Mercoledì , 26 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. La prima giornata di maggio
03 Maggio 2009
 

Dal blog Generación Y

2 maggio 2009

 

 

La primera jornada

de mayo

Ayer fue un día intenso. Hubo desfile por la mañana, aguacero en la tarde y algunos impertinentes hicimos un cacerolazo a las ocho y treinta de la noche. La concentración en la Plaza de la Revolución se parecía a la de todos los años, la lluvia era igual de húmeda y el toque de sartén sonó como la peculiar sinfonía de unos pocos. Les traigo algunos trozos de sonido e imagen (video 1 e video 2, ndr), para que vivan el primero de mayo tal y como lo sentí yo… con toda su intensidad y su locura.

Desde mi terraza se escuchó poca reacción ante los primeros golpes de cazuela, pero nos queda la alegría de que los nuestros se oyeron bien lejos. A través de una rápida encuesta telefónica  supe que en la ciudad de Pinar del Río también se percibió el sonido de los metales, mientras varios barrios de La Habana guardaron silencio. El limitado repiqueteo fue hecho desde la pequeñez del individuo que se atreve y no con el masivo automatismo de los que desfilaron en la mañana. Esa viene a ser la diferencia entre el pío-pío espontáneo y el cacareo orientado.

Toda chispa es pequeña, le dije a alguien que me preguntó por la magnitud de lo que ocurrió anoche, y cuando se estrena una herramienta de expresión se hace tímidamente. Al enterarme de la convocatoria que circulaba por Internet, coincidí con varios amigos que sería más realizable el simple gesto de apagar la luz. La cacerolada implica exponerse demasiado y hay muchas personas que todavía le temen a las represalias. Poner a oscuras una casa es algo que se hace sin quedar en evidencia y es el tipo de gesto que está dispuesto a hacer nuestra ciudadanía, no más.

A pesar de las pocas notas escuchadas, creo que algo cambió en la rutina del día de los trabajadores. Fue apenas un ligero toque de latas y cucharas, que vino después del primer aguacero de mayo.

 

Yoani Sánchez

 

 

La prima giornata di maggio

Ieri è stato un giorno intenso. Abbiamo avuto una sfilata durante la mattina, un acquazzone nel pomeriggio e insieme ad alcuni impertinenti ci siamo messi a percuotere stoviglie alle otto e trenta della notte. La concentrazione in Piazza della Rivoluzione non era diversa dagli anni precedenti e la pioggia aveva la stessa umidità, solo il rintocco di padella rappresentava una singolare sinfonia intonata da pochi. Pubblico alcuni esempi di suono e poche immagini (video 1 e video 2, ndr), perché possiate vivere il primo maggio come l’ho sentito io… con tutta la sua intensità e la sua follia.

Dalla mia terrazza ho ascoltato poche reazioni di fronte alle prime pentole percosse, anche se abbiamo la consolazione che i nostri rintocchi si sono uditi molto lontano. Grazie a un rapido giro di telefonate ho saputo che il suono dei metalli si è sentito anche nella città di Pinar del Rio, mentre diversi quartieri dell’Avana sono rimasti silenziosi. Il modesto tamburellare è stato lo spontaneo prodotto di piccoli individui che osano e non ha niente a che vedere con il massiccio automatismo di chi è stato spinto a sfilare durante la mattina. Questa è la differenza tra la protesta spontanea e gli slogan orientati politicamente.

Ogni scintilla è piccola, ho risposto a qualcuno che mi interrogava sulla grandezza di ciò che era accaduto durante la notte, e ogni volta che si inaugura una nuova forma di espressione lo si fa timidamente. Quando ho saputo della convocazione che circolava su Internet, insieme ad alcuni amici ho considerato che sarebbe stato più realizzabile il semplice gesto di spengere la luce. Percuotere le pentole implica un’eccessiva esposizione e molte persone ancora temono rappresaglie. Mettere all’oscuro una casa è una cosa che si può realizzare senza mettersi in evidenza ed è il tipico gesto che è disposto a fare il nostro popolo, non altro. Pure se abbiamo ascoltato poche note di protesta, credo che qualcosa sia cambiato nella routine del giorno dei lavoratori. Si è trattato appena di un leggero rintocco di barattoli e cucchiai, che è giunto dopo il primo acquazzone di maggio.


Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy