Sabato , 14 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
05 Luglio 2016
   

Dove sono i manifesti “Je suis Bangladesh et je suis Bagdad” dopo gli attentati terroristici in quei luoghi? Non li vedo da nessuna parte. Soprattutto da parte dei cubani che tanto pretendono quando a loro conviene.

Ma risulta ancor più sorprendente e offensivo che nemmeno i musulmani si esprimano contro il terrorismo islamico internazionale che ha sottratto loro la propria religione.

Alcune delle persone assassinate in questi attentati islamici erano musulmane. Perché i musulmani non escono in massa per le strade a protestare contro questi atti quotidiani di barbarie? Chiedo ai musulmani che conosco la ragione per cui non si fanno sentire. Alcuni rispondono di avere paura, altri che non vogliono saperne di politica. Bene, le rivendicazioni dei terroristi non sono politiche, sono religiose. Andiamo, mi sanno di qualcosa queste risposte, le stesse (sempre di più) che danno i cubani che oggi fuggono (?) da Cuba.

I musulmani che conosco sono poeti, pittori, attivisti per i diritti umani, ci ho avuto a che fare per il mio lavoro e per il mio contributo alla libertà di Cuba. Nelle nostre conversazioni percepisco che una volta vissuti in democrazia nascondono anche le loro posizioni politiche o le loro preferenze sessuali, per quanto per molti di loro farlo sia un atto eroico, riconoscono che perfino in libertà continuano a vivere nella menzogna. Di chi è la colpa? Della loro religione. Ateismo? No, no, per loro questa opzione non esiste.

Non è affatto facile capire il mondo. Tentare di farlo mi isola ogni giorno sempre di più.

 

Zoé Valdés

(da ¡Libertad y Vida!, 4 luglio 2016)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Garrincha. Buon appetito
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  Peppe Sini. Fermare le stragi nell'unico modo possibile
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  Roberto Malini. La follia di sostenere Isis
  Omar Santana. Il califfato affonda nel sangue
  “Da Senigallia a Kobane. Insieme ai Curdi”
  Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  We are Orlando
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Asmae Dachan. Basta con terrorismo e giù le mani dall'Italia
  Marco Lombardi. Radici
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Asmae Dachan. #Siria: Isis e l’infibulazione dei cervelli
  Un enorme pericolo alla diga di Mosul. Siano ritirate le truppe italiane
  Omar Santana, il doppio sistema monetario e lo Stato Islamico
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Mario Lucchini. Ma quale sicurezza?
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Lidia Menapace. Guerre e bugie
  Al distributore
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Asmae Dachan. Isis e Assad: il tempismo del terrore per seppellire altro terrore
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Roberto Fantini. Bombe italiane utilizzate dall’Arabia Saudita in Yemen
  Christian Flammia. “È in corso la terza guerra mondiale”
  Roberto Malini. Grazie, Lucasz
  Anticipazioni/ Per conoscere Zoé Valdés
  Il nulla quotidiano
  Marcello Bussi. Franqui: La storia è una puttana
  Julio García su Zoé Valdés e libertà di movimento. El Lapón Libre sulla forza di Yoani e i suoi progetti per il futuro
  “Somos Liberación”. Nasce la rivista del Movimento Cristiano di Liberazione
  È in edicola con Jorge Olivera Castillo il nuovo GAZETIN
  Eduardo Del Llano. Unplugged
  Gordiano Lupi. L’Avana, ritratto (senza cuore) di una città
  Cuba come non ve la racconta nessuno
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  Roberto Ferranti. Para ellos para todos
  A. Torreguitart. Fidel che non parla mi fa preoccupare…
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Zoé Valdés. Un nuovo anniversario del mio esilio
  Delfini o successori 'democratici', ancora Zoe, vocazione e progetto di stampa libera...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy