Mercoledì , 22 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
«Sono di ritorno dall’inferno…» Liberato Francisco Chaviano 
Il prigioniero politico più vecchio di tutta l’America Latina. In libertà condizionale per motivi di salute
Francisco Chaviano con la moglie
Francisco Chaviano con la moglie 
12 Agosto 2007
 

Il dissidente cubano Francisco Chaviano, considerato il prigioniero di coscienza più vecchio di tutta l’America Latina, è stato scarcerato venerdì 10 agosto dopo aver scontato 13 anni di detenzione. Il caso di Chaviano, 54 anni, è stato per anni all’attenzione della Commissione dei Diritti Umani dell’ONU e della Commissione Interamericana della OEA. La scarcerazione è avvenuta con la formula della “libertà condizionata” ed è stata dettata da motivi di salute.

«Sono di ritorno dall’inferno», ha dichiarato Chaviano dalla sua casa di Jaimanitas, un quartiere a Est dell’Avana. «Se Dante avesse conosciuto il Combinado del Este (la prigione dove era rinchiuso, nda) non avrebbe dovuto far ricorso all’immaginazione per scrivere l’Inferno».

Chaviano, professore di matematica dell’Istituto di Chimica dell’Avana è stato arrestato il 7 maggio 1994 e condannato a 15 anni per aver rivelato segreti riguardanti la sicurezza dello Stato e falsificato documenti. La condanna è stata diramata da un tribunale militare dell’Avana nell’aprile 1995.

«Sono stato rinchiuso per cinque anni in una piccola cella senza vedere uno spiraglio di sole, per due anni sono stato in totale isolamento e non ho potuto ricevere alcun tipo di visita, infine per quattro anni non ho potuto vedere mia moglie. Si è trattato di un accanimento crudele che si è esteso pure alla mia famiglia, a mia moglie e ai miei figli», ha raccontato l’oppositore al Nuevo Herald di Miami.

Chaviano ha detto che questi anni di prigionia hanno minato la sua salute. Il dissidente soffre di un tumore al polmone in rapida crescita e di una cardiopatia ischemica, due malattie ad alto rischio per la sua vita. Negli ultimi anni di prigione è stato ricoverato in ospedale in varie occasioni per crisi respiratorie e cardiache.

«Il deterioramento dei miei polmoni lo devo a loro (al governo nda)… a Cuba la galera uccide», ha raccontato Chaviano. Le condizioni in cui il prigioniero veniva tenuto non erano salubri e non hanno giovato alla sua salute. Chaviano ha aggiunto che non andrà in esilio, ma continuerà la sua lotta per un Cuba democratica all’interno del paese.

«Questo paese è un disastro, un disastro totale», ha detto.

«La povertà economica è sotto gli occhi di tutti», ha aggiunto.

Prima del suo arresto Chaviano era Presidente del Consiglio dei Diritti Civili di Cuba, un’organizzazione che si occupava delle libertà civili e che ha denunciato la penetrazione di agenti della Seguridad del Estado all’interno del movimento dissidente. Chaviano era uno dei 73 prigionieri di coscienza cubani registrati da Amnesty Internacional, quello di maggior permanenza in un carcere occidentale per motivi politici. A Cuba, secondo statistiche ufficiali, si contano ancora oltre duecento prigionieri politici e chissà quanti sono i desaparecidos.

«Riceviamo la buona notizia della scarcerazione, però denunciamo la continua violazione del codice penale del 1987 in merito ai casi di scarcerazione anticipata», ha detto Elizardo Sánchez, Presidente della Commissione Cubana dei Diritti Umani e di Riconciliazione Nazionale. Secondo la legge cubana, Chaviano avrebbe dovuto uscire in “libertà assoluta” il passato 7 maggio. Senza dubbio gli è stata prolungata la prigionia di tre mesi e la scarcerazione è avvenuta in modo “condizionale”.

Un altro prigioniero politico liberato quest’anno, Jorge Luis Garcia Pérez (Antúnez), ha scontato ben 17 anni di reclusione nelle carceri cubane.

 

 

AUMENTANO LE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI A CUBA

 

Gli oppositori Martha Beatriz Roque e Vladimiro Roca denunciano un aumento delle violazioni dei diritti umani a Cuba, durante una conferenza stampa che ha avuto luogo a casa di Michael Parmly, capo della sezione di interessi degli Stati Uniti all’Avana. Beatriz Roque e Vladimiro Roca avrebbero voluto tenere una conferenza pubblica, ma il governo ha negato ai dissidenti la possibilità di affittare uno spazio dove poter parlare ai cittadini e alla stampa.

«Esiste una tendenza a confondere la diminuzione dei prigionieri politici con un miglioramento della situazione dei diritti umani a Cuba, ma non è così. In realtà esiste un progressivo deterioramento delle condizioni di vita dei prigionieri politici», ha detto la Roque, presidente della Asemblea para Promover la Sociedad Civil (APSC). Beatriz Roque è l’unica donna del gruppo dei 75 oppositori condannati a Cuba nel 2003 ed è stata scarcerata un anno dopo del suo arresto per problemi di salute. Fa eco alle sue parole Elizardo Sánchez, presidente della illegale (ma tollerata) Comisión Cubana de Derechos Humanos y Reconciliación Nacional, affermando che «il numero totale dei prigionieri politici si è ridotto nel primo semestre del 2007 passando da 283 a 246, però la situazione di repressione e frustrazione non è cambiata». Vladimiro Roca della coalizione democratica Todos Unidos (illegale, ma tollerata) ha ribadito che «il governo continua a violare ogni diritto del popolo cubano».

Alla conferenza hanno preso parte anche alcuni familiari dei prigionieri politici e tra questi Yaraí Reyes, moglie di Normando Hernández, che ha denunciato un continuo peggioramento della salute del marito, incompatibile con il regime carcerario, ma il governo continua a tenerlo prigioniero.

 

Gordiano Lupi

 

«La liberazione di tutti i prigionieri politica sia condizione per dialogo con Unione Europea e Italia». Sulla liberazione di Francisco Chaviano segnaliamo anche il Comunicato stampa diffuso ieri dal Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito. (red.)


Articoli correlati

  La verità su Cuba
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Cuba. Chaviano, da 13 anni in carcere, si iscrive al Partito Radicale
  Valter Vecellio. La terrificante situazione carceraria
  È arrivato il momento della Primavera cubana?
  Gordiano Lupi. Grave un dissidente cubano in sciopero della fame
  Fariñas arrestato e rilasciato dalla polizia cubana
  Il silenzio di Raúl Castro
  Rafael Rojas. Il falso dilemma della transizione cubana
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  Notizie da Cuba. Tutto quello che il Granma e Diliberto non dicono…
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  Yoani Sánchez incontra Rosa Díez, leader spagnola di Unione Progresso e Democrazia
  Osvaldo Ricardo Díaz Sánchez esiliato in Italia
  Reazioni alla morte di Orlando Zapata Tamayo
  Arresti a Cuba
  Elizardo e Yoani non credono nel “ritiro” di Fidel Castro
  A Cuba cominciano i licenziamenti
  Cuba. Indulto anche per sette prigionieri politici
  Cuba. Elezioni farsa mentre 34 prigionieri di coscienza stanno sull'orlo della morte
  Gordiano Lupi. Repressione a Cuba
  Gordiano Lupi. I rapporti Cuba - Spagna in pericolo dopo le elezioni
  Un gruppo Facebook promuove una rivolta contro il regime cubano
  Gordiano Lupi. A Cuba la situazione si aggrava
  Cuba: Liberati i dissidenti arrestati
  Aumenta la repressione a Cuba
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  Darsi Ferrer finalmente a casa
  Reazioni a Cuba dopo la notizia delle future liberazioni di prigionieri politici
  Il dengue a Cuba e le bugie di stato
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Gordiano Lupi. Disordini a Cuba sulla spinta birmana
  La polizia reprime per evitare manifestazioni. I diritti umani a Cuba sono una chimera
  Le case a Cuba. Un video di Luis Antúnez
  Gordiano Lupi. Nuovi blogger e repressione
  Antúnez, un “diamante nero” nelle carceri cubane
  La Polizia cubana bastona i dissidenti
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Gordiano Lupi. Cuba: Il dissidente Antúnez incarcerato senza motivo
  Antúnez continua ad essere prigioniero dopo 17 anni
  Dissidente cubano Antúnez ripudia riforme di Castro in una lettera di sfida
  Gordiano Lupi. Vieni avanti, Miná!
  Cuba. Arrestati Guillermo Fariñas, Librado Linares e altri 15 dissidenti
  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  Un riconoscimento tardivo
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Yoani Sánchez firma petizione per la democrazia a Cuba
  Martha Beatriz Roque aggredita nella sua abitazione
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  Cuba. Liberato Jorge Vázquez Chaviano
  Gordiano Lupi. Gianni Minà attacca Yoani Sánchez
  Cuba. Minacciata la vita dell’economista radicale Martha Beatriz Roque
  Cuba. Martha Beatriz Roque in condizioni critiche
  Antúnez in gravi condizioni di salute
  Gordiano Lupi. A Cuba segnali di fermento
  Gordiano Lupi. La Cuba quotidiana di Domenico Vecchioni
  Andria Medina. Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  La Chiesa cattolica vede una Cuba democratica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy