Venerdì , 17 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
25 Luglio 2008
 

Dal blog Generación Y

28 aprile 2008

 

 

¿De dónde son los carteles?

Este domingo en el noticiero el presidente de la Central de Trabajadores de Cuba anunciaba un 1ro de mayo donde se evidencie la “inventiva creadora” de nuestro pueblo. Sus palabras iban acompañadas por las conocidas imágenes de miles de personas desfilando en una Plaza llena de carteles, banderas y pullovers multicolores. Al ver tanta exuberancia, volvió mi vieja duda de dónde se confeccionan todos esos elementos vistosos que resplandecen bajo el sol de mayo.

Si nos guiáramos por las palabras de Salvador Valdés Mesa, se trataría de la iniciativa ciudadana la que diseña, pinta y colorea los posters y las ropas. Sin embargo, todos sabemos que no es posible comprar en pesos cubanos –la moneda en la que se reciben los salarios- ni una bandera cubana, ni pintura de aceite o acrílica y mucho menos camisetas o gorras. Tampoco se puede adquirir legalmente una impresora para lograr las letras perfectas que exhiben los afiches de las movilizaciones. ¿De dónde, entonces, salen los carteles que pretenden ser fruto de la espontaneidad popular?

Conozco la respuesta y sepan que poco tiene del arrojo de un obrero que escribe sus demandas en un lienzo. Tampoco se parece a la decisión de un sindicato autónomo que organiza pancartas para que sus miembros exijan mejoras laborales. La mayoría de esos letreros son orientados y diseñados por aquellos que los miran “embelesados” desde la tribuna. Ellos saben que si dejan a los trabajadores –por sí solos- que hagan los carteles, probablemente dirían otras cosas.

 

Yoani Sánchez

 

 

Da dove vengono i cartelli?

Questa domenica, durante il notiziario, il presidente della Centrale dei Lavoratori di Cuba annunciava un Primo Maggio che mettesse in mostra la “fantasia creatrice” del nostro popolo. Le sue parole erano accompagnate dalle note immagini di migliaia di persone che sfilavano in una piazza piena di cartelli, bandiere e magliette multicolori. Nel vedere tanta esuberanza, sono tornati i miei vecchi dubbi su dove vengono confezionati tutti questi elementi vistosi che risplendono sotto il sole di maggio.

Se diamo retta alle parole di Salvador Valdés Mesa, sarebbero cittadini volontari che disegnano, pitturano e colorano poster e vestiti. Senza dubbio, tutti sappiamo che non è possibile comprare in pesos cubani - la moneta con la quale si riscuotono i salari - né una bandiera cubana, né pittura a olio o acrilica e ancora meno camicette o cappelli. Neppure si può acquistare legalmente una stampante per comporre le lettere perfette che esibiscono i manifesti della mobilitazione. Da dove vengono, quindi, i cartelli che pretendono essere frutto della spontaneità popolare?

Conosco la risposta e sappiate che non è per niente vicina allo slancio di un operaio che scrive le sue domande su una tela. Neppure somiglia alla decisione di un sindacato autonomo che organizza striscioni perché i suoi membri esigano migliori orari di lavoro. La maggioranza di questi cartelli sono orientati e disegnati da quelli che li ammirano “incantati” dalla tribuna. Essi sanno bene che se lasciassero fare davvero i cartelli ai lavoratori, probabilmente direbbero altre cose.

 

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

Nota del traduttore. Il titolo richiama un son tradizionale cubano intitolato De dónde son los cantantes. Il testo di Yoani è un’analisi pacata e coraggiosa della realtà cubana, diretta dall’alto in ogni momento della vita, priva di spontaneità, come buona regola di una dittatura. Il primo maggio è un momento importante soltanto per il regime che glorifica se stesso. Il popolo partecipa alla manifestazione perché obbligato, ragazzini sventolano bandierine e recitano discorsi mandati a memoria, operai sfilano distrattamente, perché se non lo facessero perderebbero il posto di lavoro. Questo resta del sogno di Guevara… (Gordiano Lupi)


Articoli correlati

  Aldabonazo en Trocadero 162
  Generación Y compie quattro anni
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Due anni
  Wishes on a falling star / Desideri su una stella cadente
  Tellusfolio nello speciale che La Repubblica dedica a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Piccoli diseredati
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Yoani Sánchez. Soroa
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  Yoani Sánchez a Pontedera
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Gordiano Lupi. Yoani senti cosa fo’
  Yoani Sánchez. Che altri soffino sulle candeline
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Yoani Sánchez. Io
  Yoani Sánchez. 33 (Con gli auguri da Tellusfolio)
  Yoani Sánchez. Come aiutare?
  Yoani Sánchez. A Cuba non solo la terra è improduttiva...
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez . La “Y” al potere
  Yoani Sánchez. Raúl? Niente di nuovo a Cuba
  Yoani Sánchez. Quello che vedo intorno
  Yoani Sánchez. A capelli sciolti
  Yoani Sánchez. Il bosco di Sherwood
  Yoani Sánchez. Perdere tutto
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Yoani Sánchez: una blogger ribelle
  Gordiano Lupi. Yoani racconta l’avventura di “Generación Y” – 1ª parte
  Yoani Sánchez. Cinque anni in una birra
  Marcello Bussi. Franqui: La storia è una puttana
  Yoani Sánchez. Divertiamoci ai carnevali!
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez si confida a Lorena Chauca
  Gordiano Lupi. L’Europa cancella le sanzioni contro Cuba
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, un’eroica blogger cubana
  Yoani Sánchez. Mi sono creduta libera... Un delitto davvero esecrabile
  Yoani Sánchez. Qualcosa per evadere
  La reazione del regime. Yoani Sánchez accusata su youtube
  Yoani Sánchez. La lampada di Aladino non soddisfa il desiderio di libertà
  Cuba libre. Il libro di Yoani Sánchez in libreria dal 15 aprile
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, il suo periodico e la mia libertà
  Yoani Sánchez. L’altra Avana
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Yoani Sánchez tra le 100 persone più influenti del pianeta
  Marcello Bussi. Come sopravvivere alla diseconomia cubana. Intervista a Yoani Sánchez
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Yoani Sánchez. Da Gorki a Gustav
  Yoani Sánchez. Cibermutilati
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Yoani Sánchez. Moda “Y”
  Buon compleanno, Yoani!
  Yoani Sánchez. Rapporto e documentazione sul “caso Gorki”
  Yoani Sánchez si racconta a 'El Nuevo Herald'
  Yoani Sánchez. Terra spianata
  Yoani Sánchez. Gorki
  Yoani Sánchez. L’arte di trasformare gli artisti in “nemici”
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Gordiano Lupi. La chiamavano blog-trotter
  Yoani Sánchez. Internet o morte… “Twitteremos!”
  Yoani Sánchez. Democrazia in Chevrolet
  Gordiano Lupi. Gianni Minà attacca Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez riceve il “Premio Brunet” per i Diritti Umani
  Yoani Sánchez. Il blog dei blog
  Gordiano Lupi. Com'è che non riesci più a volare?
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez telefona al Parlamento europeo
  Yoani Sánchez. La corruzione della sopravvivenza
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Yoani Sánchez. Uniformi azzurre e ombre
  Cuba. Governo rallenta accesso a blog più cliccato dell'isola
  A. Torreguitart. Sempre Ventisei!
  Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio
  Il silenzio di Raúl Castro
  Sempre 26! (direbbe Carlos Puebla)
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Un altro ventisei
  Omar Santana. Ciego con Fidel!
  Raúl Castro. Il 26 di luglio
  Yoani Sánchez. La prima giornata di maggio
  Il 1° Maggio del Partito Radicale
  Alejandro Torreguitart. Ancora e sempre Primo Maggio
  A. Torreguitart. Primo Maggio a Cuba
  Yoani Sánchez. Sfilata ed epidemia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.5%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy