Domenica , 14 Aprile 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Carlos Alberto Montaner. Appunti sul caso della morte di Oswaldo Payá
Cuba userà il “caso Carromero” per fermare gli aiuti all'opposizione democratica
 
Commenti presenti : 20 In questa pagina : da 1 a 10
   08-08-2012
Mai usufruito di un euro di sovvenzioni da nessuno, Argitere! Ho guadagnato solo con il mio lavoro, mai con i soldi elargiti...
Gordiano Lupi   
 
   08-08-2012
E anche tagli alle sovvenzioni all'editoria... attenti!
Argitere   
 
   08-08-2012
Per mestiere... statale direi.
Ma attenzione... ci sono tanti licenziamenti tra i dipendenti pubblici. In Italia come a Cuba.

:)

Massimo Campo   
 
   08-08-2012
Ho l'impressione che qualcuno faccia "per mestiere" il commentatore nei siti. Tipo Brigate di Risposta Rapida. Tanto amore e "fervore rivoluzionario" è quanto meno insolito. Se scrivo di cinema italiano molti leggono e pochi commentano. Se scrivo di Cuba - ovunque lo faccia - pare che suoni un campanello o che si accenda una lampadina da qualche parte. Subito fioccano i commenti. Coincidenze? Non lo so. In ogni caso è divertente.
Gordiano Lupi   
 
   07-08-2012
A volte ho seri dubbi se a certi articoli o commentari si deva rispondere. Sono così insidiosi e bugiardi che qualsiasi siano le prove continueranno fino alla fine a ripeterla.
Montaner ci parla di Oscar Suárez. Cosa curiosa – e contradittoria –che per dare viso di verità ci precisi che era «reporter». Sempre ci hanno assicurato che nei media tutti erano degli inetti compiacenti leali alla dittatura; passati sotto i raggi X della sicurezza cubana. Basta che qualcuno, come Suárez e altri, passi dall’altra parte perché diventi santo di verità; un buono. Ci sto pensando, pure io!
Montaner, oppositore con metodi terroristici che ha dato ragione ai metodi violenti, ci parla di pacifismo.
Conviene sempre sapere il pulpito per “capire” la preghiera.
Montaner mente quando svia sugli airbag. La vettura non ha colpito di fronte e in essi casi non hanno motivo per scattare a meno che si avessi fermato di botto contro l’albero. Cosa che non avvenne.
In un impatto laterale violento (vedere della foto i segni dell’intento di giro verticale contro l’albero) gli airbag servono a ben poco; incluso, i laterali (che sì sarebbero scattati) di essere in dotazione. Serve a ben poco la cintura di sicurezza, almeno per il passeggiero accanto alla zona di impatto.
Montaner è molto provabile che menta quando parla della morte evitabile di Cepero: basta vedere le foto (insisto sul giro contro l’albero) per immaginare la brutalità dell’impatto. Sempre ci avevano raccontato che tutto era accaduto in fretta, pure il ritiro «immediato» degli altri (inventati) auto o camion coinvolti nell’incidente. Prima, tutto con massima fretta; adesso, tutto con massima lentezza. Prima, tutto segreto; adesso, perfino Montaner che è, ben lontano da Cuba, sa tutti dettagli.
Per aggiungere male Montaner parla di «coagulo di sangue in una gamba» e non: partito dalla gamba. Forse Montaner non sa che con traumi importanti agli arti possono partire dei trombi che posso uccidere una persona in minuti. Conclusione?: i servizi medici non sono stati rapidi né capaci. Negligenza di governo, Sistema Sanitario disastroso: due piccioni pressi con una fava. Bravo!
Montaner dice «vogliono farci credere che teneva una velocità elevata», «è stato obbligato a dichiarare». Stato di polizia e militare del tipo che le dittature che lui appoggio per decenni gli è rimasto in memoria. La velocità media è chiara tenendo conto dell’ora dell’impatto e le dichiarazioni (della prima ora; dopo silenziate) dalla moglie di Payà sulla partenza. Dichiarazione che fece subito denunciando la scomparsa o «rapimento». La velocità è chiara anche della distanza fra la fine della pavimentazione, la frenata e l’albero.
Montaner ci parla del segnale o scritta di «buca» ma tale segnale non esiste. Quel che esiste e non applicato in questi casi è il di «badén». Se ne va sul segnale di «pavimento scivoloso». Già Montaner preparava la strada: «ghiaia scivolosa». Nemmeno questo è applicabile.
In nessun caso il governo cubano né ha parlato di segnali di pavimento scivoloso. Essa è un’altra bugia di Montaner. Il governo cubano ha parlato del segnale «lavori in corso» o – come è più conosciuto – «uomini lavorando». Montaner si aggrappa a qualsiasi. Pure alla sua ignoranza. E, soprattutto, alla sua mala fede.
Mente quando dice che Carromero in altre parte non «non sarebbe stato accusato di omicidio colposo». Chi va a 120 km/ora su una strada di massimo 60 ha già raggiunto un motivo colposo. Ed esso è indipendente delle condizioni della strada, della segnaletica e dell’auto stessa.
Dico… a meno che non stessi portando qualcuno in ospedale. Montaner, guarda che ti sto indicando una via che avete dimenticato nel furore di accusare il governo. Voglimi ben!
Prima, il responsabile era il governo cubano, che con omicidio volontario e premeditato di Stato era l’assassino, il responsabile. Scoperta tutta la loro caterva di menzogne, il macchinario riparte attivandosi sull’omicidio di Stato – diciamo – involontario. Il responsabile adesso? Sempre lo stesso: il governo cubano.
Ma… Montaner per molti continua ad essere democratico, pacifico, autentico e veritiero.

Leonardo Mesa   
 
   07-08-2012
Sei tu ad essere paradossale, caro Massimo. Il figlio di papà spagnolo va liberato anche se ha ammazzato 2 persone, per il solo motivo che è amichetto tuo e dei tuoi sodali? Un pò di razionalità non farebbe male. Cambiamo i nomi, chiamiamoli Fulano e Mengano. Sono morti in un incidente in cui Pincopallo ha fatto il fenomeno con l'automobile. Mi sembra normale e logico che Pincopallo sia a disposizione dell'autorità giudiziaria finchè un processo non avrà chiarito le sue responsabilità!
Argitere   
 
   07-08-2012
Ok Massimo vedo che sei a corto di argomenti...
Argitere   
 
   07-08-2012
Il paradosso di non ama ragionare

Odiano Paya. È un dissidente, un controrivoluzionario. Il bastardo deve morire in prigione. Nelle sacre prigioni castriste. Il Popolo lo vuole! Viva Cuba! Viva Castro!

Poi arriva uno spagnolo, anche lui bastardo. Sovversivo. Vuole finanziare Paya. Questa è eversione! È il capitalismo contro Cuba! Bastardo Carromero!

Poi l'incidente, dove muore Paya.

In galera a vita Carromero! Paya era un cittadino cubano. Noi amiamo i cittadini cubani. Viva il Popolo! Viva Paya! Anzi... no... menomale che sia morto.

Massimo Campo   
 
   07-08-2012
Argitere

mi dici: "Tu hai deciso che Carromero è incensurato, che l'incidente con conseguente omicidio di 2 persone, non è ne volontario, ne doloso, ne colposo, semplicemente non è!"

Ok, Argitere, anche se sembri un personaggio di fantasia ti rispondo.

Ok, Carromero ha assassinato volutamente i due cubani che era andato a sostenere politicamente.

Ecco.

Massimo Campo   
 
   07-08-2012
Non c'è niente da fare Massimo! Tu hai deciso che Carromero è incensurato, che l'incidente con conseguente omicidio di 2 persone, non è ne volontario, ne doloso, ne colposo, semplicemente non è! Avvisate Cuba che il giudice Massimo ha già dettato la sentenza! E poi dici di non essere colonialista e culturalmente razzista...
Argitere   
 
| 1 | 2 | 3 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.9%
NO
 27.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy