Venerdì , 21 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
Falluja, presa (immagine da sito web ‘Gli Occhi Della Guerra’)
Falluja, presa (immagine da sito web ‘Gli Occhi Della Guerra’) 
03 Luglio 2016
 

FALLUJA.

Falluja, la città irachena a cinquanta chilometri a ovest di Baghdad. Pochi giorni fa aerei degli Stati Uniti hanno compiuto una fitta serie di attacchi contro un convoglio del Califfato o Stato islamico di una quarantina di veicoli che stava trasportando uomini e armi fuori dalla città. Sarebbero morti circa 250 soldati del Califfato.

Nel centro di Falluja il primo ministro iracheno Haydar al-'Abadi ha annunciato trionfalmente la vittoria. L’avanzata su Falluja dell’esercito iracheno, aiutato dagli aerei della Coalizione, è stata rapida: cinque settimane, dopo due anni di pratico stallo. Nel gennaio 2014, la città cadde per in mano all’Isis o Daesh, che dopo sei mesi avrebbe proclamato il Califfato. Il ministero della difesa iracheno ha postato su you tube un video dell’attacco aereo al convoglio militare.

Un’ipotesi che circola anche basata sull’attacco aereo è che il Califfato a Falluja non è stato completamente sconfitto, ma ha deciso una ritirata strategica. Succede anche altrove. In Libia, per esempio. I miliziani islamisti preferiscono a uno scontro diretto e perdente il ritiro, il disperdersi nei territori e la riorganizzazione. A tutto ciò si aggiunge il problema della futura amministrazione di Falluja. Un piano per ricostruire un sistema amministrativo richiederà molto tempo e molti sforzi. Il cuore del problema è lo stesso che in tutto l’Iraq: il confronto, anche violento tra gruppi etnico-religiosi. Falluja è sunnita e non ha fatto resistenza alla conquista dell’Isis, gruppo radicale sunnita, anzi. È prevedibile che vi sarà violenza dei liberatori sciti nei confronti della popolazione scita. L’esercito iracheno è appoggiato da milizie scite, Badr Organization, Kataib, etc. etc., i cui miliziani armati e ora sono in città. Già circolano notizie di abusi sulla popolazione civile scita.

 

DIGA DI MOSUL.

In questa situazione, in difficoltà militare sia in Siria che in Iraq è facile prevedere che l’interesse del Califfo per la diga di Mosul può aumentare. Anche nel quadro di un cambio della sua strategia.

Il crollo della diga di Mosul farebbe circa 2 milioni di morti annegati e sommergerebbe Baghdad. Per il Califfo, insomma può essere un'arma di distruzione di massa, non difficile da usare. L’instabilità strutturale della diga (La diga ha sofferto fin dall’inizio problemi, che resero, quasi immediatamente, necessarie iniezioni di cemento micro fine. Una stima parla di circa 90 milioni di chili di cemento iniettato che però furono inefficaci e non hanno risolto il problema. Anzi sembra abbiano causato ulteriori deterioramenti agli strati di gesso carsico di fondazioni e alla struttura. Le continue iniezioni di cemento hanno fatto si che le aperture nel gesso si aprissero sempre più, lasciando cavità al posto del dissolto gesso, movimenti di ingenti quantità di cemento e in superfice sussidenze tutt’intorno alla diga.) renderebbe facile a un gruppo terrorista di provocare il crollo. Basterebbero piccole esplosioni. I punti a favore del Califfo sarebbero vari. L’inondazione colpirebbe oltre i civili le forze avversarie. I soccorsi alle popolazioni creerebbe un diversivo al confronto militare con il Califfo. Per non parlare della visualità mediatica.

La diga di Mosul è stata conquistata nel 2014 dall’ISIS e poi liberata dai peshmerga curdi, ma dalla liberazione non sono mancati attacchi da parte degli islamisti. Il controllo delle dighe più importanti di Siria e Iraq è sempre stato importante per il Califfato. Tra le prime conquiste, agli inizi del 2013, vi fu la diga siriana di Tabqa, sull’Eufrate, poco dopo il confine turco. Tabqa è la più grande diga di terra del mondo ed è la principale fonte di acqua dolce ed energia per 5 milioni di persone, compresi gli abitanti di Aleppo.

Le dighe sono state usate dal Califfato come armi contro la popolazione, tagliando acqua ed energia. o come merce di scambio per rifornimenti o prigionieri negli assedi di Der er-Zor e Aleppo.

 

ITALIA.

In Italia il Senato ha appena approvato il decreto missioni militari. Sono oltre 1,2 i miliardi stanziati dal decreto di proroga delle missioni internazionali, approvato in prima lettura dall’aula del Senato. Il decreto, in scadenza il 15 luglio, dovrà ora essere esaminato dalla Camera. Le principali modifiche apportate nel corso di questo passaggio parlamentare hanno riguardato la missione italiana a protezione della diga di Mosul, per cui un emendamento del governo approvato ha stanziato altri 17,5 milioni per l’arrivo di 450/500 uomini.

La Lega Nord, durante la discussione del Decreto legge sulla proroga delle missioni internazionali che si è tenuta martedì in Senato, ha criticato duramente la missione italiana a difesa della diga di Mosul, in Iraq, nel cui cantiere è impegnata la Trevi di Cesena per eseguire i lavori di consolidamento della struttura. A criticare lo schieramento del contingente italiano è stato il senatore Sergio Divina. «Qualcuno ci deve spiegare perché dobbiamo mandare 400 militari a Mosul, a protezione della diga, a protezione di un intervento privato. La Trevi di Cesena ha vinto un appalto di oltre 270 milioni, chiaramente in una zona ad alto rischio: ora dovrà fare i conti con i rischi, con le assicurazioni dei propri dipendenti e con la messa in sicurezza dei cantieri. Perché i cittadini italiani dovrebbero pagare questo tipo di garanzia ad una ditta, Trevi o non Trevi?» Il contratto tra il governo iracheno e Trevi, firmato il 2 marzo, ammonta a 273 milioni di euro, che Baghdad ha ottenuto in prestito dalla Banca Mondiale.

I lavori, della durata di 18 mesi (ma non è ancora chiara la data di inizio), consisteranno nel consolidamento delle fondamenta con iniezioni di cemento e nella riparazione di una delle due 'saracinesche' di scarico che servono per regolare il livello dell'acqua nel bacino.

Quando le truppe italiane arriveranno saranno responsabili per la sicurezza della diga, così non ci sarà nessuna controversia su chi è responsabile. Sembra che nessun altra forza politica si sia espressa contro l’aumento delle spese militari e l’intervento militare a protezione dell’impresa Trevi quando la stessa lavorerà nella diga. Significative le dichiarazioni della senatrice Valdinosi del Partito Democratico: «Le missioni internazionali testimoniano l’impegno di un grande Paese come l’Italia per stabilizzare le aree di crisi e riportare la pace anche nelle zone più conflittuali del mondo. La diga di Mosul è un punto strategico nello scacchiere iracheno, sorge vicino a regioni dove è purtroppo presente l’Isis, e nella malaugurata ipotesi di un suo crollo, secondo una proiezione delle Nazioni Unite, si verificherebbe una catastrofe con centinaia di migliaia di vittime e resterebbero senza risorse idriche circa 200 milioni di persone. È facile capire come per il terrorismo questa possa rappresentare un obiettivo».

La senatrice Valdinosi sostiene l’avventura militare di Matteo Renzi, senza tener conto, tra l’altro, che:

- le risorse idriche per le popolazioni possono essere compensate con il completamento di una diga a valle di Mosul;

- i rischi di crollo della diga di Mosul possono essere eliminati con lo svuotamento parziale dell’invaso;

- le posizioni contraddittorie del governo iracheno. L’esecutivo di Baghdad è una realtà politica eterogenea, dove non mancano scontri e divergenze interne. A dicembre, il ministro delle Risorse idriche, Mohsin Shammari, aveva affermato che «L’Iraq non ha bisogno di alcuna forza straniera per proteggere il suo territorio, i suoi impianti e la gente che ci lavora».

All’invio dei militari italiani si era opposto anche il leader radicale sciita Moqtada Sadr, già protagonista negli anni scorsi dell’insurrezione armata contro le truppe Usa.

 

Francesco Cecchini


Articoli correlati

  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Garrincha. Buon appetito
  Roberto Malini. Grazie, Lucasz
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Omar Santana, il doppio sistema monetario e lo Stato Islamico
  Roberto Fantini. Bombe italiane utilizzate dall’Arabia Saudita in Yemen
  Omar Santana. Il califfato affonda nel sangue
  Christian Flammia. “È in corso la terza guerra mondiale”
  Peppe Sini. Fermare le stragi nell'unico modo possibile
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  We are Orlando
  Roberto Malini. La follia di sostenere Isis
  Asmae Dachan. Basta con terrorismo e giù le mani dall'Italia
  Marco Lombardi. Radici
  Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
  Un enorme pericolo alla diga di Mosul. Siano ritirate le truppe italiane
  Mario Lucchini. Ma quale sicurezza?
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Lidia Menapace. Guerre e bugie
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Al distributore
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  “Da Senigallia a Kobane. Insieme ai Curdi”
  Asmae Dachan. Isis e Assad: il tempismo del terrore per seppellire altro terrore
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Asmae Dachan. #Siria: Isis e l’infibulazione dei cervelli
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Francesco Cecchini. Villa Pisani, Montebelluna
  Francesco Cecchini. Breve nota su Scholastique Mukasonga
  Francesco Cecchini. Ricordare Ken Saro-Wiwa
  Francesco Cecchini. Italia e Iraq
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy