Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marcello Bussi. Franqui: La storia è una puttana
Carlos Franqui e Carlos Carralero
Carlos Franqui e Carlos Carralero 
07 Luglio 2008
 

«Se penso al disastro che ho contribuito a creare con la Rivoluzione non dormo la notte. Non me lo perdonerò mai», si lascia andare Carlos Franqui, commosso e arrabbiato con se stesso. E per un attimo tutti al tavolo tacciono, schiacciati dal peso di questa rivelazione. Poi Carlos Wotzkow, l’ecologista dissidente, deraglia la conversazione nel modo giusto e ben presto le voci tornano ad accavallarsi una sull’altra, come in ogni incontro fra cubani che si rispetti. Franqui, 86 anni, è stato al fianco di Fidel Castro sulla Sierra Maestra, ma è stato anche il primo a lasciarlo quando ha capito che la Rivoluzione stava prendendo una brutta piega. Lo ascoltano Alina Fernandez, la figlia di Fidel, che a un certo punto della sua vita ha preferito la libertà e ora vive a Miami, la scrittrice Zoé Valdés, che abita a Parigi, Carlos Carralero, autore del libro Saturno e il gioco dei Tempi, che risiede a Milano, ma pensa che a Napoli, forse, si troverebbe meglio e il già citato Wotzkow, che sta a Berna ed è sorprendentemente entusiasta delle svizzere tedesche. Sono tutti ospiti del “Festival della Modernità”, organizzato dalla casa editrice Spirali, che si è tenuto dal 3 al 6 luglio a Senago, a due passi da Milano, nella splendida cornice di Villa San Carlo Borromeo. Tutti cubani che hanno dovuto lasciare la loro isola per poter esprimere liberamente le proprie opinioni.

Franqui ricorda Camillo Cienfuegos, che sulla Sierra Maestra «era l’unico a non avere paura», popolarissimo e morto in circostanze misteriose. Di certo tutti gli astri che avrebbero potuto oscurare la stella di Fidel hanno fatto una brutta fine. La storia di Che Guevara la conoscono tutti: il Lider Maximo lo ha lasciato andare allo sbaraglio in Bolivia a tentare una rivoluzione impossibile. Meno nota agli italiani è la vicenda del generale Ochoa, rievocata da Franqui: eroe delle guerre africane (tra la fine degli anni 70 e buona parte degli 80 i cubani combatterono in molti paesi del Continente Nero, in particolare in Angola e in Etiopia, ovviamente dalla parte dell’impero sovietico), Ochoa osò parlare direttamente in russo a Mikhail Gorbaciov, sotto gli occhi di Fidel. La cosa insospettì il Comandante, che temeva di trovarsi in casa un sostenitore della Perestrojka, da lui vista come la peste. E così poco tempo dopo fu imbastito un processo farsa in cui Ochoa venne giudicato colpevole di narcotraffico e condannato alla fucilazione, eseguita con estrema rapidità. D’altronde Fidel, come dice Franqui, «non è mai stato comunista, è sempre stato solo fidelista» e quindi aveva capito benissimo che il tentativo di riformare il comunismo avrebbe portato al crollo di un regime a cui tiene molto, il suo.

Quando si parla del passato tutti ascoltano Franqui in religioso silenzio, ma non appena si passa a esaminare la situazione presente e le prospettive future le voci riprendono a sovrapporsi. Wotzkow non si fida della maggior parte dei dissidenti che non stanno chiusi in carcere, Alina Fernandez è disgustata dai governi occidentali che fanno a gara per fare affari con il regime e se la prende anche con George W. Bush «che si atteggia a duro» ma poi il suo embargo è una barzelletta perché ne sono esentati i prodotti agricoli (il paradosso è che i cubani vengono sfamati dagli imperialisti yanqui), Carralero ricorda che quando era a Cuba incitava invano i giovani a manifestare, ma Zoé Valdés pensa che potrebbero scendere in piazza i neri, discriminatissimi nella progressista Cuba (i vari Minà e Diliberto non se ne sono mai accorti) e perciò spera nella vittoria di Obama, che catalizzerebbe speranze ed energie. «Il regime finirà fra poco, quando moriranno gli uomini che hanno fatto la Rivoluzione. Non passerà molto tempo, hanno tutti ottant’anni o poco meno», dice Franqui, convinto che allora una parte del Partito Comunista e i dissidenti si alleeranno per cambiare le cose e intraprendere il cammino verso la libertà.

Nel frattempo un solo nome mette d’accordo tutti: Yoani Sánchez, la blogger del sito GeneracionY alla quale il regime ha negato il permesso di andare a Madrid per ritirare il premio “Ortega Y Gasset” e che Time ha incluso nella lista delle 100 persone più influenti del mondo. Wotzkow la considera «inattaccabile» e si rammarica di non averla incontrata quando anche lei era in Svizzera (ci è rimasta due anni, poi ha preferito tornare a Cuba). Zoé Valdés sottolinea che anche il marito di Yoani, il giornalista Reinaldo Escobar «sta facendo un grande lavoro» e infine arriva la benedizione di Franqui: «Lei ha talento», dice.

Quando ci congediamo, è un’emozione stringergli la mano a Franqui. Farfuglio frasi di ammirazione, parlo di intervista con la storia, al che Franqui scrolla le spalle, sorride e ci saluta così: «La storia è una puttana».

 

Marcello Bussi

marcibussi@gmail.com


Foto allegate

Marcello Bussi tra Alina Fernandez e Zoé Valdés
Articoli correlati

  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
  Carlos Franqui. Cuba, la rivoluzione: mito o realtà?
  Gordiano Lupi. Caro Bertinotti, questa se la poteva proprio risparmiare…
  “Somos Liberación”. Nasce la rivista del Movimento Cristiano di Liberazione
  Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
  Roberto Ferranti. Para ellos para todos
  È in edicola con Jorge Olivera Castillo il nuovo GAZETIN
  Julio García su Zoé Valdés e libertà di movimento. El Lapón Libre sulla forza di Yoani e i suoi progetti per il futuro
  Il nulla quotidiano
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  Anticipazioni/ Per conoscere Zoé Valdés
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Cuba come non ve la racconta nessuno
  Eduardo Del Llano. Unplugged
  Gordiano Lupi. L’Avana, ritratto (senza cuore) di una città
  Delfini o successori 'democratici', ancora Zoe, vocazione e progetto di stampa libera...
  A. Torreguitart. Fidel che non parla mi fa preoccupare…
  Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  Carlos Carralero. La poesia struggente di un esule cubano
  Carlos Carralero. Saturno e il gioco dei tempi
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Un'altra poesia di Carlos Carralero. 3 – Zaherimiento (1989)
  Altre poesie di Carlos Carralero. 2 – Metamorfosis; El circo
  La Questione Cubana. Il contributo della casa editrice Spirali e di TELLUSfolio
  Carlos Carralero. Cinque “eroi” (terroristi) cubani negli Stati Uniti
  Carlos Carralero. “A Cuba non si tortura... A Cuba non si uccide... A Cuba non c’è opposizione al regime...”
  Carlos Carralero. «Con Fidel finita l'era del grande comunicatore; ora riforme!?»
  Carlos Carralero. Una Spia al Pentagono
  Carlos Carralero. Miti dell’antiesilio e la difesa degli antimiti
  Carlos Carralero. Il diritto d’asilo anche dei cubani
  Carlos Carralero. Circa l'attuale condizione di Cuba
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Due anni
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  Yoani Sánchez. Soroa
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Generación Y compie quattro anni
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra è improduttiva...
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Yoani Sánchez. Perdere tutto
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1ª parte
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertà
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertà
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Yoani Sánchez tra le 100 persone più influenti del pianeta
  Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Buon compleanno, Yoani!
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Yoani Sánchez. Gorki
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Gordiano Lupi. Gianni Minà attacca Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Com'è che non riesci più a volare?
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Io
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog più cliccato dell'isola
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 27 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy