Sabato , 18 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Non piove... Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi leggono Viera
16 Agosto 2010
 

Non piove,

è marzo, non piove e la polvere aumenta fino a palpare gli oggetti,

come se la polvere avesse una gran lingua che potesse palparli.

È marzo nella Città enorme e la polvere cresce come solo saprebbero crescere

   forse

certi oblii.

È marzo e dieci minuti fa eravamo sicuri che piovesse:

le nubi suonavano i loro tromboni annunciando una pioggia che già potevamo accumulare

con lo sguardo,

ma era falso,

un miraggio,

quasi un piacere,

come spesso succede nella enorme Città.

E cresce la polvere:

ho visto otto formiche soffocate per la polvere.

La polvere cresce, la città si allunga e nella

Avenida Observatorio non è stato possibile vedere il passaggio di una donna

né il dolce di un bambino

e la chiesa Cristo Re sembra più volgare nell’ondosità della polvere.

Quattro camion da lavoro corrono per l’Avenida Observatorio

e sollevano la polvere verso gli aerei che in mezzo alla polvere

attraversano il cielo

ogni 45 secondi.

È marzo e già ieri notte un’altra volta sembrò che finisse per piovere

                                                              e la gente  

faceva festa per una pioggia che già bagnava le scarpe,

ma non è stato niente più che un nuovo miraggio

come tanti altri che sa partorire questa immensa Città.

È marzo e la polvere ha già soffocato più di otto formiche

e ha seppellito con il suo peso

l’amato albero della strada, che era verde.

Signorine, signori e signore tirano fuori i loro annaffiatoi

e nei giardini irrigano la polvere nell’acqua,

e il prato e i fiori, vomitati dalla polvere,

sembrano sorridere per un istante,

sembrano tirati fuori dal sepolcro per un istante,

e la terra emette un breve fremito di allegria

prima che la polvere torni a schiacciarla

e sia di nuovo la terra solo polvere.

 

Non piove,

l’interminabile Città sembra allungarsi in mezzo alla polvere,

                                                                     sembra

un’interminabile lacrima di polvere.

 

Félix Luis Viera

(da La patria es una naranja)

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

LETTURA di Patrizia Garofalo

 

Non piove, è Marzo. Inutile è l’attesa di un temporale ristoratore anche se spesso preannunciato da nubi scure e tuoni lontani. Si spera avvenga nel desiderio di scarpe bagnate un miracolo di catarsi che si fa miraggio, oasi, differimento d’altre sensazioni e altri credo.

Sedimentano “altri oblii” sotto la polvere che acceca e copre “fino a palpare gli oggetti”. Uccide, la polvere uccide come il silenzio, come la rassegnazione, come l’abbandono. Opacizza anche la chiesa di Cristo Re, dio abbandonato ad un nome che involgarisce “nell’ondosità della polvere”. Essa si compatta e, consistente, imbratta, toglie luminosità mai significativa di un ritorno all’archetipo creatore. Gli aerei volano come ciechi pipistrelli in un ingorgo fangoso che arriva al cielo. L’immensa Città perde la sua vastità, rimane dominio di solitudini e segreti, la grandezza si riduce ad una finitezza di speranze, e partorisce miraggi come la vita quando i sogni si disfano la mattina e altro non c’è che attendere un’altra notte. Non è Città, non è polis, non ha coscienza, divoratrice di speranze diventa nome comune di cosa ed “enorme” non indica grandezza ma solitudine e dolore e stallo. Ha seppellito persino l’albero verde e più di “otto formiche” facendosi paradigma di un mondo dove polvere e sofferenza hanno costruito muri invalicabili e soffocato l’albero verde.

Con l’innaffiatore si allontana per poco la morte e si tenta un altro giro di vita ma rantolano i fiori e forse averli illusi non ha permesso neanche ad essi di cogliere il ritmo naturale delle cose.

L’intensità del pianto misto a melma segna il volto di uomini e cose.

Forse almeno si potranno piangere lacrime pesanti.


Articoli correlati

  Félix Luis Viera. Esta mujer
  Félix Luis Viera. Candide puttane della mia patria...
  “Vento letterario”. Il Foglio alla Fiera del libro di Finale Ligure
  Félix Luis Viera. Città del Messico
  Felix Luís Viera e la poesia cubana in esilio
  Ángel Santiesteban-Prats. Con la propria testa
  Félix Luis Viera. Siamo stati così poveri, moglie, figli miei...
  Félix Luis Viera. In morte della poesia
  Félix Luis Viera. Offerta
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  In libreria/ Patrizia Garofalo legge Félix Luis Viera, “La patria è un’arancia”
  La morte di Carlos Victoria
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Nuove poesie di Félix Luis Viera
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro
  Nei gulag di Fidel Castro... Gordiano Lupi intervista Félix Luis Viera
  Patrizia Garofalo. L’intima essenza del dolore
  Felix Luis Viera critica intellettuali ed esuli cubani
  Félix Luis Viera. Fai il bene e non guardare a chi
  Félix Luis Viera. Desde el corazón del polvo
  Félix Luis Viera. Questione di punti di vista
  Félix Luis Viera e la poesia di un esiliato
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  Félix Luis Viera e la nostalgia di un esiliato
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Félix Luis Viera. Erótica - Memoria
  Poesie senza libri/ Félix Luis Viera. Fantascienza
  Félix Luis Viera. La differenza
  Félix Luis Viera. Cuento para niños / Racconto per bambini
  Félix Luis Viera. La que se fue
  Félix Luis Viera. Lontano da Cuba
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Félix Luis Viera su Fidel Castro e la sinistra
  Félix Luis Viera. La metropolitana di Città del Messico
  Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  In libreria/ Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. Cubani cinici; cubani parassiti
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy