Giovedì , 20 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
11 Agosto 2011
 
La patria è un'arancia è un poema di grande respiro, un contributo significativo alla poesia mondiale. Una testimonianza d'amore, una denuncia contro la dittatura e le dittature, il tiranno e le tirannie. Versi pieni di vita, di una vita segnata dalle perdite: della patria, degli affetti. Il poeta due volte esiliato, mille volte. A portare la croce di tutto un popolo segnato dalla dittatura. La croce del poeta pesa di più, perché vive con la consapevolezza della mancanza della libertà, che per lui è preziosa come l'aria.
 
Perché la poesia di tutti i regimi è malata? Perché manca l'ossigeno della libertà. Sotto le dittature cresce una letteratura rachitica e una poesia asmatica, già morta prima della morte della dittatura stessa.
 
La vera poesia, come quella di Viera, è come un uragano; cannoni e proiettili contro il regime castrista, ma anche bende per le piaghe dell'anima, per tutti quelli che soffrono. Dolcezza pura per i cuori innamorati, strazio e tenerezza per l'amore filiale.
La madre Patria è stata come una matrigna, purtroppo, né la prima e né l'ultima, per molti, milioni di persone. La vera Patria per il poeta è stata la borsa del pane nelle mani del padre, l'odore dell'incenso che bruciava nelle strade conosciute, il primo e il penultimo amore. Ma non la bandiera del tiranno, le canzoni della propaganda che invocano il morire per la patria per vivere. Vivere per il poeta è aggrapparsi ai ricordi, anche quelli più remoti; raccogliere i pezzetti d'astri sparpagliati nella sua stanza di bambino, decifrare il futuro nei tramonti sull'oceano, nelle poche fotografie sbiadite dal tempo.
Non si scappa dalla Patria. La Patria si porta come un'arancia profumata nella tasca vicino al cuore. Il poeta s'inebria del suo profumo, s'ispira a questa arancia, che neanche il dittatore ha il potere di sottrarre.
 
Anche per il dittatore la Patria è come un'arancia, ma una da spremere fino all'ultima goccia.
Cuba, la Città del Mexico, il Golfo stesso, un trampolino da dove la poesia spicca il volo per abbracciare l'umanità. A narrarci del poeta alla ricerca di una lacrima.
Come Lorca cantava New York così Viera canta Città del Messico senza dimenticarsi dell'Havana. Canta le vie polverose, i mendicanti, gli ultimi, le puttane, i mercati del rubato, le piazze rumorose, l'inestricabile vita sotterranea della metropolitana. Viaggia il poeta osservatore in questo inferno alla ricerca di una lacrima. Attento ricercatore di perle di lacrime, unico misuratore della nostra umanità. E se gli occhi altrui sono aridi come il deserto, i suoi occhi, gli occhi del poeta, sono oceani pieni, pronti a trasbordare dai loro argini.
 
L'amore è cantato senza finti pudori, con passione e desiderio. I capelli, gli occhi dell'amata, i seni, le cosce aperte, gli odori e gli umori della vulva. L'amore di una donna come antidoto alla solitudine, come balsamo sulle ferite inferte dal destino.
 
Anch'io non ho avuto un acquario e la patria me la porto nel cuore. Quanti miliardi di persone non hanno avuto e hanno un acquario! Ma i dittatori sì, i generali sì, i banchieri sì, i funzionari di partito sì. A tutti loro questi versi di denuncia contro il pescecane rosso, contro le ingiustizie, contro i soprusi del potere.
 
A quelli che non hanno avuto e non hanno tutti i denti per il latte, questi versi.
 
Il poeta chiede perdono alla Patria, ma in un futuro non lontano, sarà la Patria liberata a chiedere perdono al poeta. A tutti i poeti sparpagliati per il mondo, con i germogli della Patria nel petto. Viera ha una poesia in regalo per ciascuno di loro, consapevole di cantare al meglio che la patria ha saputo produrre.
Il poeta sa di essere un esiliato in questo mondo. Ma se lo privano della Patria è come se gli togliessero un pezzo d'animo. E da quel grido di dolore nasce una grande opera, che ci riempie tutti di gioia per la sua grandezza e che farà tremare ancora di più il tiranno mentre succhia il succo della Patria-arancia.
Grazie, Viera, per la bellezza e per la speranza che ci hai regalato. 
Grazie anche a Lupi d'aver tradotto e pubblicato questo poeta.
Lo dico sempre, grande editore è colui che pubblica grandi libri e non chi ha un fatturato con grandi numeri.
 
Çlirim Muça
 

Félix Luis Viera

La patria è un'arancia

Traduzione di Gordiano Lupi

Commento critico Patrizia Garofalo

EIF, pagg. 200, € 15,00


Articoli correlati

  Félix Luis Viera e la poesia di un esiliato
  Patrizia Garofalo. L’intima essenza del dolore
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Félix Luis Viera su Fidel Castro e la sinistra
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Felix Luís Viera e la poesia cubana in esilio
  “Vento letterario”. Il Foglio alla Fiera del libro di Finale Ligure
  Félix Luis Viera. Desde el corazón del polvo
  Ángel Santiesteban-Prats. Con la propria testa
  Félix Luis Viera. Offerta
  Poesie senza libri/ Félix Luis Viera. Fantascienza
  Non piove... Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi leggono Viera
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  Nuove poesie di Félix Luis Viera
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Félix Luis Viera. Esta mujer
  Félix Luis Viera. La que se fue
  Félix Luis Viera. Erótica - Memoria
  Omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro
  Nei gulag di Fidel Castro... Gordiano Lupi intervista Félix Luis Viera
  Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. Candide puttane della mia patria...
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Félix Luis Viera. La metropolitana di Città del Messico
  Félix Luis Viera. Questione di punti di vista
  Félix Luis Viera. La differenza
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Félix Luis Viera e la nostalgia di un esiliato
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Félix Luis Viera. In morte della poesia
  Felix Luis Viera critica intellettuali ed esuli cubani
  La morte di Carlos Victoria
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Félix Luis Viera. Cuento para niños / Racconto per bambini
  Félix Luis Viera. Città del Messico
  Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio
  In libreria/ Patrizia Garofalo legge Félix Luis Viera, “La patria è un’arancia”
  In libreria/ Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. Cubani cinici; cubani parassiti
  Félix Luis Viera. Lontano da Cuba
  Félix Luis Viera. Fai il bene e non guardare a chi
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Félix Luis Viera. Siamo stati così poveri, moglie, figli miei...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy