Giovedì , 13 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
20 Febbraio 2008
 

Si sa che al nostro buon Walter piace, e molto, e da sempre, “fare l’americano”. Dopo la fase giovanile ispirata a Kennedy, è passato al “clintonismo”, per approdare ora ad Obama. Essere definito il “Barack de noantri” non rappresenta pertanto uno sfottò ma un complimento per il leader piddino. Quindi non me ne vorrà se cercherò di incrociare la “filosofia” del suo messaggio elettorale con quella adottata dal senatore dell’Illinois.

Ovviamente partiamo dallo slogan che è simile – ma meno potente – di quello di Obama: «Yes We Can» ha ben altra forza del veltroniano-branduardiano «Si può fare». Anche perché il titolo, il refrain e lo spirito del pezzo di Angelo Branduardi evocano spazi e atmosfere diverse e lontane da un messaggio forte, di “volontà politica” quale quello sintetico e militante del «Sì, noi possiamo» del leader democratico americano. Comunque dopo la fase kennedyana del «I care», ecco una versione, un po’ casereccia e musicale di un altro slogan “made in USA”.

D’altra parte non possiamo non riconoscere una coerenza (formale) e una simpatia del nostro buon “Uolter” verso la cultura statunitense. Certo se passasse da un modello superficiale alla sostanza di una “riforma americana” allora sì che sarebbe un’altra musica! Significherebbe adottare il programma dei Radicali. Ma purtroppo non sembra proprio che sia questo il caso. Riforma delle istituzioni (presidenzialismo e collegi uninominali), della giustizia (altro che la visione poliziesca dei Di Pietro e dei Travaglio) e dell’economia (lotta anti monopolistica, liberismo, meritocrazia) non fanno certo parte del programma veltroniano.

A proposito di giustizia nel dodecalogo di Walter c’è solo un richiamo specifico al pezzo forte della linea giustizialista del caudillo molisano (e del populismo sanculotto e plebeo di Grillo): la non eleggibilità dei condannati in sede penale, a prescindere del piccolo particolare se essi abbiano o meno già scontato totalmente il proprio debito con la giustizia. Ammettendo così che sia costituzionalmente e umanamente ammissibile la creazione di una categoria di cittadini “reprobi” condannati comunque “a vita”, aldilà della pena scontata; “paria della società” condannati a non esercitare – fino a che morte non sopraggiunga i propri diritti costituzionali. E questo sarebbe il problema della Giustizia? Siamo lontani anni luce dalla piattaforma Radicale, frutto di decenni di battaglie e referendum per la “giustizia giusta”, conquistabile soltanto con riforme radicali quali – tra tante – quella della separazione delle carriere dei magistrati, della responsabilità civile e dell’abrogazione dell’obbligatorietà dell’azione penale. Per non parlare della grande riforma che doveva accompagnare l’indulto (per farlo funzionare) cioè quella dell’amnistia.

A parte il punto 11° sulla giustizia, influenzato dall’accordo privilegiato con Di Pietro, e che è da scartare totalmente, quasi tutti gli altri capitoli del dodecalogo hanno un’impronta barackiana, non perché il senatore dica cose analoghe, ma per la vaghezza delle soluzioni. Cioè come Barack è stato criticato per la superficialità e l’inconsistenza del suo programma economico e sociale, così potremo fare con diversi punti di Veltroni, molto “buonisti”, anche accettabili come questioni da risolvere, ma senza alcun dettaglio su come e con quali risorse possano venire affrontati.

Il tema cruciale per il futuro dell’Italia quello della scuola, università e ricerca, lo si risolve con “l’apertura di 100 campus universitari entro il 2010” e con l’adozione di “periodi sabbatici di aggiornamento per tutti gli insegnanti”. Purtroppo i mali e i ritardi della scuola e della ricerca in Italia sono di ben altro spessore e serietà per essere risolti con queste modeste proposte veltroniane.

Sul punto 1° (che non casualmente viene collocato al primo posto) si parla con piglio deciso di infrastrutture ed ambiente cercando così di ribaltare l’immagine di immobilismo e di totale indecisionismo che il Governo Prodi ha palesato in questo campo. Le intenzioni sembrano buone: non vi sono chiusure ideologiche e si assume una posizione modernizzatrice e pragmatica; l’interrogativo è sulla quantificazione e sulla tempistica degli interventi.

Sul tema fiscale il programma veltroniano cerca di rispondere in anticipo a quella che sarà “l’arma letale” berlusconiana vista la crescita inesorabile della pressione fiscale e l’immagine non esaltante che su questo punto ha il governo uscente. Anche qui sembra chiaro lo sforzo di Veltroni di marcare una rottura col passato. Correttamente viene assunta l’esigenza di andare a graduali detrazioni Irpef per eliminare l’effetto del cosiddetto “fiscal drag”. Sembra positivo l’impegno di ridurre di un punto all’anno per tre anni delle aliquote IRPEF, così come la contrazione del costo del lavoro, legato però alla produttività.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro lo slogan “lotta alla precarietà” sembra riecheggiare parole d’ordine e provvedimenti “tradizionali” della sinistra, senza porsi invece il tema dell’ampliamento della flessibilità accompagnata dalla creazione di un’adeguata rete di ammortizzatori sociali, così come quello della necessità di adottare diversi modelli contrattualistici, decentrati e flessibili.

Ma forse la cosa più convincente è la promessa del taglio di mezzo punto all’anno sul PIL della spesa pubblica corrente primaria (1% in un biennio); promessa lodevole ma tutta da verificare: i risparmi sarebbero infatti basati soltanto sulla razionalizzazione e non anche sulla voce “costo della macchina burocratica”.

Comunque la stima che viene fatta sul costo del “pacchetto” si aggira sui 10 miliardi di euro, senza che vi sia però alcuna traccia della relativa copertura. È ovvio che questo “vuoto” pone un serio interrogativo sulla credibilità e sulla realizzabilità del programma.

Ma infine l’aspetto più preoccupante non è tanto in quello annunciato (a parte il tema “giustizia”) ma in quello mancante. Appare infatti “assordante” il silenzio sulle liberalizzazioni e sulle privatizzazioni. Senza le prime, soprattutto nei settori dei servizi controllati da aziende facenti parte della cosiddetta galassia del socialismo municipale, non potremo concretamente realizzare una seria politica di apertura del mercato alla concorrenza, con importanti effetti “anti inflazione”; e contribuire così anche alla difesa del potere d’acquisto dei salari e delle pensioni delle fasce più deboli. E sulle privatizzazioni ci sarebbe ancora molto da fare: a partire dall’Alitalia, fino alle Poste.

E dire che i tentativi di liberalizzazione dei ministri Lanzillotta e Bersani, bloccati dalle corporazioni nella legislatura appena conclusa, erano stati decisamente positivi. Sarebbe stato ovvio da parte di un governo erede di quello dell’Unione, di riprendere il lavoro avviato e portarlo a termine, casomai estendendolo come da noi richiesto.

Ma se manca questo decisivo asse liberale ne risente tutta la filosofia di fondo del programma. Che si conferma tiepidamente “barackiano”, cioè basato più su parole ottimistiche di un nuovismo modernizzante che su di un serio impianto riformatore.

 

Piero Capone

(da Notizie radicali, 19 febbraio 2008)


Articoli correlati

  Niccolò Bulanti. «Cosa ci aspettiamo da lui». Sulle elezioni italiane 2008
  Tutti e nove i candidati radicali nelle liste del PD eletti
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Rosangela Pesenti. Pensare in piccolo, agire in tempo...
  Lidia Menapace. Voti dannosi
  A Parigi e in Valtellina per un'Italia europea
  Elisabetta Zamparutti. Sulla mia candidatura in Basilicata
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Valter Vecellio. Appunti per una campagna elettorale
  Valter Vecellio. L’ordine impartito è: far fuori Pannella e i radicali
  Elezioni. Territorio al centro delle scelte delle candidature
  Valter Vecellio. Gli affetti e i concetti
  Valter Vecellio. Hanno ragione Veltroni e Rutelli
  Maria G. Di Rienzo. Elezioni. Prime risposte verso il 2 marzo
  Mao Valpiana. Un vero evento politico
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Donne e uomini di Sinistra chiedono al PD di valutare la possibilità di unirsi in coalizione con i Radicali
  Luciano Canova. Le valigie da preparare
  Accordo Pd-Radicali: Appello per rispetto "parola data"
  Radicali: «Sì all'accordo col Partito democratico»
  Marco Pannella sulle candidature radicali nel Pd
  Elezioni. Appello dei radicali per 'aprire' il PD e concorrere alla sua vittoria politico-elettorale
  Valter Vecellio. Unn’è cosa di spartiricci u pani ‘nzemmula
  Michele Boato, Maria G. Di Rienzo, Mao Valpiana. Crisi politica. Discutiamone il 2 marzo a Bologna
  Maria G. Di Rienzo. Una proposta semplice. Come sono le liste che io vorrei
  Il Palazzo, Antigone e il programma di sinistra
  Benedetto Della Vedova. Più vicini alle grandi democrazie
  SÌ e NO della Sinistra
  Marco Lombardi. Basta Vincere. Un messaggio socialmente devastante
  Elezioni 2008. I nomi dei nove Radicali candidati nelle liste del Partito Democratico
  Candidati coi controfiocchi. Il caso Andrea Verde nella circoscrizione estera per il “Popolo della Libertà”
  Valter Vecellio. Il “laikoonte” di Giorgio Forattini, un’email, e gli sms di un amico
  Marco Pannella. Sono d’accordo con base e sviluppi dell’intesa con il Partito Democratico e con Walter Veltroni
  Annagloria Del Piano. Quell'Italia che è stata sconfitta
  Pd. Candidature in provincia di Sondrio
  Marco Cappato e Rocco Berardo. Lettera aperta a Gavino Angius
  “Famiglia Cristiana”. I risultati di un sondaggio sul numero in edicola e attacco all'intesa Pd/Radicali sul prossimo
  Mao Valpiana. Il voto è mio e lo gestisco io
  Emma Bonino. Alcuni punti chiave della nostra posizione e delle nostre proposte
  Marco Pannella. Con Walter senza riserve
  Lidia Menapace. Divagazioni
  Elezioni 2008. Sulla marginalità delle donne
  UDC. Dalle urne una grande sorpresa
  Valter Vecellio. La difficile scommessa che siamo chiamati a giocare
  Matteo Mecacci. Veltroni come Obama? Una falsificazione politica e giornalistica
  Valter Vecellio. La penisola che c’è. Don Antonio Sciortino, “Famiglia Cristiana”, le scomuniche
  Benedetto Della Vedova e Peppino Calderisi eletti con il Popolo della Libertà. Gli intenti dei “Riformatori Liberali”
  Rita Bernardini e Marco Cappato. Meno efficace di un'alleanza riformatrice, ma accettiamo impostazione per un accordo con il Partito Democratico
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Silvio Viale e Igor Boni. Elezioni: sconfitta terapeutica
  Stasera Emma Bonino a Ballarò
  Elezioni Basilicata. Elisabetta Zamparutti: «Cercherò di dare un contributo al rinnovamento della politica lucana»
  Enrico Letta a Sondrio venerdì. Un'intera giornata in provincia
  Bruna Spagnuolo. Auguri agl’Italiani e… - Tellusfolio elezioni 2008
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Il patriarcato gentile di Obama
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy