Giovedì , 20 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. 'Peones' della dittatura 
Niente di nuovo sotto il sole: infiltrati denunciano la dissidenza cubana al soldo dell’Impero
01 Marzo 2011
 

Carlos Manuel Serpa Maceira e Moisés Rodríguez erano due agenti della Sicurezza di Stato, infiltrati per lungo tempo tra le fila della dissidenza. La rivelazione è stata annunciata dal programma speciale della televisione cubana “Peones del Imperio”, trasmesso sabato scorso in prima serata. Lo scalpore è stato grande, sia all’interno che fuori dall’isola, tra cittadini cubani ed esiliati. Nessuno può sorprendersi più di tanto, però, soprattutto chi segue da anni con attenzione le vicende cubane. Si tratta di un vecchio copione che le gerarchie governative hanno appreso dai servizi segreti sovietici e dal modus operandi della polizia politica dei vecchi regimi comunisti. Periodicamente a Cuba torna d’attualità la mai provata accusa governativa che descrive tutta l’opposizione interna come un’organizzazione finanziata dagli Stati Uniti.

Carlos Manuel Serpa Maceira, agente Emilio, e Moisés Rodríguez, agente Vladimir, sono stati presentati al folto pubblico che il sabato sera si riunisce davanti agli schermi televisivi. Serpa era un giornalista indipendente molto attivo, vicino alle Damas de Blanco, collaborava con organizzazioni di stampa di Miami, come Radio Mambí, Cubanet e Radio - TV Martí. Rodríguez, tra il 1987 e il 1989, ha fatto parte della Commissione Cubana per i Diritti Umani e la Riconciliazione Nazionale.

Il programma televisivo ha presentato l’opposizione cubana come un blocco monolitico diretto e pagato da Washington. Le accuse più gravi sono state rivolte ai dissidenti più prestigiosi: dalla blogger Yoani Sánchez, che riscuote grande credito internazionale, fino alle Damas de Blanco, che ogni domenica marciano per le strade dell’Avana chiedendo la liberazione dei prigionieri politici. Gli agenti hanno rivolto pesanti accuse al giornalista indipendente Guillermo Fariñas, che ricordiamo in un lungo sciopero della fame per reclamare la liberazione dei prigionieri politici e per aver ricevuto il Premio Sacharov dal Parlamento Europeo, nel 2010. Un altro obiettivo degli agenti infiltrati è stato Jorge Luis García Perez, alias Antúnez, un ex prigioniero politico che si è reso protagonista di numerose proteste contro il governo dei fratelli Castro. Secondo le accuse si tratterebbe di persone «pagate dall’imperialismo statunitense».

Antúnez, in un’intervista telefonica rilasciata a El Nuevo Herald, ha detto che gli oppositori non devono scoraggiarsi per la propaganda governativa, proprio adesso che nella popolazione sta crescendo simpatia e condivisione. Secondo Antúnez, Serpa non è un agente della Sicurezza di Stato ma un semplice traditore, un cittadino corrotto dalle autorità che hanno approfittato della sua debolezza e di uno stato di bisogno economico. 

Laura Pollán, leader delle Damas de Blanco, ha detto che non è sorpresa per l’infiltrazione di agenti, perché sono 52 anni che il governo cubano cerca di screditare la dissidenza. «È un modo per intimidirci e per creare sfiducia nei nostri confronti, ma non otterranno il loro scopo, anche se i mezzi di comunicazione sono tutti nelle mani del governo», ha detto la Pollán. Domenica scorsa le Damas de Blanco sono state insultate e percosse durante un lungo atto di ripudio da parte di gruppi governativi.

Serpa ha detto a Juventud Rebelde: «L’opposizione esiste solo per ottenere denaro, tutto è in funzione dei dollari statunitensi». L’agente infiltrato ha definito la Sociedad Interamericana de Prensa (SIP) e Reporteros sin Fronteras come «organizzazioni che servono soltanto a condurre battaglie mediatiche contro Cuba».

Cubanet e altre reti di attivisti sono state oggetto di accuse da parte degli agenti. È facile vedere che siamo di fronte a pura propaganda di Stato, condotta facilmente in un situazione di totale assenza di libertà di stampa e di impossibilità a controbattere le accuse. Un attacco per screditare l’opposizione, che giunge in un momento difficile, per evitare che a Cuba possano verificarsi ribellioni sul modello arabo. Il governo cubano vuole mantenere con ogni mezzo il controllo della situazione politica e sociale, anche se si rende conto che il movimento oppositore sta compiendo grandi passi in avanti. Si vuol far credere che l’opposizione esiste soltanto perché è sovvenzionata dall’estero. Si sta ripetendo il vecchio copione della Primavera Nera del 2003, quando l’ondata repressiva venne anticipata da pesanti accuse da parte di agenti infiltrati nelle fila della dissidenza. Le testimonianze dei poliziotti segreti servirono per condannare giornalisti indipendenti a lunghe pene carcerarie.

Non resta che attendere gli sviluppi.

 

Gordiano Lupi

 

 

La vignetta “Peones de la dictadura” è di Omar Santana (El Nuevo Herald) e non ha bisogno di traduzione.


Articoli correlati

  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  La verità su Cuba
  Pannella sulla manifestazione di radicali ieri a Cuba, e su altre iniziative di politica transnazionale
  Yoani Sánchez. Il mio ultimo briciolo di fede
  Cuba. Repressione contro le Damas de Blanco
  Carlos Carralero. “A Cuba non si tortura... A Cuba non si uccide... A Cuba non c’è opposizione al regime...”
  Democrazia cubana e modello statunitense
  Gordiano Lupi. A Cuba segnali di fermento
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  Il venerdì nero dei diritti umani
  Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  A Cuba continua la repressione
  Cuba: Il 2012 inizia sotto il segno delle Damas de Blanco
  Cuba. Chaviano, da 13 anni in carcere, si iscrive al Partito Radicale
  Marianna Mascioletti. Cuba, atto terzo. La fabbrica degli eroi e il Nobel per la pace
  A Cuba si vive un luglio rovente
  La fine del venerdì nero con parole di speranza. Nuovo premio per Yoani
  La missione delle Dame in Bianco: Lottare per la Libertà del popolo cubano
  Nuovo nome alle Dame in Bianco in memoria di Laura Pollán
  Legislatori USA nominano le Damas de Blanco e Biscet per il Nobel della Pace
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Fariñas
  Dissidenti cubani? Arrestati e condannati in base alla legge
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Yoani Sánchez. Intimidazioni per chi manifesta per la libertà di parola
  Raúl rivolto a Fidel: "Cazzo, è un'infermiera! Non è un Dama in Bianco!"
  Un rosso scolorito
  Cuba: Raydel Poey e Yasser Portuondo liberi
  Joel Rodriguez. Cuba: la Chiesa a 90 gradi
  Yoani Sánchez. Il buon pastore
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  Oswaldo Payá Sardiñas. Forte repressione contro le 'Damas de Blanco'
  Atto di ripudio organizzato contro le Damas de Blanco
  Raúl Castro «rammaricato» per la morte di Orlando Zapata Tamayo
  Il mio vaso di Pandora contro l’intolleranza
  Sesta marcia delle Dame in bianco
  Gordiano Lupi: “Sono stato minacciato”. Yoani Sánchez e gli stalinisti
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Preparativi per la visita del papa all'Avana
  Yoani-Twitter. Nuovo diniego a viaggiare. Coco Fariñas in pericolo di vita
  Guillermo Fariñas in terapia intensiva dopo 16 giorni di sciopero della fame
  Cuba. Coco Fariñas in pericolo di vita
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Andria Medina. Ancora due o tre cose sul Sakarov a Fariñas
  Cuba. Arrestati Guillermo Fariñas, Librado Linares e altri 15 dissidenti
  “Il governo cubano usa il terrore contro la penna”. Espulso da Cuba un giornalista spagnolo
  Cuba. Liberata la blogger Yoani Sánchez dopo diverse ore di detenzione
  Fariñas arrestato e rilasciato dalla polizia cubana
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  È arrivato il momento della Primavera cubana?
  Cuba dopo Castro
  Nuova detenzione per Fariñas
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  “Hasta cuando?” Yoani Sánchez chiede che il Papa parli di Cuba
  Coco Fariñas è in ospedale
  Coco Fariñas in sciopero della fame e della sete
  Il Granma parla del caso Fariñas
  Il Granma parla di Fariñas
  “Cuba non cederà ai ricatti”. Raúl Castro parla sul caso Fariñas
  Liberato Fariñas
  Cuba. Fariñas agli arresti senza un capo di imputazione
  Appello urgente per la vita del dottor Guillermo Fariñas in Cuba
  Gordiano Lupi. Fariñas candidato favorito al Premio Sacharov
  Yoani Sánchez. Il primo sorso d’acqua
  Yoani Sánchez in viaggio tra dubbi e speranze
  Jardim. L'Unione Europea manda un messaggio all'Avana
  Valter Vecellio. Le gocce che scavano le pietre
  Reazioni a Cuba dopo la notizia delle future liberazioni di prigionieri politici
  Pablo Pacheco. Sajarov a Fariñas: un riconoscimento ai democratici cubani
  Cuba: Liberati i dissidenti arrestati
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  La Spagna corre in aiuto del dissidente Fariñas in pericolo di vita
  Cuba. Arrestato Fariñas per reati di opinione
  Notizie da una Cuba in movimento
  Gordiano Lupi. I rapporti Cuba - Spagna in pericolo dopo le elezioni
  Cuba. Un piano per eliminare Fariñas?
  Yoani Sánchez. L'importanza di un premio
  Yoani Sánchez. I funerali di Payá tra arresti e sospetti
  Fariñas pensa a un nuovo sciopero della fame se non si risolverà il caso dei tredici prigionieri politici
  Guillermo Fariñas interrompe lo sciopero della fame
  Proposti due dissidenti cubani al premio Nobel per la pace
  Brevi da L'Avana: Arrestato graffitaro cubano, Laura Pollán stabile
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5ª Avenida
  Oswaldo Payá, il Gandhi cubano
  Arrestate Dame in Bianco a Matanzas
  Cuba. Laura Pollán ricoverata in ospedale
  Muore Laura Pollán
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Yoani Sánchez. Laura, grande Laura
  Dubbi sulla morte di Laura Pollán
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Yoani Sánchez. Anniversario della morte di Laura Pollán
  Yoani Sánchez. Cronaca di un arresto arbitrario
  “Premio Nacional Tolerancia Plus” 2012 assegnato alle Damas de blanco
  Andria Medina. Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy