Venerdì , 28 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Félix Luis Viera. Siamo stati così poveri, moglie, figli miei...
Félix Luis Viera
Félix Luis Viera 
01 Agosto 2010
 

Siamo stati così poveri, moglie, figli miei,

così povera la nostra dispensa, i nostri mobili e il legno delle nostre porte.

Ma in alto c’era il podio dal quale uscivano al tempo stesso belve,

gabbiani e gerani dell’avvenire.

Figlio mio, senza calzini, senza la pistola ad acqua ti sei fatto grande sperando,

tua madre senza un altro tetto che i suoi capelli,

senza altra pietra in mano che la certezza della speranza.

Siamo stati tanto poveri,

ma coloro che ci leggevano le istruzioni,

costruivano bunker con il soldato di cioccolato che tu, figlio, non avesti,

con i calzini che ti portò un leader

dalle sue incandescenti riunioni europee

dove andavano i leader a ricevere la squadra, il compasso

con cui fabbricare le ricchezze di tutti, anche le tue, figlio mio,

che hai passato la fanciullezza senza ottenere

il giocattolo che come si suol dire sognavi.

Siamo stati così poveri, moglie, figli miei, madre

che per tuo figlio donasti l’ultima unghia che tenevi da parte,

il piccolo fuoco residuo delle tue pupille.

Siamo stati così poveri,

ma tutti abbiamo avuto scuole ai piedi dei fiori

un medico per ogni alba

un atleta che metteva il tuo nome, il mio, quello di tutti,

quello della patria, il nome della patria,

nel punto più alto delle colline di tutte le galassie,

ma non bastava:

abbiamo bevuto il nostro stesso sangue in forma di coni

abbiamo bevuto il nostro stesso sangue in forma di stelle frazionate

abbiamo bevuto furtivamente il sangue del fratello

abbiamo negato la patria ad altre persone che pure l’amavano

abbiamo fatto della patria un sudario di discorsi

una Pena di Morte eterna

un giardino zoologico dove ci sono strani animali.

Perdonami, patria,

perdonami splendente arancia della patria

perdonami perchè anch’io ho assassinato la patria in nome della patria

anch’io ho firmato il decreto che rendeva tutti gli uomini uguali,

per cui ogni uomo avrebbe respirato lo stesso ossigeno, la stessa quantità,

alla stessa ora,

anch’io ho fatto il giro dell’iperbole a sinistra

fino al punto di fare a pezzi il braccio della patria.

 

Perdonatemi, moglie, figli miei, patria:

siamo stati così poveri,

non abbiamo mai avuto un acquario

anche per colpa mia,

perdonatemi oggi questa amarezza, questa franchezza.

 

Felix Luis Viera (da La patria es una naranja)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Félix Luis Viera. Città del Messico
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Ángel Santiesteban-Prats. Con la propria testa
  Félix Luis Viera. Esta mujer
  Non piove... Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi leggono Viera
  In libreria/ Patrizia Garofalo legge Félix Luis Viera, “La patria è un’arancia”
  Félix Luis Viera. In morte della poesia
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Félix Luis Viera. Offerta
  “Vento letterario”. Il Foglio alla Fiera del libro di Finale Ligure
  Félix Luis Viera. Desde el corazón del polvo
  Nuove poesie di Félix Luis Viera
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro
  Félix Luis Viera. Lontano da Cuba
  Nei gulag di Fidel Castro... Gordiano Lupi intervista Félix Luis Viera
  Patrizia Garofalo. L’intima essenza del dolore
  Felix Luis Viera critica intellettuali ed esuli cubani
  Félix Luis Viera. Questione di punti di vista
  Félix Luis Viera. Erótica - Memoria
  Félix Luis Viera e la poesia di un esiliato
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Félix Luis Viera. Candide puttane della mia patria...
  Félix Luis Viera e la nostalgia di un esiliato
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Poesie senza libri/ Félix Luis Viera. Fantascienza
  Felix Luís Viera e la poesia cubana in esilio
  La morte di Carlos Victoria
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  Félix Luis Viera. La differenza
  Félix Luis Viera. Cuento para niños / Racconto per bambini
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Félix Luis Viera. La que se fue
  Félix Luis Viera su Fidel Castro e la sinistra
  Félix Luis Viera. La metropolitana di Città del Messico
  Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  In libreria/ Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. Cubani cinici; cubani parassiti
  Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Félix Luis Viera. Fai il bene e non guardare a chi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy