Martedì , 07 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Lombardi. Abortirai con dolore 
Nota sulla possibile, prossima approvazione della riforma sanitaria negli Usa e sull'ordine esecutivo di Obama ad essa relativo
22 Marzo 2010
 

Sembra che alla fine Obama ce l'abbia fatta e, salvo improbabili colpi di scena alla Camera dei Rappresentanti, l'agognata riforma sanitaria diverrà realtà. Non è stato semplice gestire un percorso costellato da tanti no, se, ma e forse, della moltitudine di lobby che nuotano attorno alla succosa preda dell'assistenza sanitaria. Ultimo appetito da saturare, non certo per rilevanza, quello degli antiabortisti, uno schieramento di senatori e deputati bypartisan il cui seggio è vincolato al consenso delle comunità religiose locali: credenti ai limiti del fondamentalismo che non perdonano chi tradisce il mandato.

Il risultato, espresso nell'Ordine Esecutivo steso di proprio pugno dal Presidente e di seguito riportato, è che per oltre trenta milioni di americani indigenti saranno sì garantite le prestazioni mediche essenziali, ma non l'aborto. O meglio, non tutte le prestazioni di aborto. Un particolare di non poco conto, che le agenzie giornalistiche hanno omesso di riferire, è che la nuova assicurazione sanitaria garantita permetterà comunque l'accesso all'aborto in casi di emergenza, vale a dire di stupro, incesto e comunque quando la salute della donna sia a rischio. A questo punto sarà importante capire se e come le linee guida in elaborazione potranno intaccare la definizione e l'accertamento dell'emergenza, o se queste rimarranno alla completa discrezionalità del personale medico.

Non è certo il caso di addolcire un boccone comunque amaro. Rimane assurdo privare una vasta platea pubblica di indigenti dall'accesso ad una specifica prestazione medica, l'aborto, per i convincimenti di una parte delle comunità religiose. Prestazione che rimarrà altresì disponibile a pagamento, in un'esenzione divina a gettone. Tuttavia quando Obama, pur tutelando l'obiezione di coscienza, ribadisce il principio di non discriminazione, si ha l'impressione che questa legge non esaurisca un percorso, ma anzi lo avvii a future evoluzioni. Perché la politica, quando buona, il più delle volte procede a piccoli, impercettibili, passi.

 

Marco Lombardi

 

 

DAL WALL STREET JOURNAL

Di seguito il testo del proclama della Casa Bianca e l'ordine esecutivo del Presidente Barack Obama, finalizzati ad assicurare ai Democratici antiabortisti che i fondi federali non saranno utilizzati per finanziare l'aborto nell'ambito dell'innovata legislazione sull'assistenza sanitaria

 

LA CASA BIANCA

Ufficio Stampa

Per immediato rilascio, 21.03.2010

DICHIARAZIONE DAL DIRETTORE ALLE COMUNICAZIONI

DAN PFEIFFER

 

Oggi, l'annuncio del Presidente sull'emanazione di un ordine esecutivo a seguito dell'approvazione della riforma sulle assicurazioni sanitarie private, che riaffermerà la propria consistenza con restrizioni di lungo periodo sull'utilizzo di fondi federali per l'aborto.

Mentre la legge, nel testo approvato, mantiene la normativa corrente, l'ordine esecutivo fornisce una salvaguardia ulteriore per assicurare che lo status quo sia confermato e rafforzato e che le restrizioni della normativa sanitaria contro il finanziamento pubblico all'aborto non possano essere aggirate.

Il Presidente ha fin dall'inizio affermato che questa riforma sull'assicurazione sanitaria avrebbe dato luogo a rovesciamenti dell'attuale situazione. La legislazione sanitaria ed il relativo ordine esecutivo sono coerenti con questo principio.

Il Presidente è grato per lo strenuo sforzo dei leader di ambedue gli schieramenti che si sono venuti a formare su questa tematica, per portare avanti uno stile dialettico che permettesse al disegno di legge di proseguire nel proprio percorso.

 

Segue il testo dell'Ordine Esecutivo:

 

Ordine Esecutivo

- - - - - - -

che assicura il rafforzamento e l'implementazione di restrizioni contro l'aborto nella protezione dei pazienti assistiti e nel provvedimento di presa in carico garantita

Con l'Autorità di cui sono investito, quale Presidente, dalla Costituzione e dalle legge degli USA, in relazione al “Provvedimento di protezione e presa in carico dei pazienti” (approvato nel marzo 2010), di seguito ordino che:

 

Sezione 1. Politica Pubblica

Il provvedimento mantiene le attuali restrizioni dell'Emendamento Hyde sul governo della politica degli aborti ed estende quelle restrizioni al nuovo regime di assicurazione sanitaria. In base al provvedimento, le attuali leggi federali in materia di obiezione di coscienza (…) rimangono intatte e le nuove protezioni proibiscono discriminazioni nell'accesso ai servizi sanitari dovute alla decisione di non erogarli, alla possibilità di pagarli, fornire copertura o ricorrere all'aborto.

Numerose agenzie esecutive hanno un ruolo nell'assicurare che queste restrizioni siano rafforzate, incluso il Dipartimento per la Salute e i Servizi Sociali, l'Ufficio di Gestione e Bilancio, e l'Ufficio di Organizzazione del Personale.

 

Sezione 2. Vincoli puntuali inerenti la Proibizione del finanziamento pubblico all'Aborto nella Poliza Assicurativa

Il provvedimento proibisce espressamente l'uso di fondi pubblici, derivanti da nuove tasse o da tagli alla spesa, per finanziare prestazioni inerenti l'aborto (ad eccezione dei casi di stupro o incesto, o quando la vita della donna è a rischio) nell'ambito dell'assicurazione sanitaria che sarà operativa entro il 2014. Il provvedimento impone inoltre specifici requisiti di spesa e contabilità per assicurare che i fondi federali non siano utilizzati per prestazioni di aborto (ad eccezione dei casi di stupro o incesto, o quando la vita della donna è a rischio), e prevede che commissari assicurativi sanitari assicurino che i fondi assicurativi siano gestiti dalle compagnie assicurative in accordo ai principi di contabilità generale previsti, alle circolari federali di gestione dei fondi, alle linee guida federali in materia di contabilità.

Io stesso stabilisco che il Direttore dell'Ufficio di Gestione e Bilancio ed il Segretario alla Salute e ai Servizi Sociali sviluppino, entro 180 giorni dalla presente, un modello di linee guida gestionali che i commissari assicurativi sanitari utilizzino nel determinare se i piani assicurativi siano conformi ai requisiti di legge, stabiliti nella Sezione 1303 del provvedimento, al fine di ottenere il contributo finanziario federale. Le linee guida dovrebbero inoltre offrire informazioni tecniche che gli Stati dovrebbero seguire per condurre revisioni indipendenti nei confronti delle compagnie assicurative che partecipano al sistema assicurativo sanitario. Nello sviluppare queste linee guida, il Direttore dell'Ufficio di Gestione e Bilancio ed il Segretario alla Salute e ai Servizi Sociali dovrebbero confrontarsi con le agenzie esecutive e con gli uffici che hanno esperienza nei principi di contabilità, come, ma non solo, il Dipartimento del Tesoro, e con la Ragioneria federale. Nel completare queste linee guida, il Segretario alla Salute e ai Servizi Sociali dovrebbe puntualmente avviare un'attività per la produzione normativa di regolamenti, da implementare con legge, per interpretare i criteri di gestione previsti dall'atto, e dovrebbe fornire linee guida per individuare i commissari assicurativi sanitari e per attenersi alle linee guida.

 

Sezione 3. Programma del Centro di Salute Pubblica

Il provvedimento istituisce un nuovo Centro di Salute Pubblica, finanziato nell'ambito del Dipartimento della Salute e dei Servizi Sociali, che eroga fondi federali aggiuntivi per il proprio programma. Le leggi attuali proibiscono a questi centri di utilizzare fondi federali per erogare prestazioni di aborto (ad eccezione dei casi di stupro o incesto, o quando la vita della donna è a rischio), come risulta dall'Emendamento Hyde e dai regolamenti di lungo termine riferiti ad Hyde.

Secondo il provvedimento, i riferimenti ad Hyde dovrebbero applicarsi alle autorizzazioni ed approvazioni dei fondi del Centro di Salute Pubblica sotto la Sezione 10503 e tutte gli altri precetti di legge. Io stabilisco che il Segretario del Dipartimento della Salute e dei Servizi Sociali assicuri che gli amministratori del programma ed i destinatari dei fondi federali siano consapevoli e si adeguino alle limitazioni sulle prestazioni di aborto imposti al Centro di Salute Pubblica dalle leggi correnti. Tali azioni dovrebbero includere, ma non limitarsi a, l'aggiornamento del Regolamento di erogazione dei fondi del Centro e a varare nuove norme interpretative.


Sezione 4. Regole generali.

[...]


LA CASA BIANCA


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Il patriarcato gentile di Obama
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy