Venerdì , 21 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
10 Agosto 2014
 

Mi occupai alcuni secoli fa, nella preistoria politica della mia lunga vita, di riforma delle N.U., sottolineando che la Carta fondativa (cioè la “Dichiarazione universale dei diritti umani”) conteneva e contiene al primo articolo, quasi un preambolo generale, la solenne affermazione che “La guerra è un crimine”. Parole di pesante giudizio, non pronunciate da qualche timida verginella o da un simposio di filosofi metafisici, ma dai reggitori dei popoli che dalla guerra mondiale seconda uscivano vincitori e che ne avevano viste comandate e fatte di ogni colore: quindi gli uomini (donne a quel livello non ve ne erano, stavamo solo tra chi era scampato al macello – per nostra fortuna di genere) erano in grado, quando la loro dura cervice fosse stata colpita da un tale ammasso di tragedie rovine orrori disperazioni lutti orfanezze fame sete solitudine e morte violenta, di dire parole profetiche e solenni e giuste e di piena razionalità: insomma la ragione, anche quella maschile, serve ed è necessaria perché non si producano mostri, tenendo come motto quello di Goya: “il sonno della ragione produce mostri”. Giusto.

Perché però i mostri continuano ad essere generati e le madri che producono i mostri e i non meno pericolosi stupidi, sono sempre incinte?

Lascio per una successiva mandata o seguito, la discussione se siano più o meno o egualmente pericolosi/e i mostri e/o gli/le stupidi/e, enunciando soltanto una mia convinzione profonda, secondo la quale ciò che è “unico” è sommamente pericoloso e che perciò il maggior pericolo mentale, per dir così, è il monoteismo, non necessariamente nel senso religioso del termine. Forse qualsiasi assoluto uccide la razionalità, che invece si accompagna volentieri e quasi di necessità, al dubbio obiezione domanda disaccordo discussione opposizione ecc. ecc. ecc. Non -cioè- se al posto degli uomini comandano solo le donne, la situazione migliora: una donna sola al comando non è meno pericolosa che un uomo solo al comando, forse sarebbe più frequente di ora l'omicidio per avvelenamento, invece che per accoltellamento, ma insomma si tratta di varianti tecniche non decisive.

Come potevamo dunque aspettarci che quella solenne dichiarazione, dettata da una tragica esperienza reale vissuta, rimanesse addormentata e quasi soffocata e infine cancellata nella labile memoria dei potenti (incluse le potenti, sia pure meno numerose)? E senza che i famosi intellettuali (e non meno le intellettuali, che -una volta immesse le donne nei canali scolastici esistenti- vincendo alla grande ogni tipo di concorsi stanno diventando abbastanza numerose) dicessero nemmeno bah? No.

Invece nemmeno la campana a martello del processo di Norimberga è servita. La memoria di chi è alfabetizzato/a è molto inferiore a quella di chi non lo è, ma non andate ora dicendo che la Menapace ha fatto l'elogio dell'analfabetismo, sarebbe una conclusione non necessaria.

Invece abbiamo avuto spedizioni ovunque, di guerra “umanitaria”, “difensiva” con una invenzione di espressioni ipocrite degna di miglior causa, fino a che ora abbiamo quel che si sa in Palestina, e in Ucraina e in Egitto e in Siria e in Turchia e in Iraq e ovunque anche senza che ne veniamo a conoscenza, dato che l'informazione, timorosa del potere e ad esso “liberamente” ossequiosa, -spesso- tace o nasconde o copre o vela o attenua, insomma tutto fa, tranne che informare.

L'ultima -finora- è la notizia, data da Obama in persona, che manda potenti mezzi militari aerei Usa in Iraq, a difesa contro i soliti “terrorristi” e poiché sono sotto violenza popolazioni cristiane, il papa non obietta alcunché e si muove a difesa di cristiani (chi non lo fosse, potrebbe essere mandato all'inferno direttamente?), annuncia che lui Obama non fa la guerra, mai no, non vuole aiutare il genocidio in corso, e quindi non chiama guerra e per di più di aggressione ciò che fa, cioè mandare mezzi militari suoi nella terra altrui, e non fa un genocidio perché bombarda selettivamente (quante volte durante la seconda guerra mondiale abbiamo visto e sentito e subito bombardamenti “selettivi”, cui ci era richiesto di sottrarci “sfollando”) a Milano Torino Bologna Napoli ecc. e ovunque...

Qui ci sono due cose da osservare, che la guerra non la comanda la Nato e forse ciò significa che Obama non è riuscito ad ottenerne l'appoggio e l'approvazione, buona cosa, e una cattiva: che cioè, in barba a qualsiasi potere internazionale esistente, gli Usa sono tornati ad assumere per sé il ruolo di gendarme nel mondo (noi ne siamo i più servili e pronti servi), e che perciò anche senza volerlo esplicitamente, sono in grado di far scoppiare per caso la terza guerra mondiale, cioè tecnicamente la fine del mondo.

Leviamoci almeno la soddisfazione, per non sembrare più scemi di quanto siamo, oltre a rimettere in moto e in piazza ovunque il movimento per la pace, anche di chiedere che ad Obama sia levato il Nobel per la pace, che detiene da quando incominciò i suoi mandati, e che che forse si è persino dimenticato di avere. Alla buonora! BASTA!!

 

Lidia Menapace

 

 

»» Mettete il dio degli Yazidi nei vostri profili

(Marco Perduca, blog su L'Huffington Post, 8 agosto 2014)


Articoli correlati

  Riforma delle Nazioni Unite. La proposta di Lidia Menapace
  Lidia Menapace. Questo 25 aprile
  Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Garrincha. Buon appetito
  Roberto Malini. Grazie, Lucasz
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Omar Santana, il doppio sistema monetario e lo Stato Islamico
  Roberto Fantini. Bombe italiane utilizzate dall’Arabia Saudita in Yemen
  Omar Santana. Il califfato affonda nel sangue
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  Christian Flammia. “È in corso la terza guerra mondiale”
  Peppe Sini. Fermare le stragi nell'unico modo possibile
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  We are Orlando
  Roberto Malini. La follia di sostenere Isis
  Asmae Dachan. Basta con terrorismo e giù le mani dall'Italia
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  Marco Lombardi. Radici
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
  Un enorme pericolo alla diga di Mosul. Siano ritirate le truppe italiane
  Mario Lucchini. Ma quale sicurezza?
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Lidia Menapace. Guerre e bugie
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Al distributore
  “Da Senigallia a Kobane. Insieme ai Curdi”
  Asmae Dachan. Isis e Assad: il tempismo del terrore per seppellire altro terrore
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Asmae Dachan. #Siria: Isis e l’infibulazione dei cervelli
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Il patriarcato gentile di Obama
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy