Giovedì , 23 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa 
Dibattuta tra abbattimento del regime o dialogo
31 Luglio 2012
 

In meno di un anno l'opposizione cubana ha perso due leader importanti. Il 14 ottobre scorso è morta Laura Pollán, coordinatrice delle Dame in Bianco e figura chiave nel processo di scarcerazione dei prigionieri della Primavera Nera. Una settimana fa è scomparso Oswaldo Payá, fondatore del Movimento Cristiano di Liberazione. Questi attivisti godevano di grande considerazione internazionale e la loro scomparsa giunge in un momento in cui la dissidenza sta cercando nuovi orizzonti. Analizziamo in breve lo scenario attuale e i possibili effetti nel prossimo futuro.

L'opposizione cubana attiva sull'Isola si caratterizza per un carattere decisamente pacifico e non armato. Ha preferito basare la sua azione su programmi politici, documenti in cui chiede il rispetto dei diritti umani, manifestazioni di piazza, cartelloni dipinti sulle facciate o semplici riunioni a porte chiuse. La dissidenza si comporta ed esprime le sue idee in maniera molto più democratica del governo che ha sede in piazza della Rivoluzione.

All'interno della dissidenza esistono diverse opinioni sui possibili percorsi e destini della transizione. Molte scelte sono divergenti ma alcuni punti sono comuni. Per esempio un filo conduttore che attraversa la società civile è la consapevolezza che siano improcrastinabili cambiamenti politici, sociali ed economici. Un obiettivo comune è quello di porre fine alla persecuzione dei non conformi, agli arresti arbitrari e alle condanne per motivi politici. Tutti concordano che il Governo di Raúl Castro non sta affrontando con sufficiente energia i problemi nazionali.

Sono state tentate molte classificazioni schematiche dell'opposizione cubana, ma la maggior parte di questi studi si è focalizzata sulle tendenze politiche dei gruppi che li compongono. Alcuni analisti hanno stabilito divisioni di carattere generazionale, tra oppositori storici e protagonisti molto più giovani. Ma, nella pratica, non sono né i colori politici, né l'età che differenziano - in maniera significativa - le diverse associazioni dissidenti.

Un punto chiave delle diversità risiede nella legittimità che viene riconosciuta al governo di Raúl Castro e alle sue proposte di cambiamento. Una parte sostiene che un possibile dialogo con le autorità porterebbe a una transizione non violenta. Sono di questa idea figure importanti come José Daniel Ferrer - Presidente della Unione Patriottica di Cuba - che afferma: «Il dialogo è possibile ma solo dopo aver rinforzato la società civile». Altri, da parte loro, non prendono neppure in considerazione l'idea di scendere a patti con il regime, sostenendo l'illegittimità di un governo che non si basa su una corretta investitura popolare. Questi dissidenti considerano il Partito Comunista alla stregua di un sequestratore di ostaggi con cui non si deve - in alcun modo – trattare. Negoziare o distruggere, sembrano le due concezioni agli antipodi intorno alle quali si definiscono le attuali forze di opposizione.

L'embargo nordamericano è un altra problematica che contribuisce a diversificare le posizioni politiche. All'interno dell'Isola, molti dissidenti sostengono che devono mantenersi le restrizioni economiche per mettere alle corde il governo. Secondo la loro opinione, permettere un commercio libero con gli Stati Uniti o autorizzare i viaggi dei nordamericani a Cuba, significherebbe fornire ossigeno fresco capace di rinforzare la posizione del Generale Presidente. José Luis García (Antúnez), leader dissidente che risiede nel centro dell'Isola, è uno dei principali sostenitori di questa posizione.

 

Raggiungere il popolo, la grande sfida

La dissidenza cubana non può accedere ai mezzi di comunicazione di massa. Questo limita in maniera significativa la capacità di diffondere proposte e programmi politici. Il governo di Raúl Castro non permette di accedere ai microfoni di Stato neppure per un minuto, ma utilizza la televisione e la stampa ufficiale per definire i dissidenti come “servi dell'Impero”, o “gruppuscoli senza importanza”. Sono stati frequentemente oggetto di lapidazioni mediatiche, l'attivista per i diritti umani Elizardo Sánchez, la leader dissidente Martha Beatriz Roque, il laico di ispirazione cattolica Dagoberto Valdés e lo stesso gruppo delle Dame in Bianco.

Questi protagonisti sociali potranno essere importanti nei prossimi anni, ognuno secondo la sua prospettiva. Inoltre esistono diversi progetti di promozione socioculturale, come quello diretto da Antonio Rodiles che raccoglie anche persone collegate a istituzioni statali. È molto importante che queste attività siano accompagnate da un costante lavoro informativo. Per questo i giornalisti indipendenti e i blogger alternativi assumeranno un ruolo sempre più decisivo.

In questo scenario, la morte di Oswaldo Payà apre un interrogativo sul futuro del Movimento Cristiano di Liberazione, che conta numerosi membri sparsi per tutta l'Isola. Questa forza politica deve riuscire a sopravvivere alla scomparsa del suo fondatore per dimostrare la maturità raggiunta da tutta l'opposizione cubana. Va detto anche che Raúl Castro si è impadronito di alcuni punti che erano in primo piano nell'agenda dei suoi avversari politici. L'apertura alla piccola impresa privata, la possibilità di comprare e vendere case o auto e la concessione in usufrutto delle terre incolte, sono alcune delle riforme che il Governo ha disposto negli ultimi quattro anni. Un simile panorama obbliga i gruppi oppositori a tracciare nuovi orizzonti e a ridefinire molte proposte.

 

Yoani Sánchez

(da El País, 28 luglio 2012)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Percossi e arrestati 52 dissidenti cubani
  Cuba. Presto liberato Oscar Elías Biscet
  Andrés Carrión Álvarez di nuovo arrestato
  Reinaldo Escobar / Guillermo Farińas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Oscar Elías Biscet. Per Cuba serve una “rivoluzione dei diritti umani”
  Identificato il cubano che ha gridato “Abbasso il comunismo!”
  Cuba. Liberati due dissidenti a Santiago
  Il dengue a Cuba e le bugie di stato
  Dissidente cubano in fin di vita
  Cuba. Muore un altro prigioniero politico in sciopero della fame
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Valter Vecellio. La terrificante situazione carceraria
  Č arrivato il momento della Primavera cubana?
  Gordiano Lupi. Grave un dissidente cubano in sciopero della fame
  Farińas arrestato e rilasciato dalla polizia cubana
  Il silenzio di Raúl Castro
  Rafael Rojas. Il falso dilemma della transizione cubana
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  Notizie da Cuba. Tutto quello che il Granma e Diliberto non dicono…
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  Yoani Sánchez incontra Rosa Díez, leader spagnola di Unione Progresso e Democrazia
  Osvaldo Ricardo Díaz Sánchez esiliato in Italia
  Reazioni alla morte di Orlando Zapata Tamayo
  Arresti a Cuba
  Elizardo e Yoani non credono nel “ritiro” di Fidel Castro
  A Cuba cominciano i licenziamenti
  Cuba. Indulto anche per sette prigionieri politici
  Cuba. Elezioni farsa mentre 34 prigionieri di coscienza stanno sull'orlo della morte
  «Sono di ritorno dall’inferno…» Liberato Francisco Chaviano
  Gordiano Lupi. Repressione a Cuba
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Gordiano Lupi. I rapporti Cuba - Spagna in pericolo dopo le elezioni
  Un gruppo Facebook promuove una rivolta contro il regime cubano
  Gordiano Lupi. A Cuba la situazione si aggrava
  Cuba: Liberati i dissidenti arrestati
  Aumenta la repressione a Cuba
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  Darsi Ferrer finalmente a casa
  Reazioni a Cuba dopo la notizia delle future liberazioni di prigionieri politici
  Cuba. Arrestati Guillermo Farińas, Librado Linares e altri 15 dissidenti
  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  Gordiano Lupi. Disordini a Cuba sulla spinta birmana
  Un riconoscimento tardivo
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  La Polizia cubana bastona i dissidenti
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Yoani Sánchez firma petizione per la democrazia a Cuba
  Martha Beatriz Roque aggredita nella sua abitazione
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  Cuba. Liberato Jorge Vázquez Chaviano
  Gordiano Lupi. Gianni Minŕ attacca Yoani Sánchez
  Cuba. Minacciata la vita dell’economista radicale Martha Beatriz Roque
  Cuba. Martha Beatriz Roque in condizioni critiche
  Antúnez in gravi condizioni di salute
  Gordiano Lupi. Vieni avanti, Miná!
  Raúl Castro: “Non rimettete troppe speranze nella Conferenza del Partito”
  Papa Benedetto XVI: “Il marxismo non č piů attuale”
  Librado Linares sarŕ scarcerato
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Orlando Luis Pardo Lazo. “Sono una persona che non conosce la parola odio” - Intervista a Yoani Sánchez
  Yoani partecipa via Skype a “We Have a Dream”
  La Polizia cubana confisca la sede della rivista indipendente “Convivencia”
  La Rivoluzione Bianca
  Generación Y. Ragioni civiche
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5Ş Avenida
  Yoani Sánchez. Laura, grande Laura
  Gordiano Lupi. 'Peones' della dittatura
  Yoani Sánchez. Anniversario della morte di Laura Pollán
  Yoani Sánchez. Cronaca di un arresto arbitrario
  Brevi da L'Avana: Arrestato graffitaro cubano, Laura Pollán stabile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  La missione delle Dame in Bianco: Lottare per la Libertŕ del popolo cubano
  “Premio Nacional Tolerancia Plus” 2012 assegnato alle Damas de blanco
  Dubbi sulla morte di Laura Pollán
  Cuba. Laura Pollán ricoverata in ospedale
  Oswaldo Payá, il Gandhi cubano
  Atto di ripudio organizzato contro le Damas de Blanco
  Proposti due dissidenti cubani al premio Nobel per la pace
  Muore Laura Pollán
  Andria Medina. Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  Arrestate Dame in Bianco a Matanzas
  Cuba. Repressione contro le Damas de Blanco
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Un uomo di nome Payá
  Payá (dissidente cattolico), “Via l’embargo” esiste “alternativa pacifica”
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  Cuba. A due anni dalla morte di Oswaldo Payá
  Yoani Sánchez e la morte di Payá
  Breve da Cuba sull'incidente a Oswaldo Payá
  La veritŕ su Cuba
  Yoani Sánchez negli USA
  Carlos Alberto Montaner. Appunti sul caso della morte di Oswaldo Payá
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Farińas
  Oswaldo Payá. Cronaca di un ricatto
  Oswaldo Payá: “Siamo molto vicini alla veritŕ e alla liberazione”
  Cuba. Repressioni contro “El Camino del Pueblo”
  Cuba. In libertŕ alcuni prigionieri politici
  Il Partito Popolare Spagnolo sostiene la candidatura di Oswaldo Payá al Premio Nobel per la Pace
  Il cambiamento si chiama LIBERTŔ: a Cuba non č cambiato niente
  Rosa María Payá: «Cuba si dissangua con Obama che prende il volo dall’Avana»
  Yoani Sánchez. I funerali di Payá tra arresti e sospetti
  Oswaldo José Payá Sardińas ripropone il Progetto Varela
  Gordiano Lupi. Muore il dissidente cubano Oswaldo Payá
  Yoani Sánchez: Il giro del mondo in 80 giorni
  Oswaldo Payá replica al cardinal Bertone
  Oswaldo Payá e Yoani Sánchez candidati al Nobel per la Pace
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  In memoria di Oswaldo Payá
  Oswaldo Payá Sardińas denuncia una campagna repressiva contro i dissidenti
  Andy Garcia: “Oswaldo Payá porta la fiaccola della libertŕ assoluta in un paese dove non esiste”
  Pier Ferdinando Casini invita a Roma la vedova di Oswaldo Payá
  Cuba. Il regime vuol presidiare le messe del Papa
  Notizie da una Cuba in movimento
  Il Papa a Cuba tra ipocrisia e repressione
  Gordiano Lupi. Un cubano ricorda Payŕ alle Olimpiadi?
  Cuba. Sull'incidente che ha causato la morte di Payá e Cepero
  Gordiano Lupi. La Cuba quotidiana di Domenico Vecchioni
  “Somos Liberación”. Nasce la rivista del Movimento Cristiano di Liberazione
  Vetrina/ Rosa María Payá Acevedo. Al padre
  Carlos Amel Oliva: “Voglio dare la mia vita per una Cuba diversa”
  Dissidente cubano Antúnez ripudia riforme di Castro in una lettera di sfida
  Oswaldo Payá Sardińas. Per la democrazia a Cuba
  Gordiano Lupi. Musicisti uniti per la libertŕ di Cuba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 31 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy