Venerdì , 15 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Yoani Sánchez e il futuro di Cuba 
Intervista alla blogger cubana in prossimità dell'avvio dei lavori del VI Congresso del Partito comunista
07 Aprile 2011
 

Un giorno come gli altri all’Avana. Fariñas è di nuovo detenuto, la blogosfera indipendente fa una vita difficile, Alan Gross finisce in galera solo per aver portato a Cuba telefoni satellitari, Jimmy Carter apre a illusioni di cambiamenti, ma in definitiva nell’isola dei fratelli Castro tutto procede come prima, senza grandi novità. Sentiamo cosa ne pensa Yoani Sánchez, osservatrice privilegiata della realtà cubana.

 

Sta per celebrarsi il VI Congresso del Partito Comunista Cubano. A tuo parere è un evento importante che contribuirà a modificare la situazione socio-politica?

Questo VI Congresso del Partito Comunista Cubano nasce viziato da un irredimibile peccato originale: è un appuntamento di partito che si tiene in un paese dove è stata proibita l’esistenza di altri partiti, è un conclave di un’organizzazione che non permette la libera esistenza di altre. Partendo da questo assunto, ci sono poche speranze che l’evento programmato al Palazzo delle Convenzioni dell’Avana a partire dal 16 aprile, possa portare le soluzioni definitive, molteplici e immediate che servono al paese. Il sistema cubano non è riformabile, perché si basa su proibizioni, limitazioni e censure. Cercare di aprirlo e perfezionarlo provocherà prima o soltanto dopo la sua fine. Mi piace paragonare il sistema imperante nel paese con una di quelle case semidistrutte che tanto abbondano in questa città. Chiunque veda lo stato calamitoso in cui versa la struttura della casa, il degrado dei suoi balconi e la ruggine che abbonda nelle sue travi, penserà che sia sul punto di cadere a pezzi. Nonostante tutto, la casa ha sopportato decine di uragani e tempeste tropicali, ma un giorno qualcuno decide di cambiare la serratura di una porta o di riparare una tubazione del bagno e subito dopo l’intero edificio crolla. Qual è la “serratura” nella situazione cubana? Non lo so, ma presumo che nel prossimo congresso verranno prese decisioni in merito a piccoli dettagli che renderanno più rapida la rovina. Raúl Castro lo sa bene e per questo teme il momento in cui dovrà ampliare le riforme.

 

Hai incontrato Jimmy Carter all’Avana, insieme ad altri blogger, giornalisti indipendenti e rappresentati della società civile. Che impressione ti ha fatto l’ex Capo di Stato nordamericano?

Jimmy Carter ci ha fatto visita la settimana scorsa e ha incontrato non solo membri del governo, ma anche diverse voci della società civile cubana in formazione, le Dame in Bianco e alcuni ex prigionieri politici. Ho avuto la soddisfazione personale di essere inclusa tra coloro che sono stati ammessi a conversare direttamente con lui. È stato un incontro breve, durante il quale lo abbiamo messo al corrente delle nostre inquietudini e dei problemi, ma anche dei nostri progetti presenti e futuri. Lui ascoltava e faceva domande. Sembrava conoscere le nostre difficoltà e la sua richiesta di discrezione sugli argomenti affrontati in quella mattina di marzo, era diretta più a proteggere noi che a salvaguardare se stesso. Subito dopo Carter ha parlato ai microfoni del canale televisivo più importante del nostro paese e ha fatto presente che a Cuba serve libertà di espressione, di associazione e di viaggio, affinché i cubani possano muoversi senza problemi all’interno e all’esterno del territorio nazionale. Ha fatto anche alcuni elogi al governo raulista, ma sembravano più formalità diplomatiche che veri punti di consenso.

La grande domanda che si pongono tutti è se la sua presenza fugace nella nostra complessa situazione nazionale modificherà in parte il corso dei prossimi mesi. Non dobbiamo credere che passeremo dal totalitarismo alla democrazia solo perché un ex presidente nordamericano ci ha fatto visita, ma alcune azioni rivestono una carica simbolica che va ben oltre i propositi. Jimmy Carter ha ottenuto che almeno per tre giorni il regime cubano mostrasse un volto tollerante sia all’interno che all’esterno dell’isola. Sotto il suo mantello protettore è stato possibile che in un hotel del centro storico dell’Avana si riunissero oppositori e individui che - appena pochi giorni prima - erano stati demonizzati nel corso di un programma realizzato dal Ministero degli Interni, trasmesso dalla televisione ufficiale. È stata la prova che è possibile creare una sfera di rispetto e che le truppe d’assalto contro le attività della dissidenza non sono spontanee e tanto meno autonome. Evidentemente Raúl Castro ha dato ordine di non interferire nel dialogo tra un Nobel per la Pace e i rappresentanti della parte più sofferente della Cuba attuale. Permettendo l’incontro, le autorità - senza volerlo - hanno riconosciuto e convalidato le voci presenti.

 

Come credi che sarà la Cuba del futuro, quando l’attuale gerontocrazia dovrà fisiologicamente abbandonare il potere?

Vengono tempi difficili, soprattutto perché l’ostinazione di chi ci governa non ha permesso di compiere riforme graduali e ha ostacolato i cambiamenti di cui il nostro paese ha bisogno. Quando il tempo biologico di ognuno di loro finirà, molte persone sentiranno un vuoto politico e persino ideologico, ma credo che la maggioranza dei cubani proverà una sensazione di sollievo. Ci toccherà ricostruire il paese con nuovi volti, nuove idee, nuove formule. Confido che la nostra Isola, caratterizzata dalla creatività e dal talento dei suoi figli, dalla bellezza della sua natura e dalla franchezza della sua idiosincrasia, possa trovare una strada che preveda opportunità per tutti. Vivremo senza dubbio in un paese più aperto e pluralista, dove spero che i miei nipoti non siano costretti a emigrare per realizzare i loro sogni.

 

Intanto il Granma parla di cyberguerra e di mercenari al servizio dell’impero, usando la solita terminologia fuori dalla storia. Per i media governativi Yoani Sánchez, gli altri giovani blogger, le Dame in Bianco e i dissidenti sarebbero soltanto terroristi pagati per minare dalle fondamenta un sistema basato sul consenso spontaneo. Bastano le parole di Yoani - se lette con la dovuta apertura mentale - a smentire le illazioni del potere. Yoani rappresenta una generazione che vuole vivere in una Cuba moderna, pluralista e soprattutto libera.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  A Cuba si prepara il corteo del Primo Maggio
  Cineasta cubano reclama il diritto a manifestazioni e scioperi
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  I poveri, la tessera del razionamento e il lavoro privato
  Generación Y. Ragioni civiche 2
  Garrincha. Apre i lavori il Sesto congresso del Partito comunista cubano
  Carlos Alberto Montaner. La Cuba di Raúl Castro: il lato peggiore dei due mondi
  Yoani Sánchez e i primi messaggi del 2011
  Claudia Cadelo. Questi bizzarri lineamenti
  Discorso introduttivo di Raúl Castro
  “Vediamo, vediamo... Vediamo se indovini dov'è il cambiamento che tu vorresti... Vediamo...” (Garrincha su “Radio Martì”)
  Yoani Sánchez. La grande casa e il paese
  Elizardo e Yoani non credono nel “ritiro” di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  Yoani Sánchez. Cronaca da Cuba: dopo 13 anni si terrà un Congresso del Partito Comunista Cubano
  Santana e Garrincha. Umorismo sull'ultimo congresso Pcc
  A. Torreguitart Ruiz. Largo ai giovani!
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 7 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy