Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
20 Giugno 2007
 

In difesa di Malalai Joya (foto), una voce dell'Afghanistan democratico, il Cisda (Coordinamento italiano a sostegno delle donne afghane), le Donne in nero e Bastaguerra invitano a un presidio a sostegno della deputata democratica espulsa dal parlamento afgano, che si terrà a Milano il 21 giugno 2007 con inizio alle ore 18 in piazza Cordusio.

Per non ignorare il coraggio di Malalai Joya.

Per non lasciare soli i democratici afghani.

Il presidio si terrà in contemporanea in altre città: Roma, Viareggio, Barcellona, New York, Melbourne.

* * *

Malalai Joya è divenuta celebre nel 2003 quando pronunciò il suo primo intervento al parlamento afgano, la Loya Jirga, riunitasi per stendere la carta costituzionale; Malalai denunciò l'allarmante presenza nella Loya Jirga di signori della droga, signori della guerra, fondamentalisti e criminali.

Grazie al suo forte radicamento nel territorio, al suo lavoro concreto a sostegno della popolazione, alla sua attività a favore delle donne, al suo impegno per la democrazia e i diritti, nelle presidenziali del settembre 2005, Malalai Joya fu eletta, giovanissima e con larghissimo consenso, al parlamento afghano.

Anche in questa sede Malalai, nonostante le continue minacce di morte e gli attentati subiti, non è mai venuta meno all'impegno preso con la sua gente, alla lotta per la democrazia e per i diritti e alla denuncia dei criminali fondamentalisti che ancora oggi detengono il potere nel Paese - dentro e fuori dal governo - sostenuti e legittimati dalla politica Usa e dei suoi alleati. Ogni volta che ha potuto, Malalai Joya ha preso la parola per dar voce al popolo afghano oppresso, alle donne che continuano a vivere sotto la minaccia di un regime misogino, reazionario e oscurantista. Mentre il governo statunitense si pavoneggia di aver liberato le donne afghane, le carceri sono colme di donne accusate di adulterio, per aver rifiutato un matrimonio combinato o perché hanno abbandonato un marito violento.

Pochi giorni fa sono state uccise due giornaliste afghane: Shakiba Sanga, presentatrice televisiva, e Zakia Zaki, giornalista radiofonica, nota per le sue posizioni contro i signori della guerra.

Esattamente un mese fa (21 maggio) con un atto illegale, Malalai Joya è stata espulsa dal parlamento per aver criticato la posizione antidemocratica, criminosa e fondamentalista della grande maggioranza dei parlamentari afgani.

A sostegno di Malalai Joya si stanno svolgendo numerose manifestazioni in tutte le principali città afghane: a Kabul, a Jalalabad, a Farah, a Herat, a Pul-e-Kmuri centinaia di donne e uomini sono scesi per le strade rischiando la loro incolumità.

Chiediamo a tutte le forze democratiche in Italia - alle istituzioni, ai partiti, ai sindacati, alle associazioni - una presa di posizione decisa a favore di Malalai Joya la cui vita è in grave pericolo.

Chiediamo che venga posta la massima attenzione alla vicenda, che venga fatta pressione affinché Malalai venga reintegrata nel suo incarico e perché venga garantita la sua sicurezza personale.

Chiediamo che venga amplificata la denuncia di Malalai contro i criminali che siedono al parlamento afghano e che si ottenga la costituzione di un Tribunale Internazionale.

Chiediamo di sostenere democratici e democratiche afghane nella loro lotta per la democrazia, la laicità, la giustizia sociale e i diritti umani.

 

Per approfondimenti: www.malalaijoya.com

Per aggiornamenti in tempo reale
e per il calendario dei presidi,

il blog italiano:

http://malalaijoyaitalia.blogspot.com

 

Gabriella Gagliardo

 

[Da Gabriella Gagliardo (per contatti: gabriella.gagliardo@fastwebnet.it) riceviamo e diffondiamo.

Gabriella Gagliardo, insegnante, impegnata nella Flc-Cgil, nell'associazione Iemanjà ed in altre esperienze di impegno civile, è particolarmente attiva nella solidarietà con le donne afgane, e in molte iniziative di solidarietà e per i diritti.

Malalai Joya è una deputata e prestigiosa attivista per i diritti umani afgana; un suo profilo scritto da Giuliana Sgrena è nel n. 1313 de La nonviolenza è in cammino]

 

(da Nonviolenza. Femminile plurale, n. 109 del 20 giugno 2007)


Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Droga. Rapporto INCB
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy