrei voluto fermarmi e dire a ognuno di loro: “addio e buona fortuna”, ma ero distrutta. Non ho guardato neanche la ragazza delle quattro del mattino, mi vergognavo che mi avessero chiamato prima di lei. Alcune gocce sono cadute all’improvviso, goccioloni grossi ma troppo pochi. La mia amica mi ha detto:

Perché ci sei stata così tanto tempo là dentro?

Non lo so, grazie per avermi aspettata, andiamo – e l’ho presa a braccetto per andare senza chiedere permesso sotto la pioggia.

 

Venerdì 7 Maggio

Dopo un paio di ore sono venuta a sapere che sarei dovuta tornare il mercoledì seguente. Sarà una coincidenza che il mercoledì è proprio il giorno in cui devo prendere l’aereo?

 

Mercoledì 12 Maggio

All’una e mezza sono arrivata all’immigrazione, piena come sempre di gente. Quando erano quasi le due mi hanno chiamata - la verità è che stavolta non potevo lamentarmi. Tuttavia, la voce che mi ha chiamata veniva da tutt’altro lato rispetto alla porta dove prima avevamo consegnato i nostri documenti.

C’è stata un po’ di tensione nella coda quando si è udito: “Claudia Cadelo”, ma visto che non avevo idea di quale fosse la porta in cui dovevo entrare ho chiesto:

Dove devo andare?

Qualcuno mi ha detto:

Domanda a questa porta che è quella da cui ti hanno chiamata.

Mi sono avvicinata e un militare si è lamentato:

Perché entra se non ha bussato?

Ma se mi avete chiamata…

Ah! Tu devi andare dall’altro lato.

Vado dall’altro lato e un uomo mi domanda:

Sei tu la blogger?

Sì – ho risposto con un sorriso e con i nervi in tensione, perché chiaramente l’aria si era fatta “elettrica”.

Per favore, venga di qua. Potrebbe chiudere la porta quando entra? Grazie. Lei non può viaggiare, per il momento.

Sono uscita e ho percepito la solidarietà di tutti quelli che aspettavano di essere “convocati”, il ragazzo che mi aveva chiesto se ero io la blogger mi disse:

Vivo in Spagna, leggo il tuo blog, non ti abbattere, fa che questo non ti tolga le forze.

Non me le toglierà, grazie.

 

Claudia Cadelo

23 maggio 2010

Traduzione di Barbara La Torre

barbara71282@gmail.com


Articoli correlati

  I segnali di fumo
  Coco Fariñas in sciopero della fame e della sete
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Claudia Cadelo. I leader di una rivoluzione alternativa
  Claudia Cadelo. Juventud Rebelde?
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  “Il governo cubano usa il terrore contro la penna”. Espulso da Cuba un giornalista spagnolo
  Claudia Cadelo. Licenziamenti e privatizzazioni
  Claudia Cadelo. Questi bizzarri lineamenti
  Claudia Cadelo. Apparire in televisione
  Claudia Cadelo. Vent’anni
  Claudia Cadelo. Il macho
  Claudia Cadelo. Un giorno all’estero
  Claudia Cadelo. El Dorado e la sinistra del XXI secolo
  Claudia Cadelo. Povere mucche!
  Claudia Cadelo. Necessità
  Yoani Sánchez. Tra due muri
  Claudia Cadelo. In ospedale
  Claudia Cadelo. Sottigliezze del bavaglio
  Claudia Cadelo e il modello cubano
  Claudia Cadelo. Un'altra scuola
  Claudia Cadelo. Parole di Luis Alberto Garcia
  Librado Linares sarà scarcerato
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Gordiano Lupi. Il mondo delle blogger cubane
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Donne guerriere. La Rivoluzione delle blogger cubane
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Liberato Fariñas
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Yoani prigioniera dei Castro
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy