Sabato , 23 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlos Alberto Montaner. Appunti sul caso della morte di Oswaldo Payá 
Cuba userŕ il “caso Carromero” per fermare gli aiuti all'opposizione democratica
06 Agosto 2012
 

È il mondo alla rovescia. Se Ángel Carromero, sobrio e sereno, come era, avesse sofferto in Spagna o negli Stati Uniti un incidente come quello avvenuto a Cuba, non sarebbe stato accusato di omicidio colposo. In un altro paese, sia lui come i familiari di Oswaldo Payá e di Harold Cepero, i due democratici cubani scomparsi, farebbero causa al governo per la pessima segnalazione delle strade, e all’agenzia statale che aveva noleggiato l’auto, per la mancanza o il non corretto funzionamento degli air bags. La famiglia di Cepero, inoltre, potrebbe portare in giudizio il sistema sanitario, perché la sua morte poteva essere evitata se i servizi medici fossero stati rapidi e professionalmente capaci. Cepero non è morto sul colpo, come Payá, ma in seguito a un coagulo di sangue in una gamba che non è stato scoperto in tempo, cosa che può essere definita negligenza medica. La causa diretta del sinistro è stata l’assenza di pavimentazione stradale, la presenza di ghiaia scivolosa e la mancanza di cartelli che preavvisavano con chiarezza il pericolo. Nelle strade cubane, tenute in maniera pessima, esiste un deficit cronico di segnalazioni (a parte i cartelloni propagandistici che esaltano le meraviglie della rivoluzione), e, secondo Oscar Suárez, ex reporter della televisione cubana, che conosce bene il luogo dell’incidente, Ángel Carromero assicura di non aver visto nessun cartello, perché, semplicemente, non esisteva.

 

Senso comune

 

Quel segnale con sopra scritto semplicemente la parola “Buca”, che non fa presagire niente di chiaro, è stato messo dopo per costruire uno scenario idoneo a condannare il conducente e a discolpare le autorità cubane. Il cartello stradale internazionale che avverte sulla possibilità di fondo scivoloso è composta da due linee ondulate parallele. Non si vedono simili segnali lungo il percorso.

Vogliono farci credere che Carromero teneva una velocità elevata e che è l’unico motivo per cui, frenando, la sua auto è uscita di strada e si è sfracellata lateralmente contro un albero. Questo è stato obbligato a dichiarare pubblicamente il giovane leader spagnolo. Ma è molto difficile correre a grande velocità per certe strade accidentate, tra l’altro viaggiando a bordo di un piccolo Accent di modesta cilindrata, e non c’è niente di strano nel frenare quando cambia improvvisamente la superficie stradale sulla quale viaggiamo, senza che ci siano cartelli a preavvisare il pericolo.

Quel che sappiamo, con certezza, è che la maggior parte delle persone, sottomesse alla pressione della polizia cubana - ricordate “il caso Padilla” -, dichiara qualunque cosa. L’ex colonnello Álvaro Prendes, eroe della rivoluzione che finì in un carcere castrista e alla fine morì in esilio, era solito dire malinconicamente: “Superman, dopo una settimana nelle mani della Sicurezza di Stato cubana, si mette a piangere e si pulisce il naso con il mantello”.

L’incidente rappresenta un’occasione per la dittatura per cercare di porre fine alla solidarietà internazionale con i democratici cubani. Carromero e Jens Aron Modig, il leader giovanile democristiano svedese che viaggiava con lui, si sono già scusati per aver prestato aiuto all’opposizione pacifica dell’isola. Questo è il proposito del regime di Raúl Castro: invocare una supposta sovranità cubana vulnerata da alcuni stranieri che portano ai dissidenti un po’ di denaro, memorie flash, informazioni e, soprattutto, sostegno politico. Proprio ciò che fecero i democratici europei nei confronti dei loro colleghi spagnoli durante la dittatura di Franco.

 

Doppio livello

 

Sembra che sia più onorevole e in regola con le normative internazionali, ciò che fanno i comunisti di diverse parti del mondo quando raccolgono risorse nei loro paesi per sostenere la dittatura del partito unico di Raúl Castro. Il governo cubano, quindi, proclama ed esercita il suo diritto a praticare l’internazionalismo rivoluzionario che costò la vita a Che Guevara, ma non riconosce il diritto all’internazionalismo democratico, messo in pratica da chi crede che la libertà sia un dono universale.

Mentre Cuba si lamenta dell’intervento dei popolari spagnoli e dei democristiani svedesi nella politica cubana, i suoi agenti e simpatizzanti tentano di influenzare la politica nordamericana. Corre voce che alcuni organizzatori di voli charter USA-Cuba abbiano donato 250.000 dollari per la campagna di Obama, sperando che questo denaro si trasformi in un cambiamento politico verso Cuba durante il suo secondo mandato. Questo è quel che si chiama ipocrisia.

 

Carlos Alberto Montaner

(da El Blog de Montaner, 3 agosto 2012)

 

 

José Martí diceva: “Ci sono uomini che crescono sotto l’erba”. Dopo la morte si moltiplica la loro influenza. Come accadde allo stesso Martí. Nel 1895, quando lo uccisero durante un combattimento, era praticamente sconosciuto dai cubani all’interno dell’Isola. Aveva passato quasi tutta la sua vita adulta in esilio. Dopo la sua morte si trasformò in un gigante.

Sembra che questo sarà il caso del leader democristiano Oswaldo Payá. La sua figura e il suo messaggio diventano più potenti ogni giorno che passa. Il Papa ha inviato alla famiglia di Payá un telegramma di condoglianze. Altri capi di Stato latinoamericani si sono comportati allo stesso modo. Il presidente Obama, oltre alle condoglianze, ha detto che continuerà a lottare per il rispetto dei diritti umani a Cuba. Il candidato presidente Mitt Romney e il senatore Marco Rubio hanno chiesto un’inchiesta seria e trasparente. Forse i Castro stanno festeggiando la morte di Payá, il democratico di maggior peso, originalità e carisma dell’opposizione cubana, ma si sbagliano. I cattolici cubani hanno serrato le fila attorno alla figura del leader scomparso, come ha detto Dagoberto Valdés. Persino il cardinale Jaime Ortega ha chiesto alla società civile di difendere gli ideali democratici. Il messaggio di Payá può essere importante anche tra i rivoluzionari non allineati, che non credono alle false riforme di Raúl Castro. Molti di questi ex simpatizzanti del castrismo oggi ammettono che fu un errore non aver accettato nel 1998 la proposta innovativa contenuta nel Progetto Varela, quando Payá, lo scrittore Regis Iglesia e altri dirigenti del Movimiento Cristiano de Liberación, presentarono al parlamento cubano 11.000 firme per convocare un referendum con il quale si sarebbe dovuto decidere se la società voleva proseguire con il collettivismo e con la tirannia del partito unico, oppure se preferiva un’altra forma più ragionevole di governo. Fidel, stalinista incorreggibile, reagì modificando la Costituzione e rendendo irrevocabile la forma di Stato socialista. Non ho dubbio che Payá sia più vivo che mai. Cresce sotto l’erba.

 

Traduzione e riduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Carromero. Giustizia giusta o di regime?
  Yoani Sánchez e la morte di Payá
  Gordiano Lupi. Muore il dissidente cubano Oswaldo Payá
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Yoani Sánchez e il teatrino
  Cuba. Torna in primo piano il caso Carromero
  Cuba. Arrestati a Bayamo Yoani Sánchez e Reinaldo Escobar
  La morte di Oswaldo Payá č stata un delitto di Stato?
  «Siamo liberi!», scrive Yoani su Twitter
  Yoani Sánchez. Segreto sarŕ il processo ad Ángel Carromero
  Cuba. Arrestato Farińas per reati di opinione
  Rosa María Payá vola in Spagna e a Ginevra
  Massimo Campo (NuovaCuba). Breve cronaca digitale dal paradiso dell'assenza delle libertŕ
  Cuba. Sull'incidente che ha causato la morte di Payá e Cepero
  Garrincha. Caraibiche premure
  Dissidente cubano Antúnez ripudia riforme di Castro in una lettera di sfida
  Yoani Sánchez: Il giro del mondo in 80 giorni
  Cuba. La moglie di Payŕ vuole incontrare Carromero
  Yoani Sánchez. Nei panni di Ángel Carromero
  Yoani Sánchez incontra Rosa Díez, leader spagnola di Unione Progresso e Democrazia
  Andy Garcia: “Oswaldo Payá porta la fiaccola della libertŕ assoluta in un paese dove non esiste”
  Il Partito Popolare Spagnolo sostiene la candidatura di Oswaldo Payá al Premio Nobel per la Pace
  Pier Ferdinando Casini invita a Roma la vedova di Oswaldo Payá
  Oswaldo Payá Sardińas denuncia una campagna repressiva contro i dissidenti
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  Gordiano Lupi. Un cubano ricorda Payŕ alle Olimpiadi?
  Oswaldo Payá e Yoani Sánchez candidati al Nobel per la Pace
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
  Yoani Sánchez negli USA
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Rafael Rojas. Il falso dilemma della transizione cubana
  Payá (dissidente cattolico), “Via l’embargo” esiste “alternativa pacifica”
  Il cambiamento si chiama LIBERTŔ: a Cuba non č cambiato niente
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Un uomo di nome Payá
  La veritŕ su Cuba
  Oswaldo Payá: “Siamo molto vicini alla veritŕ e alla liberazione”
  Notizie da una Cuba in movimento
  Oswaldo Payá replica al cardinal Bertone
  Cuba. In libertŕ alcuni prigionieri politici
  Il Papa a Cuba tra ipocrisia e repressione
  Breve da Cuba sull'incidente a Oswaldo Payá
  Carlos Amel Oliva: “Voglio dare la mia vita per una Cuba diversa”
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Oswaldo José Payá Sardińas ripropone il Progetto Varela
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Oswaldo Payá, il Gandhi cubano
  Yoani Sánchez firma petizione per la democrazia a Cuba
  Gordiano Lupi. La Cuba quotidiana di Domenico Vecchioni
  Gordiano Lupi. Musicisti uniti per la libertŕ di Cuba
  Cuba. Repressioni contro “El Camino del Pueblo”
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  Vetrina/ Rosa María Payá Acevedo. Al padre
  Oswaldo Payá Sardińas. Per la democrazia a Cuba
  Cuba. Il regime vuol presidiare le messe del Papa
  Yoani Sánchez. I funerali di Payá tra arresti e sospetti
  Cuba. A due anni dalla morte di Oswaldo Payá
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Farińas
  Oswaldo Payá. Cronaca di un ricatto
  In memoria di Oswaldo Payá
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  La Polizia cubana confisca la sede della rivista indipendente “Convivencia”
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5Ş Avenida
  “Somos Liberación”. Nasce la rivista del Movimento Cristiano di Liberazione
  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  Rosa María Payá: «Cuba si dissangua con Obama che prende il volo dall’Avana»
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 20 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy