Martedì , 22 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale” 
Dal Twitter di Yoani, 6 – 7 dicembre 2010
08 Dicembre 2010
 

Raúl Castro parla di legalizzare il dibattito e di depenalizzare le divergenze ideologiche? Se soltanto fosse vero…

 

 

Il Twitter di Yoani è molto caldo in questi giorni e i messaggi si susseguono con rapidità. «Fa freddo all’Avana. Si avvicina il 10 dicembre, giorno dei Diritti Umani, e la vigilanza della polizia aumenta», dice la blogger preoccupata. In ogni caso il dibattito è forte sui temi portati all’ordine del giorno dal futuro Congresso del PCC.

«La piazza virtuale www.pedimoslapalabra.wordpress.com continua a pubblicare articoli e opinioni. Sta cominciando il dibattito sui lineamenti del VI Congresso del PCC, ma è più facile incontrare disillusione che entusiasmo».

Raúl Castro sembra voler aprire a un vero dibattito, ma Yoani non crede alle sue parole, perché in passato sono state troppe le disillusioni in tema di libertà di pensiero.

«Raúl Castro chiede che la gente si esprima senza paura. Vuol dire che è stata depenalizzata la divergenza ideologica? La stessa puntualizzazione di parlare senza paura contiene il riconoscimento che in passato ci sono stati motivi validi per aver paura di esprimere opinioni. A Cuba se si annuncia il rispetto delle differenze di opinione si rischia di aprire il vaso di Pandora. Le opinioni censurate da tempo sono troppe. Quando dicono che bisogna ascoltare tutte le voci, in realtà affermano che vogliono ascoltare soltanto persone che non si discostano molto dal loro pensiero. Se si potessero ascoltare tutte le voci, vorrei dire alla polizia politica di non controllare i non conformi e di non rendere la vita impossibile alle persone critiche nei confronti del sistema. Se davvero il Presidente volesse ascoltare tutte le voci, convocherebbe un dibattito nazionale garantendo di non fare rappresaglie. Se davvero esiste la volontà di ascoltare tutti, il governo deve fornire garanzie e dichiarare che non punirà la sincerità. Vi immaginate una Cuba senza maschere? La simulazione che finisce? Gli opportunisti privati dei motivi per continuare a fingere? Sarebbe la fine del sistema attuale…».

Yoani è scettica e lo scrive chiaro ponendo una serie di domande. «Cos’è accaduto a chi ha osato esprimere le sue vere opinioni durante il IV Congresso del PCC? Sono stati puniti. Ricordate il documento firmato dai lavoratori della Biblioteca Nazionale - nel 1991 - con cui chiedevano un cambiamento? I lavoratori sono stati puniti o espulsi. Cos’è successo al professor Esteban Morales per aver denunciato la piaga dell’alto grado di corruzione? È stato punito e messo all’indice. Cos’è accaduto ai giornalisti convinti che la libertà di critica e la verità fossero inseparabili dall’informazione? Sono stati licenziati e demonizzati. Cosa hanno fatto a Heberto Padilla, Raul Rivero e a tutti coloro che hanno osato dire le cose che non andavano? Cosa succederà quando nel corso di queste riunioni qualcuno dirà che l’incarico di Presidente non può durare tutta la vita? Cosa faranno a chi dirà che deve essere permessa la libertà di associazione e che bisogna legalizzati i partiti politici? Raúl Castro ha messo in conto tutte le possibili idee quando parla di accettare le opinioni non conformi? Quale sarà questa volta la punizione per chi dirà che va sciolta la polizia politica e che vanno ridotti i poteri al Ministero degli Interni? Il Presidente accetterà di sentir dire che il governo di un paese non è un feudo che si eredita per diritto di sangue?»

Yoani conclude con una frase della sua amica Sabina: «Speriamo che essere coraggioso non costi troppo caro e che essere codardo non valga la pena». Non si fida delle promesse di questo governo.

«Scusate il mio scetticismo, ma questo presunto richiamo ad ascoltare le opinioni non conformi mi sembra soltanto un sistema per prendere tempo. In ogni caso i miei dubbi non mi impediranno di unirmi a chi discute. Se vogliono il brodo delle opinioni non conformi posso servire almeno tre tazze».

La notizia negativa è che Yoani Sánchez probabilmente non andrà a ritirare il Premio Principe Claus, come scrive su Twitter: «Mancano sette giorni alla cerimonia di consegna e ancora non ho ricevuto il permesso per uscire da Cuba». In compenso c’è una buona notizia: «Mi confermano che sono stati liberati i familiari di Rina Tamayo che erano stati arrestati domenica scorsa».

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  Cineasta cubano reclama il diritto a manifestazioni e scioperi
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  Santana e Garrincha. Umorismo sull'ultimo congresso Pcc
  Garrincha. Apre i lavori il Sesto congresso del Partito comunista cubano
  I poveri, la tessera del razionamento e il lavoro privato
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  Yoani Sánchez. Cronaca da Cuba: dopo 13 anni si terrà un Congresso del Partito Comunista Cubano
  Generación Y. Ragioni civiche 2
  Claudia Cadelo. Questi bizzarri lineamenti
  Carlos Alberto Montaner. La Cuba di Raúl Castro: il lato peggiore dei due mondi
  Yoani Sánchez e i primi messaggi del 2011
  A Cuba si prepara il corteo del Primo Maggio
  Discorso introduttivo di Raúl Castro
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez e il futuro di Cuba
  “Vediamo, vediamo... Vediamo se indovini dov'è il cambiamento che tu vorresti... Vediamo...” (Garrincha su “Radio Martì”)
  Yoani Sánchez. La grande casa e il paese
  Elizardo e Yoani non credono nel “ritiro” di Fidel Castro
  A. Torreguitart Ruiz. Largo ai giovani!
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Yoani prigioniera dei Castro
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  Liberato Fariñas
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy