Giovedì , 20 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan 
Una proposta di Michele Usuelli per il Congresso di Radicali italiani
28 Ottobre 2018
 

 In vista del congresso di Radicali Italiani, chiedo che la mia famiglia politica discuta, a partire da una posizione nonviolenta gandhiana e non pacifista ad ogni costo, la richiesta al governo italiano di dare un segnale di graduale disimpegno militare in quella guerra, spostando una piccola ma significativa parte del nostro budget militare in iniziative a sostegno della salute sessuale riproduttiva delle donne afghane, incluso il servizio di contraccezione, in collaborazione con UNFPA e con il dipartimento di salute materno riproduttiva del governo Afghano”. (Michele Usuelli)

 

 

Nelle province di Kabul e del Panshir ho lasciato alcuni tra i medici e gli infermieri più talentuosi che abbia mai conosciuto. Ho lasciato amici che hanno scelto di rimanere in Afghanistan, di resistere o di morire nella propria terra; alcuni altri si sono poi trasferiti con un visto umanitario, ma non passa giorno che il senso di colpa o la nostalgia per quelle montagne li lasci in pace.

All’indomani delle elezioni del 20 e 21 ottobre, dove la metà degli 8.8 milioni di afgani aventi diritto a votare ha deciso di sfidare la paura dei 193 attentati nei pressi dei seggi elettorali e di recarsi alle urne. 67 di questi sono deceduti e 120 sono rimasti feriti nell’intendo di esercitare il diritto ad esprimere il voto, il diritto inalienabile dei cittadini alla democrazia rappresentativa. La Shura talebana di Quetta duella con il debole Governo di Kabul facendo strage del suo popolo, facendo strage di diritto. Ciononostante finisce per perdere perché il desiderio di riappropriarsi della sovranità di cittadini è più forte rispetto al timore di finire in brandelli per le strade del Paese, vittime di un’autobomba costruita dai talebani con il preciso intendo di annientare la democrazia. Gli amici afgani che vivono da espatriati hanno pianto e sorriso nei giorni delle elezioni, con la fierezza che li contraddistingue, per l’emozione di una rivoluzione silenziosa. Perché è così che sono gli afgani, fieri e testardi, pronti a resistere anche in silenzio fino al giorno in cui l’ultimo dei veti talebani non decadrà.

Gli italiani hanno una grande responsabilità nei confronti degli afgani, essendo il nostro contingente militare a Herat tra i più grandi del Paese, e questa responsabilità non può fermarsi alle attività di formazione e consulenza fornita alla polizia afgana nel contesto della missione NATO Resolute Support. Anzi, è proprio questo il punto: è arrivato i momento di lasciare che le forze di sicurezza afgane prendano il pieno controllo delle operazioni militari ed investigative perché fare empowerment delle forze locali non vuol dire controllare una parte del Paese. Gli afgani sono finalmente pronti a gestire la risoluzione del conflitto: il compromesso tra attori internazionali, islamisti, clan tribali e parlamentari è sempre più vicino. L’ultima responsabilità demandata agli italiani è quella di favorire il processo di pacificazione ed il ritiro del contingente militare dal Paese può essere il primo esercizio di tutela di una democrazia rappresentativa pagata con il sangue. La Cina e gli Stati Uniti, promotori dei negoziati di Kabul, hanno già espresso in passato l’intenzione di procedere con una progressiva riduzione del loro contingente militare. Le Shure vicine a Haibatullah Akhundzada, leader talebano che più spinge verso gli accordi di pace, hanno partecipato ai negoziati, nonché rispettato i tre giorni di cessate il fuoco promosso dal Presidente Ashraf Ghana in occasione delle festività di Eid Fitr. Una tregua che si aspettava dal 2001, da quando l’amministrazione Bush ha invaso il Paese in rappresaglia all’attentato di Al Qaeda del 09/11.

A uno degli scorsi comitati ho presentato una raccomandazione che impegna Radicali Italiani a prodigarsi per il ritiro del contingente militare in Afghanistan, proposta che troverebbe l’appoggio parlamentare di Liberi e Uguali e del Movimento Cinque Stelle. Abbiamo gli argomenti e una storia antimilitarista per prodigarci affinché una campagna nata in seno a Radicali Italiani diventi una priorità nell’agenda di Governo. Non si tratta solo di ridare dignità al popolo afgano, ma di chiedere conto delle scelte geopolitiche del Parlamento Italiano degli ultimi due decenni; di contribuire a porre fine a un conflitto che ha provocato almeno 35.000 vittime tra i civili afgani per poi azionare, finalmente, le giurisdizioni internazionali che dovranno accertare le responsabilità dei massacri compiuti da Al Qaeda, ISIS e dalle forze statunitensi a partire dall’Operazione Enduring Freedom, delle torture praticate nel Camp X-Ray della prigione di Guantanamo e di tutte le violazioni della Convenzione di Ginevra.

 

Michele Usuelli


Articoli correlati

  Le 8 proposte di legge di iniziativa popolare del Partito Radicale
  Milano. A Gabriele Micalizzi il Premio Rosa Camuna 2019
  Usuelli (+Europa con Emma Bonino): I numeri dicono che l’eccellenza è lontana, per questo sono tenuti nascosti
  Michele Usuelli. Caccia in deroga in Lombardia
  A.R.I.A. (fritta): fusione partecipate regionali, voto contrario di +Europa
  Usuelli/+Europa. Lombardia: Videosorveglianza negli asili nido
  Lombardia. Usuelli sulle nomine in sanità
  Migranti. Usuelli (+Europa): “Definire accoglienza in Europa su modello di Riace”
  Lombardia. “Il Garante che non garantisce i diritti delle bambine”
  Milano. Avvio della produzione di Cannabis terapeutica in Lombardia
  Approvato il Programma Regionale di Sviluppo in Lombardia
  Milano. Impallinata la caccia in deroga!
  Sanità Lombardia. Legge peggiorativa della già discutibile “riforma”
  Michele Usuelli. Tempi di attesa per le prestazioni ambulatoriali in Lombardia
  Barbara Bonvicini. Cannabis Terapeutica in Lombardia
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Droga. Rapporto INCB
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy