Sabato , 21 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un bel mercoledì
14 Dicembre 2007
 

Notizia n. 1

Le donne afgane chiamano alla pace

di Pam O'Toole per BBC NEWS, 12/12/2007

(trad. Maria G. Di Rienzo)

 

Moltissime dicono di non poterne più della violenza. Hanno tenuto incontri di preghiera in tutto il paese per chiamare alla pace e condividere le proprie esperienze. Le organizzatrici stimano che oltre 1.000 donne abbiano partecipato a questi incontri nelle sei principali province afgane. L'evento, chiamato “Preghiera nazionale delle donne per la pace”, si è tenuto nelle province del sud di Kandahar e Helmand e altrove. Tali iniziative sono assai inusuali in un Afghanistan lacerato dalla guerra. Il paese resta profondamente conservatore e patriarcale, soprattutto al sud. Quando fu permesso a diverse centinaia di donne di pregare in pubblico, a Kandahar, all'inizio di quest'anno, si disse che si trattava del primo evento del genere in assoluto. Ora, mentre la violenza si diffonde nel paese, donne di altre cinque province si sono aggiunte a quelle di Kandahar, per far sentire le loro voci, che chiedono pace. Rangina Hamid, una delle organizzatrici, dice che ciò mostra l'unità delle donne afgane: «Non penso sia mai accaduto prima nella storia dell'Afghanistan. In primo luogo, il fatto che sei differenti province lavorino insieme senza null'altro scopo che la pace. Da tutte si è levato lo stesso alto grido: le donne sono nauseate e stanche degli omicidi già avvenuti e di quelli che avverranno».

Le organizzatrici spiegano anche che alcune donne afgane erano chiaramente preoccupate dell'essere coinvolte in tali eventi. La madre di Kandahar che per prima ha gettato il seme degli incontri ha chiesto che il suo nome non venga pubblicizzato, perché la sua famiglia non approverebbe. Rangina Hamidi racconta che quelle che hanno partecipato all'evento a Kandahar erano particolarmente sollevate dal fatto che l'incontro pubblico non fosse stato investito da minacce o aggressioni: «Invero, stavano rischiando le loro vite. Non sapevamo come la cosa sarebbe stata vista. E per essere oneste, non abbiamo informato le forze di sicurezza affinché ci proteggessero. Volevamo che il tutto fosse il più naturale possibile. In questo modo, quando le donne agiscono da se stesse, si sentono fiere di ciò che fanno, e fiere delle loro sorelle».

Le organizzatrici aggiungono che gli incontri di mercoledì 12 dicembre segnano l'inizio di un movimento: lo scopo, ora, è di diffondere eventi simili in tutte le 34 province afgane.

 

 


Notizia n. 2

Niente paura

di Dalia Nammari per The Associated Press, 13/12/2007

trad. Maria G. Di Rienzo

 

Ramallah, West Bank. I pedoni palestinesi sono rimasti sorpresi all'inusuale vista di poliziotte che dirigevano il traffico a Ramallah, mercoledì 12 dicembre. Si tratta del primo gruppo di donne che si avventurano in un mestiere tradizionalmente riservato agli uomini nella West Bank. Le ufficiali di polizia indossano pantaloni blu scuro e camicie celesti, e molte indossano anche un fazzoletto dello stesso colore dei pantaloni. Alcuni poliziotti prendevano in giro con disprezzo le colleghe al loro primo giorno di lavoro. Queste donne sono la prima classe di poliziotte palestinesi ad aver completato gli studi sponsorizzati dall'Unione Europea, e fanno parte di uno sforzo diretto a migliorare le mal equipaggiate forze dell'ordine palestinesi. Non dirigono solo il traffico; i loro compiti includono il monitorare le strade, le perquisizioni di edifici e i controlli di sicurezza diretti alle donne nelle prigioni e nelle università. Ruoli in cui le donne abbiano autorità sono cose che fanno aggrottare la fronte alla società conservatrice palestinese, ma molti passanti uomini hanno detto di essere rimasti impressionati dalle ufficiali di polizia. «È meraviglioso vedere legge ed ordine venire dalle donne palestinesi», ha detto Fuad Murar, 59enne.

Ashjan Abu Srour, poliziotta 23enne, è una di quelle che indossa il fazzoletto. Mi parla mentre aiuta un'anziana coppia a servirsi del marciapiede. «Ero spaventata, all'inizio, perché la nostra società impone un certo stile di vita alle donne, ma ora, dopo aver passato solo poche ore in strada, paura non ne ho più». Seconde le stime più recente dell'UE il numero delle donne nelle forze dell'ordine palestinesi era di solo 500 a fronte di 18.000 uomini, ed esse erano per lo più confinate, sino ad ora, a compiti clericali o amministrativi.


Articoli correlati

  Grazia Di Veroli. Israele è anche questo
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Sondrio. Palestina, sguardi di donne
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Valdidentro. Manifestazione “Tenda della Solidarietà”
  Israele e Palestina. Questa sera a Milano
  Bambine israeliane scrivono sulle bombe per i palestinesi
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Alessandra Borsetti Venier: “Kufia, canto per la Palestina”
  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Droga. Rapporto INCB
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.9%
NO
 23.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy