Mercoledì , 08 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
14 Gennaio 2013
 

Dormono in quattro nella stessa camera. Sotto il materasso ci sono un paio di valige e in un angolo della stanza si vede un appendiabiti con pochi vestiti. Ogni giorno comprano pizze o panini, perché non hanno più stoviglie per cucinare, piatti e cucchiai. Hanno venduto tutto, o quasi tutto. La casa, l’auto degli anni Cinquanta e gli elettrodomestici che possedevano. Hanno venduto anche la tomba di famiglia al cimitero, le brocche di porcellana e una casella postale - presso l’ufficio di quartiere - usata poche volte. Ai parenti di campagna hanno regalato le cose che nessuno ha voluto comprare: i vestiti usati, i giocattoli stinti e la vecchia macchina per cucire. Dopo hanno affittato il piccolo appartamento dove vivono adesso, in attesa che il prossimo lunedì entri in vigore la riforma migratoria.  

Come tanti cubani, questa coppia ha atteso per anni il momento di poter emigrare insieme ai due figli minorenni. Solo quando entreranno in vigore le nuove regole saranno finalmente permessi i viaggi temporanei per chi non ha ancora compiuto i 18 anni. Sembra un dettaglio poco importante, ma conosco molti genitori che hanno deciso di restare a Cuba per non lasciare alle spalle i loro piccoli. Persone che hanno dovuto scegliere tra stabilirsi in un altro luogo del pianeta da soli oppure restare qui in compagnia ma tra mille frustrazioni. Per decenni gli unici bambini autorizzati a viaggiare sono stati quei pochi privilegiati che avevano i genitori in missione ufficiale o chi usciva in maniera definitiva, senza ritorno. Quando si trattava di bambini non erano previste mezze misure.

Quindi, come ansiosi corridori disposti sulla linea di partenza, molti attendono il segnale per scattare verso l’aeroporto stringendo per mano i loro figli. Nel frattempo, vivono in stanze affittate e cercano di cambiare i loro pesos convertibili in una moneta spendibile anche fuori da Cuba. La voglia di fuga ha preso campo dallo scorso mese di ottobre, subito dopo la pubblicazione del Decreto Legge 302. Appena si è diffusa la notizia, nei siti digitali sono aumentati gli annunci commerciali con offerte di case e altre proprietà. Parte del capitale necessario per pagare il biglietto e cominciare una nuova vita in un altro luogo si sta ottenendo grazie alla liquidazione del patrimonio sul territorio nazionale. Separarsi da tutto per andarsene, disfarsi dei propri averi per costruire un futuro. Una tendenza che ha avuto inizio alla fine del 2011, con la disposizione che autorizzava le operazioni di compravendita immobiliare, ma che adesso sta raggiungendo livelli di guardia.

Molte ambasciate hanno reso più complessa la procedura per ottenere un visto, ma non dobbiamo sottovalutare l’ingegno dei cubani e i molteplici trucchi di cui si vantano da sempre. Sta circolando persino un elenco di nazioni nelle quali, per i passaporti con lo scudo e la palma solitaria, non serve il visto. Anche se, purtroppo, non esistono voli diretti per la maggior parte di quelle destinazioni e quindi serve il permesso del paese dove l’aereo fa scalo. Ma questo non è un motivo sufficiente per scoraggiare coloro che vogliono emigrare. Hanno atteso con pazienza questo momento e nessun ostacolo distruggerà le loro illusioni. Contano i giorni, vegetano nella speranza. Il 14 gennaio per loro può cominciare una nuova vita. Ce la faranno?

 

Yoani Sánchez

(dal Blog Cuba Libre, El País, 10 gennaio 2013)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Liberato Fariñas
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Yoani prigioniera dei Castro
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy