Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Félix Luis Viera. Cubani cinici; cubani parassiti
(foto
(foto 'Cubaencuentro') 
30 Agosto 2013
   

Con la riforma migratoria castrista e i vantaggi concessi dal governo statunitense, molti cubani che vivono negli USA tornano al paese di origine solo per fare viaggi di piacere

 

 

1

Non si deve criticare una persona espatriata perché torna a vedere la sua terra natale. Nel caso degli esiliati cubani, sappiamo che molti, dopo la loro uscita da Cuba, avvenuta 10, 20, persino 40 anni fa, giurarono di non tornare e hanno prestato fede a tale giuramento. Altri, qualche volta sono tornati; alcuni per rivedere i familiari più stretti, in certi casi molto anziani; altri, semplicemente, per constatare lo stato di rovina in cui versa il quartiere dove nacquero e per visitare i parchi e i cimiteri dove si trovano i loro ricordi e i loro cari. Conosco casi di persone che "avevano bisogno" di contemplare un'altra volta quelle montagne e quel mare che li hanno visti crescere. Tutto questo, compreso molti altri esempi simili che non ho citato, è umano. 

Ma ultimamente, grazie alle nuove leggi migratorie approvate dal castrismo e ai vantaggi concessi dal governo statunitense, molti nostri compaesani che, paragonati a coloro che sono rimasti sull'Isola, vivono vantaggiosamente nel paese del Nord, viaggiano verso la loro terra d'origine solo per piacere, per “fare turismo”, per “fare la bella vita” e mostrare i loro dollari, i loro vestiti, le loro possibilità. Questi cubani esiliati, soprattutto a Miami, vanno a Cuba con il solo scopo di “godersi la vita”, frequentando locali notturni, spiagge e centri di divertimento... sfruttando tutto quel che trovano di positivo in simili luoghi. Tutto è piuttosto economico per le loro possibilità e in ogni caso alla portata dei loro redditi. Malgrado ciò, quando chiesero asilo politico negli Stati Uniti dichiararono che l'Isola era un luogo invivibile, che erano perseguitati, o qualcosa di simile. In pratica, questi cubani emigrati sfruttano il lato positivo degli Stati Uniti e – per alcuni giorni – il meglio della loro terra natale, nonostante la situazione di degrado in cui versa.

Alcuni dei cubani esiliati che si comportano così fanno parte di quel contingente di compatrioti che – nei luoghi dove vivono – si fanno passare per i più coraggiosi, i più scherzosi, i portabandiera di un popolo che ama il divertimento, i migliori amanti, i migliori ballerini, i più intelligenti e ingegnosi del pianeta. Di fatto, sono soltanto dei caproni.

 

2

A Cuba, invece, abbiamo un nuovo modello di compatriota. Per oltre mezzo secolo la maggior parte dei cubani, dagli alti dirigenti fino ai venditori al dettaglio e agli amministratori di farmacie, si sono dedicati a investire molte ore lavorative per portare a termine ruberie e piccole truffe. Non deve sembrare strano che dopo la crisi totale che investe il paese dal 1991 e la depenalizzazione del dollaro, decisa alcuni anni dopo, spuntasse un nuovo tipo di cubano: quello che non “muove un dito”, ma attende solo la manna dal Nord, dove vivono i familiari e dei buoni amici che lo mantengono.

Queste persone di solito sono giovani o adulti in età lavorativa. Il loro ragionamento è semplice: perché lavorare, anche nelle attività private recentemente liberalizzate dal governo, se con il denaro inviato dai familiari che vivono all'estero campano senza problemi? A Cuba esiste da oltre 40 anni la Legge Contro il Vagabondaggio, applicata con severità e persino con crudeltà – l'ho visto con i miei occhi – negli anni Settanta. Questa legge non è stata derogata, ma in realtà non viene più applicata. 

– Mi hai portato qualche extra? – È stato il saluto di un cugino a un maestro che si è recato recentemente a Cuba per far visita ai familiari. Ha detto “extra” perché questo zio manda regolarmente al cugino e agli altri parenti i dollari che servono per sopravvivere. 

– Zio Alberto non manda niente da quasi tre mesi.

Zio Alberto è un altro zio che, secondo quel che mi ha raccontato lo zio che è stato da poco in visita a Cuba e che è amico mio, non invia rimesse con regolarità.

 

3

Che cosa fare in casi simili? Credo che non possiamo fare niente. Soltanto analizzare il risultato. 

 

Félix Luis Viera

(da Cubaencuentro, 27/08/2013)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Félix Luis Viera. La differenza
  Félix Luis Viera. In morte della poesia
  Félix Luis Viera. Offerta
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Félix Luis Viera. Città del Messico
  Félix Luis Viera su Fidel Castro e la sinistra
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  Felix Luís Viera e la poesia cubana in esilio
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Ángel Santiesteban-Prats. Con la propria testa
  Non piove... Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi leggono Viera
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Félix Luis Viera. Lontano da Cuba
  Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio
  In libreria/ Patrizia Garofalo legge Félix Luis Viera, “La patria è un’arancia”
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Nuove poesie di Félix Luis Viera
  Félix Luis Viera. Esta mujer
  Patrizia Garofalo. L’intima essenza del dolore
  Omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro
  Nei gulag di Fidel Castro... Gordiano Lupi intervista Félix Luis Viera
  Felix Luis Viera critica intellettuali ed esuli cubani
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Félix Luis Viera. Questione di punti di vista
  Félix Luis Viera e la poesia di un esiliato
  Félix Luis Viera. Candide puttane della mia patria...
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Félix Luis Viera e la nostalgia di un esiliato
  “Vento letterario”. Il Foglio alla Fiera del libro di Finale Ligure
  Poesie senza libri/ Félix Luis Viera. Fantascienza
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  La morte di Carlos Victoria
  Félix Luis Viera. Cuento para niños / Racconto per bambini
  Félix Luis Viera. Erótica - Memoria
  Félix Luis Viera. La que se fue
  Félix Luis Viera. Desde el corazón del polvo
  Félix Luis Viera. Fai il bene e non guardare a chi
  Félix Luis Viera. La metropolitana di Città del Messico
  Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  In libreria/ Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Félix Luis Viera. Siamo stati così poveri, moglie, figli miei...
  Aldabonazo en Trocadero 162
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy