Venerdì , 24 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Perdere tutto
07 Settembre 2008
 

Dal blog Generación Y

6 settembre 2008

 

 

Perderlo todo

Las imágenes del desastre dejado por Gustav en el occidente del país se suceden en la pantalla. Rostros sombríos frente a casas de atrezo que no soportaron las rachas de más de doscientos kilómetros por hora. En medio del llanto y la preocupación, los periodistas de la televisión nacional han logrado arrancar frases como “La Revolución no nos abandonará”; “El gobierno va a reconstruirnos nuestras viviendas”. Estos lemas ya no muestran la convicción –perdida hace años– de  que el Padre-Estado pueda resolverlo todo; más bien intentan comprometer a las autoridades frente a las cámaras. Como si al tomar el micrófono y gritar que el gobierno va a devolverles lo perdido, quisieran obligarlo a que lo haga.

Las víctimas de hoy reclaman una solución expedita, pero los perjudicados de huracanes o inundaciones anteriores también aguardan. Sólo la combinación de ayuda institucional, solidaridad ciudadana y donaciones del exterior aliviarían el drama de todas estas familias. La sociedad civil cubana no puede emprender, por su propia cuenta, una campaña de recopilación de ayuda. Sería ilegal lanzar una convocatoria, sin pasar por los canales oficiales, para que los vecinos envíen ropa, medicamentos y comida hacia las zonas afectadas. Nuestra minusvalía cívica llega al punto que ni siquiera en caso de desastre podemos agruparnos espontáneamente para ayudar al prójimo.

Desde Estados Unidos se habla de una moratoria de las sanciones hacia Cuba, como forma de auxiliar a los perjudicados. Lamentablemente, hacer una pausa sólo de tres meses en esas torpes disposiciones, no será suficiente. Cuando los reporteros nacionales y extranjeros regresen a sus casas y los linieros terminen de restablecer la luz en las zonas de desastre, sólo entonces, vendrá la verdadera depresión por lo perdido. No estarán allí los periodistas a la caza de consignas, ni escucharán las quejas de los damnificados ante las promesas incumplidas. Pero el apoyo ciudadano, la ayuda del familiar que vive en el extranjero y de las ONGs internacionales –esa solidaridad que no busca apoyo político, ni actos de fe– no puede defraudarlos.

 

Este domingo viajaré a Pinar del Río para llevar directamente mi ayuda a los damnificados. Me encontraré con personas de la sociedad civil e intercambiaremos ideas sobre los posibles caminos de la solidaridad.

 

Yoani Sánchez

 

 

Perdere tutto

Le immagini del disastro lasciato da Gustav nell’occidente del paese scorrono sullo schermo. Volti oscuri davanti alle case da scenografia cinematografica che non hanno sopportato le raffiche di oltre duecento chilometri all’ora. In mezzo al pianto e alla preoccupazione, i giornalisti della televisione nazionale sono riusciti a strappare frasi come: “La Rivoluzione non ci abbandonerà”; “Il governo ricostruirà le nostre abitazioni”. Questi motti non mostrano più la convinzione - perduta da tempo - che il Padre-Stato possa risolvere tutto; ma cercano soltanto di far prendere un impegno alle autorità davanti alle telecamere. Come se prendendo il microfono e gridando che il governo restituirà le cose perdute, volessero obbligarlo a mantenere la promessa.

Le vittime di oggi reclamano una rapida soluzione, ma i danneggiati da uragani o inondazioni precedenti attendono ancora. Soltanto la combinazione di aiuti istituzionali, la solidarietà cittadina e le donazioni dall’estero allevieranno il dramma di tutte queste famiglie. La società civile cubana non può intraprendere, per conto proprio, una campagna di raccolta di aiuti. Sarebbe illegale lanciare un appello, senza passare per i canali ufficiali, affinché i vicini possano inviare vestiti, medicinali e generi alimentari nelle zone colpite. La nostra minusvalenza civica giunge al punto che neppure in caso di disastro possiamo riunirci spontaneamente per aiutare il prossimo.

Dagli Stati Uniti si parla di una moratoria per le sanzioni nei confronti di Cuba, come forma di aiuto per le vittime. Purtroppo, sospendere per soli tre mesi quelle turpi disposizioni non sarà sufficiente. Quando i reporter nazionali e stranieri ritorneranno alle loro case e gli operai delle linee elettriche avranno ultimato di riportare la luce nelle zone del disastro, soltanto allora, arriverà il vero sconforto per le cose perdute. Non ci saranno i giornalisti a caccia di parole d’ordine e non ascolteranno le lamentele dei danneggiati di fronte alle promesse non compiute. Tuttavia l’appoggio cittadino, l’aiuto del familiare che vive all’estero e delle organizzazioni internazionali - quella solidarietà che non cerca appoggio politico, né atti di fede - non li deluderà.

 

Questa domenica andrò a Pinar del Rio per portare direttamente il mio aiuto ai danneggiati. Mi incontrerò con persone della società civile e ci scambieremo idee sulle possibili strade della solidarietà.

 

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Gianni Minŕ diffama Yoani Sánchez
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  Yoani Sánchez. Soroa
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Buon compleanno, Yoani!
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Generación Y compie quattro anni
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra č improduttiva...
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1Ş parte
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Marcello Bussi. Franqui: La storia č una puttana
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertŕ
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertŕ
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Yoani Sánchez. Io
  Yoani Sánchez tra le 100 persone piů influenti del pianeta
  Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Yoani Sánchez. Gorki
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Gordiano Lupi. Gianni Minŕ attacca Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Gordiano Lupi. Com'č che non riesci piů a volare?
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Yoani Sánchez. Due anni
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog piů cliccato dell'isola
  Yoani Sánchez. Colomba condor
  Yoani Sánchez. Un cartellone per coprirsi
  Yoani Sánchez. Sciopero dei ventri
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy