Sabato , 25 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba 
Un provvedimento che non cambia la sostanza delle cose. Vigilare perché il cambiamento sia reale
21 Giugno 2008
 

I ministri degli esteri dei 27 paesi dell’Unione Europea hanno deciso, durante il Consiglio europeo di Bruxelles, di revocare le sanzioni contro Cuba, applicate in seguito alla Primavera Nera del 2003 che portò in galera 75 dissidenti. Oscar Espinosa Chepe (foto) - uno degli incarcerati - non ha approvato il provvedimento, si è detto preoccupato perché «la decisione potrebbe incoraggiare i settori più duri del governo». Martha Beatriz Roque - altra dissidente scarcerata nel 2004 - afferma: «Adesso dobbiamo attenderci cose orribili per l’opposizione. Il governo diventerà ancora più aggressivo…».

L’Unione Europea ha tolto le sanzioni ma ha condizionato tale decisione al rispetto dei diritti umani. I dissidenti temono che il governo cubano non rispetterà queste garanzie, anche se l’Unione Europea si riserva di esaminare ogni anno la situazione dei diritti dell’uomo e di decidere se continuare questa politica verso Cuba. Lo scopo dell’abolizione sarebbe quello di iniziare un dialogo con Raúl Castro per migliorare la democrazia del paese e occuparsi dei diritti dell’uomo. Gli oppositori del regime accusano la Spagna e la ritengono causa principale della decisione, presa per meri motivi economici e per favorire gli spagnoli che fanno affari a Cuba.

Miriam Leiva - fondatrice del gruppo delle “donne in bianco” che raccoglie le mogli dei 75 dissidenti - ha affermato che l’Unione Europea sta rischiando molto perché ha creduto alle promesse di Raúl e alle operazioni di facciata che non hanno cambiato la sostanza delle cose in tema di diritti umani. Gli Stati Uniti avrebbero preferito che l’Unione continuasse a seguire la linea dura contro Cuba, perché il regime avrebbe dovuto concretizzare le iniziative per migliorare il rispetto dei diritti umani prima di revocare le sanzioni.

La revoca delle sanzioni non cambia la sostanza delle cose, perché di fatto erano sanzioni formali, diplomatiche, senza effetti pratici, tra l’altro congelate e inapplicate da anni. Se si vuole davvero sanzionare un regime si deve farlo in maniera effettiva e non solo di facciata, sempre ammesso che il sistema delle sanzioni sia il migliore per cambiare le cose. L’embargo degli Stati Uniti contro Cuba dimostra che le sanzioni possono persino rafforzare un governo contro il presunto nemico esterno. Il regime cubano usa da sempre l’embargo statunitense come arma di pressione psicologica sull’opinione pubblica e come copertura per tutti gli errori di politica economica.

Le sanzioni dell’Unione Europea servivano soltanto per affermare che Cuba era governata da un regime con cui non si doveva dialogare perché non democratico e dittatoriale. Adesso sarebbe deleterio applicare il sillogismo: “Hanno tolto le sanzioni perché Castro sta democratizzando il paese”. Non è vero. Le sanzioni sono state tolte solo per facilitare gli scambi economici e per migliorare il dialogo politico. La democratizzazione di Cuba e un effettivo cambiamento sono ancora lontani. Dobbiamo vigilare con molta attenzione su tutto quello che potrebbe accadere, a partire dalla situazione della stampa indipendente che sta risvegliando gli animi con articoli e racconti della vera vita quotidiana. Dobbiamo vigilare sulla sicurezza di una ragazza coraggiosa come Yoani Sánchez che, da semplice cittadina che parla, sta sfidando il regime e rischia la galera per raccontare le cose che non vanno nella Cuba dei fratelli Castro.

 

Gordiano Lupi

 

 

Qui l'intervista su Cuba e la revoca delle sanzioni

dalla trasmissione “RadioCity” su Radio Uno Rai

del 20 giugno 2008


Articoli correlati

  Un riconoscimento tardivo
  Cuba verso il modello cinese?
  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  Gordiano Lupi. Disordini a Cuba sulla spinta birmana
  Rafael Rojas. Il falso dilemma della transizione cubana
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  La Polizia cubana bastona i dissidenti
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Cuba. Arrestati Guillermo Fariñas, Librado Linares e altri 15 dissidenti
  Yoani Sánchez firma petizione per la democrazia a Cuba
  Martha Beatriz Roque aggredita nella sua abitazione
  «Sono di ritorno dall’inferno…» Liberato Francisco Chaviano
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  Gordiano Lupi. Gianni Minà attacca Yoani Sánchez
  Cuba. Minacciata la vita dell’economista radicale Martha Beatriz Roque
  Cuba. Martha Beatriz Roque in condizioni critiche
  Cuba. Liberato Jorge Vázquez Chaviano
  Antúnez in gravi condizioni di salute
  Gordiano Lupi. Vieni avanti, Miná!
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  Yoani Sánchez. Soroa
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Buon compleanno, Yoani!
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra è improduttiva...
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Yoani Sánchez. Perdere tutto
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1ª parte
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Generación Y compie quattro anni
  Marcello Bussi. Franqui: La storia è una puttana
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertà
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertà
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Yoani Sánchez. Io
  Yoani Sánchez tra le 100 persone più influenti del pianeta
  Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Yoani Sánchez. Gorki
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Com'è che non riesci più a volare?
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Yoani Sánchez. Due anni
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog più cliccato dell'isola
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy