Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Félix Luis Viera. La metropolitana di Città del Messico
25 Agosto 2010
 

La Metropolitana fa due giri e mezzo intorno alla Terra ogni mese.

Nelle stazioni di collegamento

ho visto la cifra più vicina possibile al mezzo mondo,

ho visto persone come animali spaventati dagli uomini

camminare con cautela in mezzo a un rumore di cui nessuno sa il motivo.

La maggioranza degli umani che percorre marciapiedi e corridoi

ha il passo di chi si avvicina alla fonte della salvezza.

Il poeta ha percorso le 10 linee della Metropolitana,

oltre 130 stazioni,

alla ricerca di un liquido che affretta le alchimie, o forse

del petrolio bollente che ristagna sotto le gonne delle donne.

Ci sono anche i venditori,

il cui languore si percepisce soprattutto nel lucido delle loro scarpe,

se lo porta via con un peso!”,

o con tre, quattro, dieci pesos, propongono

surrettiziamente a voce spiegata

taccuini penne agende riviste arretrate compact disc

rossetto lampade creme per la pelle libri di grammatica

tisane per ringiovanire.

Con le loro grida

sono i venditori che aumentano il torpore sotterraneo.

Ci sono anche i ciechi

che suonano chitarre, fisarmoniche

cantano,

trascinano uno verso l’altro

un vaso, i ciechi e le cieche

che quasi nessuno vede

che quasi nessuno guarda

che dicono “grazie” come se lo dicessero all’oblio

quando il suono di una moneta cade nel vaso

(non sarà forse il cuore il posto dove risuona?).

Vergine di Guadalupe.

Ci sono i bambini rachitici

                                                     che

a grappoli simili a semi carbonizzati

trascinano i loro strumenti

cantano

con le loro vocine di mais riseccato

una canzone le cui parole non saprebbero tradurre.

I nanetti

con chitarre

maracas

fanno musichette

in cambio di monete

capaci di riempire le loro modeste pance (che

sebbene debbano essere piccole, sapranno

ululare come qualsiasi pancia deserta).

La Metropolitana viaggia come un insetto elettrico.

Donne che si truccano sotto terra.

Una donna bionda sbadiglia mostrando l’ugola

che risplende come una certa scintilla seduttrice.

Un uomo vestito con eleganza

si liscia più volte la cravatta

come se il destino di tutti i presenti dipendesse da questa azione.

Scorrono le facciate dei vagoni adornate di annunci

dove uno si propone come Senatore

dove uno deve apprendere l’inglese

dove uno deve consumare una nuova formula di dentifricio

dove uno deve leggere l’ultimo libro autodidattico

dove uno può diventare milionario dalla mattina alla sera.

Viaggia la Metropolitana come un insetto elettrico.

È un insetto elettrico.  

Migliaia di donne appaiono trasandate

ma

                molte di loro

sfoggiano un trucco come nelle copertine delle riviste di moda,

migliaia devono avere il ciclo mestruale

e l’odore delle loro secrezioni

aggiunge un tono speranzosamente rossiccio all’olfatto.

Tra veemente e furioso

un uomo declama un grido che sembra quasi una poesia

che bombarda la disoccupazione, aggiunge

il nome di quattro figli che proprio in questo momento stanno aspettando

il padre con i beccucci aperti, avvicinandosi alla morte.

Passa un travestito del terzo mondo, ne passa un altro, un altro ancora

- malinconici, rozzi -,

che a voce spiegata si dichiarano innocenti di portare l’aids nel sangue...

chiediamo qualche moneta, per favore, non siamo colpevoli, a chiunque serve, non ci disprezzate, il disprezzo del Governo è sufficiente”.

La Metropolitana viaggia come un insetto elettrico.

La Metropolitana è un insetto elettrico.

Vergine di Guadalupe.

Il caldo, o meglio un certo vapore,  

incendia i cattivi odori,

trasforma

in stufa il vagone.

Un uomo muto passa mettendo bigliettini in grembo ai passeggeri,

dicono i bigliettini che lui è muto, bisognoso di denaro, non sa

neppure come comprare la corda per impiccarsi.

Entra il molestatore nel vagone strapieno, individua il suo obiettivo:

una ragazza mora, innocente e fragile come l’acqua,

la avvicina il molestatore: le pone la bacchetta tra le natiche, alla mora

fragile - che niente può fare: è schiacciata nel nucleo di un pianeta -,

solo, forse, mettere i gomiti contro le costole del rivale, che così

sembra godere di più: mostra evidente lascivia il suo sguardo che si perde

nel tetto della stufa (mentre nessuno sembra guardare, nessuno sembra vedere, nessuno guarda, nessuno vede, tutti guardano, tutti vedono, nessuno fa niente).

Una signora grassa e bianca si è addormentata, la vita esce fuori dalle fessure delle sue labbra, la sua borsa oscilla a sinistra, ma lei, nel suo

sogno, l’afferra come il naufrago la sua tavola.

Salgono, scendono oceani a ogni stazione dell’insetto elettrico.

Ogni dieci oceani che scendono e che salgono, nove, Vergine di Guadalupe,

vestono di azzurro e grigio, è

come una chiazza incessante, una cecità.

                               Subito

un uomo esclama che gli hanno portato via il portafoglio,

figlio di puttana, grida,

accade da quattro anni, quattro stazioni prima, stride una voce

uscita da qualche parte:

credo che fosse un tipo con un cappello tipico del nord e con i baffi,

persino un arcivescovo capirebbe che è un borsaiolo”.

Il poeta, disperatamente, comincia a cercare con lo sguardo una lacrima,

deve esserci una lacrima

nel pavimento,

in qualche borsa

in qualche camicia

in qualche seno

in qualche corrimano

in qualche occhio,

il poeta

è sicuro che solo una lacrima può dargli la forza di arrivare alla fine del viaggio.

Nella stazione di Balderas prescindono dai loro certificati di nascita:

si piantano corni uncini coltelli zanne pelli pugni di ferro,

si fanno carico come in una sorta di frenetico o la vita o la morte, portano via peli, borse, pezzi di camicie, non rispettano neppure le loro madri: un milione

di persone vuole salire, un altro milione scende al tempo stesso.

Vergine di Guadalupe.

Cresce il fetore del profumo, l’aroma del fetore.

Un tipo con le stampelle rosse che è infermo, si è frantumato una gamba

cadendo da un’impalcatura:

lasciatemi qualche moneta” in un fagotto che porta accanto alla stampella sinistra, implora,

non ha certo medico moglie figli zii fratelli cugini padrini neppure un cane,

si lamenta.

Il poeta deve trovare una lacrima, una sola lacrima, per arrivare a destinazione.

Siamo bambini di strada, gridano quattro appena entrati, mangiamo

avanzi degli avanzi, a volte

beviamo Coca-Cola, se voi foste così gentili,

uno

si toglie la camicia

si fa spazio tra la gente e strofina la spalla nuda contro

un fascio di vetri che ha messo nel pavimento sopra un tappeto,

la sua spalla sembra una costellazione fatta con meteoriti solamente,

i presenti nel Colosseo Romano lo guardano quasi tutti con l’indifferenza

con cui gli uccelli guardano gli uomini

(anche se alcuni lasciano cadere diversi centesimi).

Oh, io sono il poeta, ho bisogno che qualcuno mi presti una lacrima.

                                   Subito,

l’insetto elettrico si pianta in mezzo all’oscurità,

immobile, immobile, immobile, prolunga il canto del cigno,

segna, lancia dietro, davanti, gli zombi che hanno pagato due pesos

per il viaggio

alla soglia della caverna.

In qualche stazione escono - sarebbe meglio dire fuggono - oltre la metà dei viaggiatori e

dopo

che entrano due invalidi,  

tre ciechi,

un signore vestito da dirigente che sembra smarrito,

una coppia di giovani che sono uniti con le lingue,

entra una donna

castana dai capelli alla pelle, i gesti, lo sguardo, il respiro, alta

come le torri del futuro,

bella come questa stessa parola, una donna

che può trasformare in seme ogni cosa che tocca.

L’insetto elettrico

la Metropolitana

                maledizione

la Metropolitana

l’insetto elettrico

sono le carte

dove si può leggere l’anima rovesciata della vasta Città,

maledizione,

               maledizione,

Vergine di Guadalupe.

 

Félix Luis Viera

(da La patria es una naranja)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Félix Luis Viera. Offerta
  Patrizia Garofalo. L’intima essenza del dolore
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Félix Luis Viera su Fidel Castro e la sinistra
  Aldabonazo en Trocadero 162
  Felix Luís Viera e la poesia cubana in esilio
  Félix Luis Viera. Desde el corazón del polvo
  Ángel Santiesteban-Prats. Con la propria testa
  Poesie senza libri/ Félix Luis Viera. Fantascienza
  Non piove... Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi leggono Viera
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Félix Luis Viera. Rodríguez si lancia di nuovo
  Nuove poesie di Félix Luis Viera
  Félix Luis Viera. Erótica - Memoria
  Félix Luis Viera. Esta mujer
  Félix Luis Viera. La que se fue
  Omosessuali e dissidenti nei gulag di Fidel Castro
  Nei gulag di Fidel Castro... Gordiano Lupi intervista Félix Luis Viera
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  L'Unicorno Azzurro di Garrincha
  Félix Luis Viera. Fai il bene e non guardare a chi
  Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  “Vento letterario”. Il Foglio alla Fiera del libro di Finale Ligure
  Félix Luis Viera. Questione di punti di vista
  Félix Luis Viera. Candide puttane della mia patria...
  Félix Luis Viera. La differenza
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Félix Luis Viera e la nostalgia di un esiliato
  Félix Luis Viera. In morte della poesia
  Felix Luis Viera critica intellettuali ed esuli cubani
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  La morte di Carlos Victoria
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Félix Luis Viera. Cuento para niños / Racconto per bambini
  Félix Luis Viera. Città del Messico
  Gordiano Lupi. Raúl Castro e Machado Ventura celebrano il 26 luglio
  In libreria/ Patrizia Garofalo legge Félix Luis Viera, “La patria è un’arancia”
  Félix Luis Viera e la poesia di un esiliato
  In libreria/ Félix Luis Viera. La patria è un'arancia
  Félix Luis Viera. Cubani cinici; cubani parassiti
  Félix Luis Viera. Lontano da Cuba
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Félix Luis Viera. Siamo stati così poveri, moglie, figli miei...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy