Domenica , 16 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
03 Maggio 2009
 

So che più soldati in Afghanistan significheranno ipso facto più afgani morti. Dal 2007 al 2008 c'è stato un aumento del 40% di queste “inevitabili tragedie” o “vittime accidentali” o in qualsiasi altro modo si voglia occultare i cadaveri in un sudario di parole.

So che problemi politici quali il legittimo scontento della popolazione per gli attacchi ai civili, la corruzione del governo Karzai e il sostegno pakistano ai talebani non si risolvono con più guerra.

So che l'aumento di truppe è già avvenuto nel 2007, un incremento del 45%. Nel corso di quell'anno, il numero dei civili uccisi “accidentalmente” è quadruplicato.

So che gli Usa e i loro volonterosi alleati, fra cui il mio paese, stanno spalleggiando un governo impopolare e corrotto. Con l'illusione di combattere al-Qaida e i talebani, si sono portati al potere signori della guerra, trafficanti di droga e miliziani particolarmente brutali. Il 60% del Parlamento afgano è composto da signori della guerra o da persone che hanno legami con essi. Un deputato afgano (Mohammad Mohaqiq) è noto per come, da miliziano, inchiodava alle pareti i suoi prigionieri ancora vivi.

So che le truppe statunitensi ostacolano, anziché favorirli, i soccorsi umanitari. Hanno infatti creato le “squadre provinciali per la ricostruzione”, che annullano la differenza fra operazioni di guerra e aiuti alla popolazione. Le squadre usano l'aiuto umanitario come moneta di scambio per estorcere informazioni ai civili. Se questo dato infame non bastasse, sappiate che metà del paese è inaccessibile agli operatori delle ong e persino a quelli delle Nazioni Unite, e che dal 2005 gli assalti a convogli e volontari sono aumentati del 400%.

So che ogni trenta minuti una donna afgana muore di parto, che una donna afgana su tre ha fatto esperienza di violenza estrema, fisica e sessuale, che tre quarti delle donne afgane sono costrette a matrimoni che non desiderano: e so che non è sempre andata così. La prima Costituzione del paese garantiva suffragio e alcuni diritti alle donne già nel 1923. Durante gli anni '60 e '70 dello scorso secolo la situazione era avanzata, le donne raggiungevano i gradi più alti dell'istruzione, partecipavano al governo della nazione e nessun codice di abbigliamento era in vigore.

So che i diritti umani, e i diritti delle donne sono diritti umani, non sono negoziabili.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 3 maggio 2009)


Articoli correlati

  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Droga. Rapporto INCB
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy