Sabato , 15 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Famiglia Cristiana”. I risultati di un sondaggio sul numero in edicola e attacco all'intesa Pd/Radicali sul prossimo 
Quotidiani e tv seguono il confronto
27 Febbraio 2008
 

Gli eloquenti dati

di un sondaggio
di Famiglia Cristiana

 

Per comprendere il vero motivo per cui gente come Bindi, Binetti, Bobba, Castagnetti, Fioroni manifestano reazioni sempre più scomposte e affannate nei confronti dell’accordo tra radicali e Partito democratico non c’è bisogno di avventurarsi in arcane dietrologie. Basta soltanto leggere i dati del sondaggio Coesis Research - Famiglia Cristiana effettuato su un campione selezionato di 505 soggetti rappresentativi dei cattolici italiani e pubblicato nel numero del 28 febbraio del diffuso settimanale.

Alla domanda se si ritiene che un cattolico possa votare uno schieramento comprendente anche il Partito Radicale (si noti, tra l’altro, il solito equivoco tra Radicali Italiani e Partito Radicale, ndr), il 40% degli interpellati ha risposto positivamente, il 25% non ha espresso giudizio, il 35% si è detto contrario.

Andiamo avanti. È stato chiesto se si giudica positivamente la presentazione di una lista come quella della Rosa Bianca. Il 38% ha risposto di no, il 36% di non sapere, il 27% si è pronunciato favorevolmente.

Ma la ciliegina arriva con il quesito su quali dovrebbero essere le priorità da affrontare nei primi cento giorni della nuova compagine governativa. Solo il 7% ha pensato alla revisione della legge 194 sull’aborto e il 5% ad una nuova legge maggiormente severa sulla droga. Il 3% si è addirittura spinto a ipotizzare una legge sulle coppie di fatto (Dico).

Su una graduatoria di quattordici temi, quelli che tanto preoccupano la destra clericale e la componente inciliciata della sinistra occupano gli ultimi posti. Il più gettonato (75%) è risultato l’aumento dei salari, seguito (50%) dalla riduzione del numero dei parlamentari e (44%) dalla riduzione delle tasse alle famiglie con figli.

Dicono qualcosa o no queste percentuali? A noi sì e molto.

Confermano, ad esempio, che i radicali costituiscono una spauracchio per le gerarchie vaticane e per coloro che ricorrono al cattolicesimo come pretesto politico ma non per la stragrande maggioranza dei credenti.

E, ancora, che i cattolici, contrariamente alle intenzioni dei vertici ecclesiastici, non sono affatto un gregge eterodiretto, manovrato a proprio piacimento da Oltretevere e dagli assoggettati chierici. I cattolici, al cui decisivo contributo si deve la legalizzazione, cioè la sottrazione all’infame clandestinità, di divorzio e aborto, non vogliono sentirne parlare della revisione in chiave proibizionista, punitiva, criminogena della 194 o di peggiorare l’attuale già restrittiva normativa sulla droga, ritenendo, invece, maggiormente importante, perché incidente sulla quotidianità, un riequilibrio della preoccupante precarietà economica.

Stando così le cose, non è difficile evincere che non dei radicali i sepolcri imbiancati hanno realmente timore ma di quella parte che si arrogano di rappresentare e che, invece, è molto più libera e avanzata di quanto si possa immaginare.

 

Francesco Pullia

 

 

Non sono forse, queste, pretese totalitarie?

(da una nota di agenzia letta a Radio Radicale)

 

L'attacco all'intesa tra Pd e Radicali, dice Marco Pannella dopo l'affondo di Famiglia Cristiana e l'offensiva del mondo cattolici, «dolorosamente ci inorgoglisce». Il leader radicale chiede poi alle «massime autorità dello Stato» di dire se queste posizioni non siano «una realtà che si manifesta come pretesa totalizzante e totalitaria».

Pannella sottolinea che «i Radicali italiani sono meno di 2.000, hanno un solo eletto in un municipio romano su oltre 350.000 eletti che gli altri partiti cumulano in Italia. I 9 radicali che potrebbero essere nominati fra i quasi 1.000 che contano Senato e Camera - aggiunge - dovrebbero a quel che sentiamo essere sottoposti a vincoli di mandato non proprio costituzionali e legittimi. Contro questi Radicali si scatenano in poche ore Famiglia Cristiana, la stampa vaticana, il Pontefice e cardinali in tutti i tg, criminalizzando le idee favorevoli all'eutanasia di Luca Coscioni, di Pier Giorgio Welby e di Umberto Veronesi».

«Vorrei rispettosamente ma pubblicamente sperare» è l'invito di Pannella «che le massime autorità della Repubblica ci dicano se non ci si trova dinanzi ad una realtà che si manifesta come a pretesa totalizzante, totalitaria. Siamo considerati e trattati come metastasi del tumore che minaccerebbe la vita non solo del nostro Paese ma ovunque nel mondo».

«Solo questo è un bilancio che dolorosamente ci inorgoglisce, perché», osserva Pannella, «ci si tenta di eliminare, ormai anche fisicamente come immagine, in attesa di una più completa opera di disinfezione sociale. La nostra nonviolenza laica in realtà rappresenta la sola alternativa ad un potere impotente che per tranquillizzarsi illusoriamente ritiene possibile e necessario dominare abolendo il diritto del nostro popolo a conoscere per deliberare, a non essere unicamente costretto a ratificare le nomine istituzionali come correzione della Costituzione e della democrazia».

 

 

(da Notizie radicali, 26 febbraio 2008)


Foto allegate

Articoli correlati

  Niccolò Bulanti. «Cosa ci aspettiamo da lui». Sulle elezioni italiane 2008
  Enrico Letta a Sondrio venerdì. Un'intera giornata in provincia
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Rosangela Pesenti. Pensare in piccolo, agire in tempo...
  Lidia Menapace. Voti dannosi
  Benedetto Della Vedova. Più vicini alle grandi democrazie
  Elisabetta Zamparutti. Sulla mia candidatura in Basilicata
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Valter Vecellio. Appunti per una campagna elettorale
  Valter Vecellio. L’ordine impartito è: far fuori Pannella e i radicali
  Elezioni. Territorio al centro delle scelte delle candidature
  Valter Vecellio. Hanno ragione Veltroni e Rutelli
  Elezioni 2008. I nomi dei nove Radicali candidati nelle liste del Partito Democratico
  Maria G. Di Rienzo. Elezioni. Prime risposte verso il 2 marzo
  Mao Valpiana. Un vero evento politico
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Donne e uomini di Sinistra chiedono al PD di valutare la possibilità di unirsi in coalizione con i Radicali
  Luciano Canova. Le valigie da preparare
  Radicali: «Sì all'accordo col Partito democratico»
  Marco Pannella sulle candidature radicali nel Pd
  Elezioni. Appello dei radicali per 'aprire' il PD e concorrere alla sua vittoria politico-elettorale
  Valter Vecellio. Unn’è cosa di spartiricci u pani ‘nzemmula
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Rita Bernardini e Marco Cappato. Meno efficace di un'alleanza riformatrice, ma accettiamo impostazione per un accordo con il Partito Democratico
  Michele Boato, Maria G. Di Rienzo, Mao Valpiana. Crisi politica. Discutiamone il 2 marzo a Bologna
  Accordo Pd-Radicali: Appello per rispetto "parola data"
  Maria G. Di Rienzo. Una proposta semplice. Come sono le liste che io vorrei
  Il Palazzo, Antigone e il programma di sinistra
  SÌ e NO della Sinistra
  Marco Lombardi. Basta Vincere. Un messaggio socialmente devastante
  Candidati coi controfiocchi. Il caso Andrea Verde nella circoscrizione estera per il “Popolo della Libertà”
  Tutti e nove i candidati radicali nelle liste del PD eletti
  Valter Vecellio. Il “laikoonte” di Giorgio Forattini, un’email, e gli sms di un amico
  Marco Pannella. Sono d’accordo con base e sviluppi dell’intesa con il Partito Democratico e con Walter Veltroni
  Valter Vecellio. Gli affetti e i concetti
  Annagloria Del Piano. Quell'Italia che è stata sconfitta
  Pd. Candidature in provincia di Sondrio
  Marco Cappato e Rocco Berardo. Lettera aperta a Gavino Angius
  Mao Valpiana. Il voto è mio e lo gestisco io
  Emma Bonino. Alcuni punti chiave della nostra posizione e delle nostre proposte
  Marco Pannella. Con Walter senza riserve
  Lidia Menapace. Divagazioni
  UDC. Dalle urne una grande sorpresa
  Valter Vecellio. La difficile scommessa che siamo chiamati a giocare
  Matteo Mecacci. Veltroni come Obama? Una falsificazione politica e giornalistica
  Valter Vecellio. La penisola che c’è. Don Antonio Sciortino, “Famiglia Cristiana”, le scomuniche
  Benedetto Della Vedova e Peppino Calderisi eletti con il Popolo della Libertà. Gli intenti dei “Riformatori Liberali”
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Silvio Viale e Igor Boni. Elezioni: sconfitta terapeutica
  A Parigi e in Valtellina per un'Italia europea
  Stasera Emma Bonino a Ballarò
  Elezioni Basilicata. Elisabetta Zamparutti: «Cercherò di dare un contributo al rinnovamento della politica lucana»
  Bruna Spagnuolo. Auguri agl’Italiani e… - Tellusfolio elezioni 2008
  Elezioni 2008. Sulla marginalità delle donne
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy