Domenica , 19 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
10 Dicembre 2010
 
«Non so niente del mio permesso di viaggio: sono prigioniera dell'isola, condannata a non potermi muovere, punita con il divieto di uscire», ha scritto la blogger cubana sulla sua pagina di Twitter.

 

 

L'autrice del blog Generación Y (www.desdecuba.com/generaciony) pubblica una serie di Tweets dove esprime la sua indignazione di fronte alla restrizione più odiosa imposta dal regime da oltre cinquant'anni: la proibizione del diritto di ogni cittadino di poter entrare e uscire liberamente dal suo paese.

«Le restrizioni migratorie sono sotto gli occhi di tutti e dimostrano - se mai ce ne fosse bisogno - la nostra mancanza di diritti», afferma Yoani.

La blogger, residente all'Avana, ha vissuto sulla propria pelle i problemi tipici dei cubani che vogliono esercitare questo diritto. In meno di tre anni il governo le ha negato il permesso di uscita (la così detta carta bianca) per ben otto volte.

Poco tempo fa ha presentato una nona richiesta, che non ha ancora ricevuto riposta.

 

«Credo che durante la cerimonia di ritiro dei premi Principe Claus, il mio posto resterà vuoto. Chi risponde per queste violazioni dei diritti umani?», si chiede Yoani su Twitter (twitter.com/yoanisanchez). Proprio quest'anno la blogger è stata insignita del Premio di Giornalismo assegnato dalla prestigiosa Fondazione Príncipe Claus con sede in Olanda (www.princeclausfund.org).

Il 17 dicembre verranno consegnati i premi nel Palazzo Reale di Amsterdam, ma per il momento Yoani non possiede l'autorizzazione a uscire dal suo paese; non ha la carta bianca che le deve dare il regime di Raúl Castro. Yoani desidera prendere parte alla cerimonia ma non sarà facile.

Il discorso è sempre lo stesso. Yoani non è potuta andare neppure alla Columbia University di New York, dove nel 2009 ha ricevuto in sua assenza una menzione speciale al Premio di Giornalismo Maria Moors Cabot.

Un altro esempio è stato quando, nel 2008, non si è potuta recare in Spagna per ritirare il Premio Ortega y Gasset di giornalismo digitale, del valore di 15.000 euro. Il governo le rifiutò l'autorizzazione a viaggiare.

La blogger è stata selezionata nel 2008 dalla rivista Time tra le 100 persone più influenti del mondo. Generación Y è stato nominato dal Time e dalla CNN tra i 25 migliori blog del mondo. Generación Y ha ricevuto anche il premio della giuria come miglior blog nel concorso The BOBs, che si è svolto in Germania.

Molti premi in tutto il mondo per un blog che è proibito a Cuba, perché analizza i problemi e riflette sulla vita quotidiana.

 

«Se almeno mi dicessero in che cosa consiste la mia condanna. Quale delitto ho commesso?», si chiede Yoani, visto che le autorità del Dipartimento di Immigrazione ed Estero hanno risposto con “una non risposta” alle sue più recenti richieste di uscire dal paese per recarsi in Olanda e Danimarca.

«Perché il nostro Parlamento non cessa di essere un luogo dove si ascolta soltanto e si decide a votare per eliminare le restrizioni di viaggio?», scrive la blogger criticando tRamite la rete gli alti funzionari del governo cubano e la loro politica immobilista.

«Il nostro Parlamento smetterà di votare all'unanimità e di applaudire con frenesia per dare impulso ai necessari cambiamenti?» ... «Se Parlamento deriva da parlare, come mai loro si dedicano soltanto ad acconsentire, applaudire e votare all'unanimità?» ... «Qualche parlamentare alzerà la mano il 15 dicembre, per proporre di eliminare la carta bianca?», sono soltanto alcune delle domande che pone con forza la blogger indipendente.

 

Negli ultimi giorni anche altri attivisti cubani per i diritti umani si trovano a dover fare i conti con la carta bianca. Le Dame in Bianco e il dissidente Guillermo Fariñas hanno chiesto il permesso per assistere in Francia alla cerimonia di consegna del Premio Sakharov alla Libertà di Coscienza, assegnato dal Parlamento Europeo.

Le Dame in Bianco hanno vinto il prestigioso premio nel 2005, ma non sono mai state autorizzate dal regime a recarsi presso la sede dell'Europarlamento.

Fariñas ha ricevuto il Sakharov quest'anno, e adesso si trova nella sua casa di Santa Clara in attesa dei documenti necesSari per richiedere la carta bianca. Non è molto ottimista e crede che non lo lasceranno partire. «Se Guillermo Fariñas non potrà andare alla cerimonia di consegna del Sakharov, perderà la patria e vinceranno gli intolleranti», sostiene Yoani.

Yoani Sánchez continua a lottare per il riconoscimento di un diritto che riguarda tutti i cubani. «Chi condivide simili ingiustizie? Chi accetta senza problemi che una persona non possa viaggiare o che non possa tornare a vivere nella sua patria?», si chiede la blogger di Generación Y.

 

Non è tutto così semplice, purtroppo. Nel giorno dei diritti umani a Cuba si deve lottare ancora con più forza perché simili ingiustizie vengano rimosse. Le Dame in Bianco hanno sfilato per le vie del centro chiedendo giustizia, ma come sempre la Sicurezza di Stato è pronta a predisporre meeting di ripudio e stretta sorveglianza.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Liberato Fariñas
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Yoani prigioniera dei Castro
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy