Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio 
Con poesia di Viera da “La patria è un'arancia” (EIF)
27 Luglio 2011
 

Raúl Castro ha preso parte a Ciego de Ávila alla cerimonia di commemorazione del 26 di luglio, in occasione del 58° anniversario del fallito assalto alla Caserma Moncada, ma come lo scorso anno ha lasciato che fosse il vicepresidente, José Ramón Machado Ventura, a compiere l’intervento principale.

Il generale Raúl Castro si è limitato a consegnare i diplomi alle province che si sono distinte per “emulazione socialista”.

Il discorso di Machado Ventura è stato caratterizzato da un insieme di luoghi comuni, senza toccare principali preoccupazioni dei cubani. «Non abbiamo sentito un nuovo annuncio, né una frase originale, ma solo grigia retorica e parole d’ordine, dalle quali un giornalista avrà difficoltà a tirare fuori un titolo», ha scritto Yoani Sánchez. Le conclusioni della celebrazione hanno evidenziato la necessità del regime di dare una spinta decisiva alle riforme economiche per garantire la sua sopravvivenza. Machado Ventura ha insistito sul fatto che «i lineamenti economici approvati lo scorso aprile dal Sesto Congresso del Partito Comunista, sono la guida fondamentale per attualizzare il modello economico» dell’Isola e ha detto che «si sta lavorando assiduamente» per renderli efficaci.

Machado ha aggiunto che bisogna «rompere definitivamente con la mentalità dell’inerzia», mettere in atto gli impegni presi nel Sesto Congresso e lavorare con «ordine, disciplina e impegno». Machado ha fatto rilevare che bisogna combattere l’indisciplina sociale e lavorativa, le inclinazioni burocratiche, la contabilità lacunosa, il cattivo rifornimento delle materie prime. «Dobbiamo abolire gli sperperi e le spese superflue in ogni settore. Il governo continua a dare priorità alla produzione di alimenti, perché i prezzi internazionali sono aumentati e producono gravi conseguenze».

Il regime cubano sta portando avanti un piano di consegna in usufrutto delle terre oziose ai cittadini. Il vicepresidente ha ricordato che il PCC sta lavorando ai documenti che saranno discussi nella Conferenza Nazionale dell’organizzazione, annunciata per gennaio 2012, e ha detto che verranno affrontati «molti cambiamenti» sui metodi e sullo stile di lavoro del Partito.

«La Conferenza sarà il luogo deputato per analizzare il ruolo del PCC nella direzione e nel controllo sistematico del procedimento di attualizzazione del modello cubano, superando i pregiudizi contro il settore non statale dell’economia. Non stiamo mettendo pezze né improvvisando, ma cerchiamo soluzioni definitive a vecchi problemi, con i piedi ben saldi per terra, molto attenti a quel che pensa la gente, se del caso pronti a rettificare, aggiustare le misure e prendere nuove decisioni», ha detto.

Machado Ventura ha esaltato la grande dimostrazione di patriottismo e di unità politica che - a suo dire - la maggioranza dei cubani avrebbe messo in campo per difendere il socialismo.

La cerimonia è iniziata con la lettura di un messaggio da parte del presidente venezuelano, Hugo Chávez, principale alleato politico ed economico di Cuba, che ha definito l’assalto alla Caserma «uno degli eventi più importanti della storia d’America».

In mezzo a tanta retorica mi fa piacere ricordare una grande poesia di Félix Luis Viera, cubano in esilio, che dal Messico fornisce la sua peculiare definizione di patria…

 

 

Delle tue poesie quasi niente resta,

quasi niente serve,

tu, che non hai mai avuto un acquario

per addormentarti, per vagare con la mente sospesa dopo aver scritto

una cartella,

dedicasti le tue poesie alla patria

ma sbagliasti patria:

cantasti i suoi condottieri più gloriosi

invece di scrivere odi a quell’amico finocchio, codardo, triste

- rimosso dal Tiranno che divenne padrone della patria -,

incapace di sparare con una pistola ad acqua

contro il Tiranno e il suo seguito - i veri nemici dell’altra patria -,

lui sì, lui sì, quell’amico

era la patria.

Devi correggere le tue poesie,

tirar fuori da loro

le fabbriche dei discorsi,

dovrai cancellare i tuoi versi incendiari

dove confidavi in un futuro magnifico

dove cantavi l’uguaglianza tra gli uomini

dove affermasti che gli alveari sarebbero bastati per tutti,

dovrai ritrattare le poesie che scrivesti al fratello maggiore che dopo

divenne il Tiranno.

Devi bruciare queste poesie in un crematorio

e salvare solo quelle che parlavano davvero

della patria:

delle donne, dell’amore conquistato e perso, delle puttane della

tua infanzia,

di un altro amico ucciso con le pallottole davanti ai tuoi occhi, morto

sicuro che stava morendo per te, per i tuoi amici, per la patria,

e che dopo morì un’altra volta, tradito

da chi disse che la patria

era la morte,

o peggio

che erano loro stessi.

 

Da La patria è un’arancia (Edizioni Il Foglio, 2011)

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Il silenzio di Raúl Castro
  A. Torreguitart. Sempre Ventisei!
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Sempre 26! (direbbe Carlos Puebla)
  Raúl Castro. Il 26 di luglio
  Omar Santana. Ciego con Fidel!
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Un altro ventisei
  Yoani Sánchez. Atterraggio forzato
  Yoani Sánchez. Dal 1° Maggio al 26 Luglio
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Félix Luis Viera. Offerta
  Patrizia Garofalo. L’intima essenza del dolore
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Félix Luis Viera su Fidel Castro e la sinistra
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Felix Luís Viera e la poesia cubana in esilio
  Félix Luis Viera. Desde el corazón del polvo
  Ángel Santiesteban-Prats. Con la propria testa
  Poesie senza libri/ Félix Luis Viera. Fantascienza
  Non piove... Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi leggono Viera
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  Nuove poesie di Félix Luis Viera
  Félix Luis Viera. Erótica - Memoria
  Félix Luis Viera. Esta mujer
  Félix Luis Viera. La que se fue
  Omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro
  Nei gulag di Fidel Castro... Gordiano Lupi intervista Félix Luis Viera
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Félix Luis Viera. Fai il bene e non guardare a chi
  Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. La metropolitana di Città del Messico
  “Vento letterario”. Il Foglio alla Fiera del libro di Finale Ligure
  Félix Luis Viera. Questione di punti di vista
  Félix Luis Viera. Candide puttane della mia patria...
  Félix Luis Viera. La differenza
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Félix Luis Viera e la nostalgia di un esiliato
  Félix Luis Viera. In morte della poesia
  Felix Luis Viera critica intellettuali ed esuli cubani
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  La morte di Carlos Victoria
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Félix Luis Viera. Cuento para niños / Racconto per bambini
  Félix Luis Viera. Città del Messico
  In libreria/ Patrizia Garofalo legge Félix Luis Viera, “La patria è un’arancia”
  Félix Luis Viera e la poesia di un esiliato
  In libreria/ Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. Cubani cinici; cubani parassiti
  Félix Luis Viera. Lontano da Cuba
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Félix Luis Viera. Siamo stati così poveri, moglie, figli miei...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy