Domenica , 22 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
Due studenti dell’Università del Cairo mentre seguono il discorso di Obama del 4 giugno 2009
Due studenti dell’Università del Cairo mentre seguono il discorso di Obama del 4 giugno 2009 
19 Agosto 2012
 

C'è stato un momento in cui tutto sembrava possibile. È stato il 4 giugno 2009 quando Barack Obama, da poco presidente degli Stati Uniti dopo la catastrofica presidenza Bush, tenne un discorso all'università del Cairo, per offrire all'Islam e annunciare al mondo una nuova politica di pace e di cooperazione internazionale volta alla costruzione di un'unica, pluralistica comunità mondiale. Il giorno dopo Obama sarebbe volato a Buchenwald, per ricordare la tragedia ebraica, e intanto quel giorno, nel cuore del mondo arabo, egli annunciava il ritiro dall'Iraq, la rinuncia degli Stati Uniti a decidere quali governi dovessero avere i popoli, la volontà di collaborare in condizioni di parità con i musulmani (quelli che hanno “inventato la bussola”) e il fermo proposito di portare a termine la sofferenza palestinese realizzando con Israele la soluzione dei “due popoli in due Stati”.

In pochi anni queste speranze sono cadute. Obama, braccato dalla destra interna, osteggiato dai vescovi cattolici, tenuto sulla corda dagli avversari dell'assicurazione sanitaria, perturbato dalla crisi economica e dalla speculazione finanziaria, si è ritirato nella dimensione domestica, non è riuscito nemmeno a chiudere Guantanamo; non ha fatto altre guerre, ma sembra che nella dimensione internazionale gli Stati Uniti, se non fanno la guerra, non sappiano fare altro.

Così oggi la scena mondiale è un'arena in cui si scontrano in una lotta senza quartiere enormi interessi economici e finanziari, quando occorrerebbe un regolamento internazionale sul modello degli accordi di Bretton Woods stipulati (e poi stracciati) dopo la seconda guerra mondiale; mentre nessuna Potenza - né gli Stati Uniti, né l'Europa, né la Russia, né la Cina -- ha una politica per il mondo e non solo per sé.

In Medio Oriente non si fa che raccogliere i cocci delle politiche sbagliate perseguite dall'Occidente, soprattutto da quando esso non è stato più frenato dal contropotere sovietico. Le due guerre all'Iraq non solo hanno distrutto l'Iraq, l'hanno disgregato e vi hanno introdotto una violenza permanente ed endemica, ma hanno fatto saltare gli equilibri di tutta l'area, scatenando ulteriori fattori di disgregazione e di conflitto. L'Egitto, perso il suo ruolo e uscito dalla dittatura di Mubarak, vede il prevalere dei partiti religiosi e non sa nemmeno se ha un Parlamento legittimo o meno. La Siria è in piena guerra civile, e la comunità delle nazioni vorrebbe ma non può mandare le truppe per sedare i disordini: l'intervento in Libia e l'uccisione di Gheddafi con la copertura di una legittimazione internazionale sono delitti troppo recenti, per essere ora ripetuti in Siria, e del resto la Russia e la Cina si oppongono. In Afghanistan il bel progetto di un Paese moderato non fondamentalista instaurato dalle culture e dalle armi dell'Occidente è fallito, e non si ha nessuna idea di come lasciare l'Afghanistan agli afghani. L'Iran si compiace dell'isolamento prodotto dal suo estremismo e continua a sviluppare il nucleare civile, che comunque in quel contesto è una bomba, per il quale prima o poi sarà punito.

In Palestina il conflitto tra Israele e il popolo arabo di Gerusalemme e della Cisgiordania è senza soluzioni; la prospettiva a lungo termine è oggi quella di un Israele del tutto assimilato al Sudafrica dell'apartheid prima di Mandela, e di un popolo palestinese la cui disperazione passa di generazione in generazione.

La realtà è che il vecchio mondo che faceva perno su Gheddafi, Mubarak, Saddam Hussein, Sharon, Arafat, Assad è stato distrutto, ma nessuno ha pensato di porre mano a un ordine nuovo.

Che tutto ciò possa essere ignorato o guardato come se niente fosse, è escluso dal fatto che la tragedia molto spesso si fa viva, e contende lo spazio allo spread e ai Mercati sugli stanchi giornali e nelle fatue televisioni dell'Occidente; a Damasco saltano in aria i ministri della difesa e dell'interno, e la guerra si incrudelisce, in Bulgaria salta in aria un pullman di turisti israeliani, così da aggiungere nuove fascine al fuoco di un conflitto già troppo crudele.

È impossibile rimettere insieme i cocci di queste politiche distruttive.

I “moderati”, quelli che non vogliono cambiare niente e lentamente, pensano che tutto debba continuare così, magari con qualche “missione di pace” in più e con più cacciabombardieri F 35 da 150 milioni di dollari l'uno, tanto cari al nostro ammiraglio ministro della difesa.

E invece c'è tutto, e subito, da cambiare; occorrerebbe ripartire dalla visione e dai progetti del 4 giugno 2009; occorrerebbe ripartire da un'idea ricostruttiva dell'unità del mondo, come quella che fu alla base dell'istituzione delle Nazioni Unite, come quella che cinquant'anni fa irradiò il suo splendore dalle pagine della Pacem in Terris di Giovanni XXIII.

 

Raniero La Valle


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Il patriarcato gentile di Obama
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Adieu, Madame Thatcher
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A.D. 2012, Siria
  Yoani Sánchez. A Cuba Assad è soltanto una vittima
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Droga. Rapporto INCB
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Flavio Lotti. Difesa: Non è una “spending review”! Ma “spendi di più”
  Un Convegno su “Armi, guerre, territorio”
  Lidia Menapace. Razionalità
  Rosario Amico Roxas. Gli F-35 non ci servono!
  Flavio Lotti. Non solo F-35
  Andrea Ermano. La pacificazione del Mediterraneo
  Un mese di mobilitazione per dire NO ai caccia F-35
  Tagliare le ali alle armi
  Flavio Lotti. La Camera riforma le FFAA in 8 ore
  Giuseppe Civati. La settimana degli F-35
  Lidia Menapace. Anomia
  Milano: Facciamo vincere la pace
  Giuliano Pisapia. Il mio no all'insensato acquisto degli F35
  Lettera aperta del Movimento Nonviolento ai partiti del centrosinistra
  Campagna “Taglia le ali alle armi”
  Luca Comellini. F35, promesse di Bersani e asini “volanti”…
  Pippo Civati. Si discute nel PD: nel patto di governo riduzione spesa per F-35
  Il caccia F-35 è uno spreco da abolire, perché non se ne discute seriamente?
  “Più risorse agli ospedali, meno soldi alle armi!”
  Raniero La Valle. La lettera del Papa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy