Giovedì , 22 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Maryam
25 Gennaio 2009
 

Le ultime notizie che ho risalgono a lunedì' 19 gennaio. Scontri fra talebani e truppe straniere nella provincia di Kapisa (circa trenta miglia a nord di Kabul), attacco aereo, 19 morti fra i talebani, 25 morti fra i civili. Di questi ultimi i comandanti statunitensi non sanno dire nulla alle agenzie di stampa: stanno vagliando, prendono la cosa molto seriamente, investigheranno. Sono gli stessi tizi che, solo nel 2007, hanno sganciato sull'Afghanistan 4.500 tonnellate di bombe cercando di centrare Osama bin Laden e mancandolo sempre. Non so se si tratti di un problema di vista o di un problema di intelligence, ma so di cosa il mio paese si è reso corresponsabile.

L'Afghanistan è oggi il paese più povero del mondo, in cui l'aspettativa di vita si aggira attorno ai quarant'anni. Solo il Burkina Faso o il Niger a volte ottengono risultati peggiori nelle classifiche. Tre decenni di guerre, un decennio di siccità. Malattie da lungo tempo debellate come tubercolosi e poliomielite sono rifiorite e stanno facendo strage di donne e bambini. Un bimbo su quattro muore prima dei cinque anni, preferibilmente di colera o diarrea (milioni di afgani non hanno accesso ad acqua potabile). Metà delle donne in età fertile finisce per morire di parto. Solo nell'area di Kabul si stimano in 60.000 i bambini che non vanno a scuola e vivono per strada, vendendo cianfrusaglie, mendicando o rubando. I talebani si mettono d'impegno anche loro, per queste creature, non c'è dubbio: dal 2005 fanno saltare in aria circa 150 scuole all'anno, specialmente se in esse si pretende di insegnare alle bambine. Secondo i dati dell'Unicef, nelle quattro province del sud sono chiuse più di metà delle scuole, 380 su 748.

Ancora un po' di numeri? L'87% delle donne riferisce di subire violenza domestica. Il 60% dei matrimoni è forzato. Il 57% delle spose hanno meno di 16 anni (età legale per contrarre matrimonio). E dato che le donne devono stare a casa, persino la moglie del presidente Karzai, che è una ginecologa del cui lavoro il suo paese avrebbe terribilmente bisogno, fa la casalinga.

Sono le “loro tradizioni”, è sempre andata così? No, basterebbe guardare le fotografie degli anni '70 e '80, non è passato poi così tanto tempo, e vedreste studentesse, impiegate, insegnanti, mediche, infermiere, avvocate e ingegnere afgane andarsene in giro vestite come preferiscono e guidare tranquillamente le loro automobili. Certo, per ottenere rispetto e diritti avevano dovuto puntare i piedi e sgomitare e resistere e urlare e persuadere, come tutte le altre donne al mondo. Invasati guerrafondai di ogni tipo in trent'anni hanno tolto loro tutto.

*

E qui veniamo a Maryam. È una ragazzina di 14 anni che vive nell'Afghanistan centrale (provincia di Bamyan). Nel luglio scorso è stata stuprata da un compaesano, ma per timore di essere incarcerata, buttata fuori di casa o uccisa, non ha detto nulla. Purtroppo è rimasta incinta.

Quando attorno al sesto mese di gravidanza ciò che era accaduto è diventato evidente, la sua famiglia le ha aperto il ventre usando dei rasoi da barbiere, ha estratto il feto e lo ha seppellito vivo. L'operazione è stata ovviamente condotta senza alcuna anestesia o precauzione medica, ed è andata avanti un'ora circa, dopo di che la ragazza è stata ricucita con l'ago e il filo che c'erano in casa. Cinque giorni dopo, con le ferite infettate, in punto di morte, è stata portata all'ospedale. I familiari hanno detto che era stata morsa da un cane, ma ai medici è stato sufficiente vedere il suo corpo massacrato: «È stata macellata come un animale», ha dichiarato uno degli operatori sanitari dell'ospedale di Yakawlang, dove la ragazza è in terapia intensiva.

Come ha ripreso conoscenza Maryam ha raccontato la verità, e oggi sua madre, suo fratello ed il suo stupratore sono in custodia cautelare in attesa di processo. Dando conferma alla stampa della tragedia di Maryam, la Commissione indipendente afgana per i diritti umani ha aggiunto di essere «particolarmente preoccupata perché la natura e le tipologie della violenza contro le donne stanno peggiorando, e inoltre i casi sono aumentati rispetto allo scorso anno».

Soraya Rahim Suhbrang, membro della Commissione, è molto chiara: «Non è cultura afgana, è cultura della violenza».

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza, 24 gennaio 2009)


Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Droga. Rapporto INCB
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy