Sabato , 15 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Il “laikoonte” di Giorgio Forattini, un’email, e gli sms di un amico
15 Marzo 2008
 

Parlare un po’ di noi, partendo da una vignetta, un’email e alcuni sms.

 

La vignetta è quella di Giorgio Forattini, un amico che – anche se da tempo approdato su sponde berlusconiane – non ha smesso di osservare e seguire i radicali con simpatia. Su Panorama, dove ha la rubrica “mascalzonate”, ritrae un Marco Pannella in lotta con Walter Veltroni per l’occasione raffigurato un po’ lombrico, un po’ serpente. La didascalia: “Il laikoonte”.

Forattini allude chiaramente a Laocoonte, che, secondo la mitologia greca, era figlio di Priamo e di Ecuba re e regina di Troia (ma anche di Antenore, secondo alcuni); Laooconte era gran sacerdote del dio Apollo, e veggente. Secondo la leggenda, quando i troiani portarono nella città il famoso cavallo, invano cercò di opporsi, pronunciando quel famoso “Temo i greci, anche quando portano doni”. Il dio dei mari, Poseidone, che si era schierato con i greci, neutralizzò Laoconte, mandando due enormi serpenti marini, che usciti dalle acque avvinghiarono i suoi due figli; Laoconte corse in loro aiuto, finì anche lui stritolato. I troiani interpretarono la cosa come un auspicio favorevole, si tennero il cavallo ed è finita come sappiamo.

 

Ora l’email, di Antonio Bazzoni: «Quello che ha fatto Marco poche ore prima della presentazione delle liste ha dell'incredibile. Seguo le vicende radicali da almeno venticinque anni, e giornalmente Radio Radicale. Credevo di aver capito qualcosa di Marco, ma evidentemente mi sbagliavo. Condivido il giudizio di Adriano Sofri, anche a me sono cadute le braccia. Meno male che Boselli ha capito lo stato confusionale di Marco e gli ha detto di no, risparmiandoci ulteriori umiliazioni. In questi giorni la Radio è un delirio, si parla di tutto tranne che di politica. Abbiamo fatto un accordo con il PD e dobbiamo rispettarlo, perché l'obiettivo è battere il Centro-Destra. Ma è possibile che tutti, ma proprio tutti i leaders radicali non abbiano convinto Marco a non fare queste cazzate? Che delusione...».

 

Infine gli sms. Sono di un caro amico, lo chiameremo Francesco. Vive in una regione “rossa”, e questo ha una sua importanza. «Sarei un ipocrita», scrive, «se negassi che mi trovo molto a disagio e soffro per questo stramaledetto accordo… Annullerò… Sto e starò sempre con Marco. Ma non ce la faccio proprio a dare il voto al PD…».  

 

Comiciamo dall’sms. Cosa chiede, il nostro amico, che si confessi il nostro mal di pancia? Ma certo. Vuole che si neghi “disagio” e “sofferenza”? Ma neppure per sogno. Non si ha davvero alcun problema ad ammettere che in questi giorni e ore non è la cosa più facile essere e mostrarsi ragionevoli, responsabili, pazienti, capaci, “forti”; ma certo che si vorrebbe essere “irragionevoli”, “irresponsabili”, “impazienti”, “incapaci”, deboli, furbi… magari per una volta come sanno esserlo gli altri. E invece, no. Ancora una volta…

È comprensibile che Francesco e con lui tanti compagni, si senta umiliato perché hanno voluto escludere Marco Pannella e Sergio D’Elia; perché hanno mancato la parola data, garantendo che nove radicali sarebbero stati sicuramente eletti, e come ora sappiamo così quasi certamente non sarà; perché hanno perfino escluso che compagni “colpevoli” di essere radicali potessero essere candidati anche in posizione di sicura non elezione; hanno chiuso la porta ai radicali, l’hanno aperta ad Antonio Di Pietro; hanno intimato una quantità di ridicoli quanto arroganti diktat… A Francesco e ai tanti compagni come lui sì, chi scrive confessa che sì mai avrebbe immaginato che un giorno qualcuno avrebbe avuto l’improntitudine di chiederci di pagare i prezzi che ci stanno chiedendo di pagare.

Dal quartier generale berlusconesco si accredita la favola che i radicali si sono “venduti”. Gli inquilini del loft veltroniano si comportano come se fossimo merce acquistata. In questo hanno davvero raggiunto una “larga intesa”. Ed è facilissimo, davvero, trovare ragioni per dire NO all’intesa con il PD. Ma tra le “maledizioni” che gravano sui radicali c’è quella di non essere responsabili, pazienti, ostinati, autenticamente liberali e riformatori. È un interesse indubbio del paese che i radicali possano continuare a incidere come hanno già inciso; i radicali hanno dimostrato ottimamente di saper essere una forza di governo, riformatrice e responsabile: una risorsa non solo necessaria, ma indispensabile per questo paese. Mai come in questi giorni e ore dobbiamo averne la consapevolezza. Abbiamo dei doveri, verso il nostro paese; e anche verso noi stessi, ciò che siamo e rappresentiamo, vogliamo essere, e la nostra storia. Ne ricaveremo – già accade – nuovi insulti, sfregi, linciaggi, volgarità. È il prezzo da pagare, compreso nelle “condizioni” che ci vengono imposte. Francesco e tutti noi deve trovare il coraggio, la responsabilità, la lucidità di pagarlo, quel prezzo; come ha e abbiamo saputo trovarlo ieri. Gli pare poco impegnarsi nell’impresa di garantire che una pattuglia radicale sia presente in Parlamento, a tenere alte quelle bandiere e quei valori che tanti, nel centro-destra come nel centro-sinistra vorrebbero mortificare e annullare? Davvero non crede che ne valga la pena (e che sia una pena, letteralmente, nessuno lo nega)?

 

Quanto al deluso compagno Bazzoni: davvero, come dice, segue da venticinque anni le nostre vicende, attraverso Radio Radicale? Davvero ci ascolta, come dice? Curioso che “solo” ora mostri incredulità e delusione, allora. Perché Pannella e i radicali, alla fine, sono “noiosi”: son cinquant’anni che dicono e cercano di fare sempre le stesse cose, ostinati e instancabili. Quando scrive che Radio Radicale è un delirio che parla di tutto, tranne che di politica, è davvero sicuro di essersi ben sintonizzato? Bazzoni parla di stato confusionale di Marco, di sue (e nostre) “cazzate”, di ulteriori umiliazioni… Non è forse incredibile che siano stati posti dei veti ad personam, che Pannella, D’Elia e altri siano stati esclusi dalle liste? Non è incredibile che Boselli abbia prima offerto candidature come l’ha offerta a Clemente Mastella, quasi sottobanco; e poi quando si è obiettato che se accordo doveva essere, doveva essere alla luce del sole e politico, si sia volatilizzato? Dopo le numerose e pubbliche “offerte” di candidatura da parte di Boselli, Pannella ha detto: “Vedo”. Lo ha raccontato lui stesso a Radio Radicale: contatti, colloqui, verifica se c’era una reale volontà di perseguire una possibile intesa; e si è chiaramente accertato che questa volontà era solo annunciata a uso pubblicitario. Le parole e la valutazione del socialista Mauro Del Bue sono quanto mai puntuali ed esatte: «Un’occasione mancata da parte di Boselli». Anche da Del Bue confusione mentale, umiliazioni, “cazzate”?

 

Ed eccoci a Forattini. Pannella è impegnato anima e corpo «per il Partito Democratico, per un Partito Democratico». A costo di apparire arroganti: ci vuol altro che il “serpentone” da lui effigiato, per stritolarlo.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 14 marzo 2008)


Articoli correlati

  Niccolò Bulanti. «Cosa ci aspettiamo da lui». Sulle elezioni italiane 2008
  Enrico Letta a Sondrio venerdì. Un'intera giornata in provincia
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Rosangela Pesenti. Pensare in piccolo, agire in tempo...
  Lidia Menapace. Voti dannosi
  Benedetto Della Vedova. Più vicini alle grandi democrazie
  Elisabetta Zamparutti. Sulla mia candidatura in Basilicata
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Valter Vecellio. Appunti per una campagna elettorale
  Valter Vecellio. L’ordine impartito è: far fuori Pannella e i radicali
  Elezioni. Territorio al centro delle scelte delle candidature
  Valter Vecellio. Hanno ragione Veltroni e Rutelli
  Maria G. Di Rienzo. Elezioni. Prime risposte verso il 2 marzo
  Mao Valpiana. Un vero evento politico
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Donne e uomini di Sinistra chiedono al PD di valutare la possibilità di unirsi in coalizione con i Radicali
  Luciano Canova. Le valigie da preparare
  Marco Pannella sulle candidature radicali nel Pd
  Elezioni. Appello dei radicali per 'aprire' il PD e concorrere alla sua vittoria politico-elettorale
  Valter Vecellio. Unn’è cosa di spartiricci u pani ‘nzemmula
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Michele Boato, Maria G. Di Rienzo, Mao Valpiana. Crisi politica. Discutiamone il 2 marzo a Bologna
  Accordo Pd-Radicali: Appello per rispetto "parola data"
  Maria G. Di Rienzo. Una proposta semplice. Come sono le liste che io vorrei
  Il Palazzo, Antigone e il programma di sinistra
  SÌ e NO della Sinistra
  Marco Lombardi. Basta Vincere. Un messaggio socialmente devastante
  Marco Pannella. Sono d’accordo con base e sviluppi dell’intesa con il Partito Democratico e con Walter Veltroni
  Valter Vecellio. Gli affetti e i concetti
  Annagloria Del Piano. Quell'Italia che è stata sconfitta
  Pd. Candidature in provincia di Sondrio
  Marco Cappato e Rocco Berardo. Lettera aperta a Gavino Angius
  “Famiglia Cristiana”. I risultati di un sondaggio sul numero in edicola e attacco all'intesa Pd/Radicali sul prossimo
  Mao Valpiana. Il voto è mio e lo gestisco io
  Emma Bonino. Alcuni punti chiave della nostra posizione e delle nostre proposte
  Tutti e nove i candidati radicali nelle liste del PD eletti
  Marco Pannella. Con Walter senza riserve
  Lidia Menapace. Divagazioni
  UDC. Dalle urne una grande sorpresa
  Radicali: «Sì all'accordo col Partito democratico»
  Candidati coi controfiocchi. Il caso Andrea Verde nella circoscrizione estera per il “Popolo della Libertà”
  Valter Vecellio. La difficile scommessa che siamo chiamati a giocare
  Matteo Mecacci. Veltroni come Obama? Una falsificazione politica e giornalistica
  Elezioni 2008. I nomi dei nove Radicali candidati nelle liste del Partito Democratico
  Valter Vecellio. La penisola che c’è. Don Antonio Sciortino, “Famiglia Cristiana”, le scomuniche
  Rita Bernardini e Marco Cappato. Meno efficace di un'alleanza riformatrice, ma accettiamo impostazione per un accordo con il Partito Democratico
  Benedetto Della Vedova e Peppino Calderisi eletti con il Popolo della Libertà. Gli intenti dei “Riformatori Liberali”
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Silvio Viale e Igor Boni. Elezioni: sconfitta terapeutica
  A Parigi e in Valtellina per un'Italia europea
  Stasera Emma Bonino a Ballarò
  Elezioni Basilicata. Elisabetta Zamparutti: «Cercherò di dare un contributo al rinnovamento della politica lucana»
  Bruna Spagnuolo. Auguri agl’Italiani e… - Tellusfolio elezioni 2008
  Elezioni 2008. Sulla marginalità delle donne
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy