Giovedì , 19 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
08 Novembre 2008
 

Scrissi un articolo, il 22 settembre, e gli diedi come titolo semplicemente: Barack Obama. Il direttore (secondo la migliore tradizione giornalistica) vi aggiunse la sua ‘interpretazione’-impatto di presentazione, trasformando il titolo in: Barack Obama ovvero politico come esempio, politico come personaggio. Quel titolo, oggi, alla luce della vittoria di Obama (per il quale, allora, la Casa Bianca e la presidenza erano un miraggio ancora irreale), mi appare sotto una luce quasi divinatoria: se egli non avesse vinto, non avrebbe potuto (in alcun modo) essere un modello (né un personaggio). Sarebbe stato semplicemente ‘messo da parte’ dalla luce dei riflettori, che avrebbero, inesorabilmente, continuato a seguire e a illuminare il candidato eletto. ‘Personaggio’ Obama era comunque diventato, grazie al fatto di essere stato un candidato alla Casa Bianca, ma, se non fosse stato eletto, sarebbe diventato un personaggio ‘accantonato’ nei record elettorali vari (con la ‘postilla’ particolare di ‘primo concorrente dalla pelle scura’). La gente lo avrebbe dimenticato presto, come fa con tutti i concorrenti e non lo avrebbe sicuramente visto come ‘esempio’. Può farlo ora e può additarlo ai giovani e alle nuove generazioni, perché Obama ha gestito la sua vita all’insegna dell’investimento oculato dei minuti, delle ore, dei giorni-mesi-anni nelle crescite culturali e umane e nelle ‘semine’ da trasformare in raccolti a vantaggio di molti.

Colui che è diventato presidente della più potente nazione del mondo è nato su questa terra con un ‘corredo’ di circostanze che (da qualunque angolazione le si guardi) possono essere definite ‘avverse’. Egli era ‘svantaggiato’, secondo la mentalità bigotta, chiusa, pregiudizievole e razzista del tempo. Tutti i risultati che avrebbe voluto raggiungere crescendo, gli si prospettavano come mete ardue e dure. I punti d’arrivo più ambiziosi avrebbero richiesto impegno e sforzi notevoli ai ‘favoriti’ dalla fortuna e ne avrebbero richiesto tre volte tanto a ‘quel’ particolare bambino-adolescente-giovane-uomo dotato di intelligenza-intuito e genialità e… di pelle nera. I risultati Obama li ha inseguiti e… raggiunti (fino a Harvard), li ha inseguiti dopo, nell’ambito lavorativo (con una ricaduta buona sulla gente più diseredata) e li ha perseguiti in politica (fino al massimo punto d’arrivo che un essere umano si possa prefiggere). Ha lavorato, ha piegato la schiena, si è impegnato duramente e senza sosta. Ha dimostrato che la ‘sfortuna’ può esistere e che non è invincibile (e che la si può piegare, nella fucina dell’impegno, come duro ferro fuso e plasmato nel crogiuolo della volontà).

 

Il nostro tempo ha bisogno di sapere che simili ‘possibilità’ esistono. Ha bisogno di… esempi. La nostra società ‘zavorrata’ da quarentenni-Peter Pan ancora ‘installati’ nelle ‘camerette’ di ‘mamma e papà’ ha bisogno di medicine-Obama capaci di ‘correre il rischio di vivere’ fino al massimo span della molla dei giorni (da vivere aspirando alla crescita mai stanca delle ambizioni consentite e giuste). I giovani hanno bisogno di ubriacarsi di medicine di quel tipo e di imparare che più i tempi si fanno duri e più è necessario ‘valere’ (e meno ‘salutare’ è indulgere nella ricerca del divertimento a tutti i costi- come fine ultimo del lavoro propedeutico alla ‘paga’). Hanno bisogno di imparare che conviene sempre dare il massimo e che, se spiccano il salto verso la cima delle piramidi-aspirazioni (e ‘sogni’- perché no?) hanno molte probabilità di ‘cascare’ da qualche parte ‘nei dintorni’ della ‘cima’ piuttosto che sulle propaggini più basse o, peggio, sul fondo del pozzo.

Non avevo pensato a Obama come a un esempio (almeno non consapevolmente). Devo a Tellusfolio (e al dottor Di Scalzo) questa ‘intuizione’ che, spero, torni utile alle nuove generazioni (tutte protese verso la ‘progettazione’ della vita). Molto potranno imparare dall’esempio-Obama anche per via del suo portamento e del suo modo d’essere (teso a ‘conquistare’ con la ‘presenza’ pacata, diretta, ferma, sicura, decisa e sempre corretta e gentile e mai ad aggredire con alterato equilibrio e con parole-modi sgradevoli o di bassa lega).

La nostra era confusa e ammorbata dalla TV spazzatura (con i suoi reality diseducativi e perniciosi e con i suoi nessuno-falsi idoli tirati fuori dall’immondizia nel vero senso della parola) ha bisogno –come del pane– di ‘personaggi’ che siano anche ‘esempi’ (e Obama è le due cose insieme, Tellusfolio ha visto ‘giusto’). La nostra società sembra ormai persa alla ragione, perché ‘indottrinata’ da spettacoli ‘non qualificati e inqualificabili’, che, da decenni, insegnano a ‘prostituire’ al ‘fare televisione’ qualsiasi dignità-decoro-pudore e qualsiasi residuo di principi educativi. Le nuove generazioni sono cresciute alla scuola della televisione più squallida che esista e vengono quotidianamente ‘istigate’ a divenire lavandaie (non ho inventato io il modo di dire- chiedo perdono alle lavandaie/popolane del passato che meritano altro tipo di considerazione) litigiose e ‘svergognate’ pronte a ‘sbattere in faccia’ a chiunque (dall’amica, al fidanzato, ai genitori e allo stesso Cristo in croce) qualsiasi nefandezza possibile e immaginabile/ a ‘cantargliele’ senza limiti-remore/ a mettere in piazza ogni centimetro-angolo del privato- del riservato- del familiare e dell’intimo. Nulla è rimasto di sacro (né degl’insegnamenti atavici, secondo i quali occorreva rispondere alle bassezze con il decoro senza ombre e con un portamento teso a temere le ‘piazzate’ come la peste e a non svendere la dignità e l’onore con parole-atteggiamenti-sfoghi indecorosi), per ‘merito’ delle ‘trasmissioni’ in cui la visibilità mediatica trucida allegramente (e sistematicamente) tutti gl’insegnamenti-principi (e dissotterra sacrilegamente tutte le vestigia-penati del passato, immergendole in acido dissacrante e cancellandone il ricordo per sempre). L’eredità didattico-educativa, che i nonni trasformavano in cultura tramandata (di bocca in bocca), sotto forma di racconti-fiabe-sogni-indvinelli-giochi-filastrocche (donati ai bambini alla luce del fuoco o della luna), è stata giustiziata dall’imperversare del doping televisivo della peggiore specie.

Spero che l’elezione di Obama abbia inflitto un colpo a questa ‘licenza di uccidere’ quotidianamente propinata alla società ‘dei consumi’. Auguriamoci che l’esempio di Obama investa i giovani come un ciclone e ricordi loro che, mentre perdono la loro dignità e parte della vita guardando giovanissimi-giovani-meno giovani esibirsi, corteggiarsi, svergognarsi, amarsi, lasciarsi, offendersi e degradarsi in televisione, qualcuno vive davvero, da qualche parte, osando scalate-vita in ascesa, realizzando mete ambite e sogni che apparirebbero impossibili (e, quel che più conta, conquistando stima incondizionata e persino affetto).

L’oppositore, sconfitto, nei primi momenti post-elezioni, è stato l’esempio più bello e più toccante della vittoria di Obama, chiamando colui che era stato il suo ‘nemico’ politico “il mio presidente”. Dicendo quelle parole, McCaine non aveva una sola nota di risentimento nella voce. Le note in essa contenute erano, anzi, imparentate con l’ammirazione e quasi con l’affetto. Ciò fa onore a McCaine, il vecchio soldato dalla vita ispirata ai valori marziali, ma dice anche, e soprattutto, che, forse, il carismatico Obama ha convinto anche lui.

Dire ciò che sognano e incarnare ciò che dicono è il miracolo delle figure carismatiche della storia. Le nostre generazioni hanno bisogno di imparare (ciò che noi abbiamo permesso che dimenticassero): coloro che mettono nelle parole i sogni, hanno grosse responsabilità nei confronti degli altri, perché, sventolando come stendardi e facendosi seguire, avrebbero gioco facile a condurre le folle nel burrone, e sono ‘pericolosi’ per se stessi perché il nemico sa sempre dove trovarli quando e se li vuole colpire; il mondo, però, ha bisogno di loro come dell’aria.

Gli USA, additati-criticati-persino odiati da alcuni, con l’elezione di Obama (e almeno per la durata di una notte) sono stati al centro di una specie di favola bella, che ha portato il mondo a dire: “Viva l’America!”

L’America dello schiavismo/ del razzismo più feroce/ del kuclux clan/ dei sit-in pacifici e tenaci lanciati da Luther King contro la discriminazione razziale, l’America dove chi si azzardava a difendere i ‘Negri’ poteva soltanto diventare un martire, l’America attraversata da fenomeni buoni e cattivi sempre per prima, l’America di Guantanamo e di Abu Ghraib è stata capace di produrre un fenomeno come ‘la notte di Obama’.

Il nuovo presidente di questa ‘nuova’ America ha detto che in un paese così nulla è impossibile e che la risposta al ‘perché’ è proprio ‘quella’ “notte”. I confini di ‘quel’ paese, per la durata di quella notte, si sono allargati al mondo.

Le folle in lacrime e/o in giubilo le abbiamo viste. La commozione è uscita dagli schermi e ha toccato tutti, volenti o nolenti, perché il mondo ha bisogno di valori, infine, e di vederli incarnati. Il mondo si è ‘appropriato’ di un evento squisitamente ‘americano’ e ha dichiarato, in qualche modo, che Obama gli appartiene, perché i ‘simboli’ escono dai confini e si universalizzano.

I simboli, però, sempre e ovunque, avranno vita dura e così accadrà anche al sorridente, pacato, dolce e amichevole Obama, purtroppo (atteso al varco dallo scacchiere mondiale in ‘ebollizione’ pericolosa). Le contraddizioni, i paradossi, le agitazioni profonde del colosso cinese si addensano come una valanga da scongiurare/ le ombre infide-tramatrici della politica iraniana tutt’altro che illuminata diffondono semi di malerbe dai tentacoli uncinati/ le energie-rivendicazioni scalpitanti della Russia ‘indispettita’ esacerbano guerre fredde non dimenticate/ i prodromi di una situazione mondiale precaria disegnano i grafici preoccupanti di un diffuso malessere incombente. La situazione mondiale è ‘malata’ e il mondo si aspetta che un solo uomo produca i ‘vaccini’ miracolosi della molteplice guarigione invocata… Il nuovo presidente americano ha bisogno di auguri (che non gli potranno bastare) e di sortilegi-miracoli (senza interruzione). Personalmente stimo Obama lo scrittore, padrone della parola pensata e scritta, che sa entrare negli oggetti, nelle persone e negli eventi e lasciarvi parte della sua mente e del suo cuore. Quello è l’Obama al quale il mio animo è vicino, perché chi scrive ‘prende su di sé’ i dolori/ le gioie/ le vite/ le ansie/ gli eventi e poi li stiva nel profondo, dove radicano in catarsi lunghe e dolorose e dove pesano oltre ogni dire; a quell’Obama mi sento di augurare un coraggio da leone e le forze ‘unite’ di tutti i suoi Stati e di tutte le nazioni.

Un predicatore africano, durante lo spoglio delle votazioni, ha detto ai fedeli: “State pregando perché questo vostro fratello venga eletto, perché così facendo farà cadere secoli di ‘svalutazione-oppressione-vilipendio’ della nostra razza e del suo valore, ma io vi dico che egli avrà bisogno di preghiere dopo che sarà stato eletto, se il Signore così vorrà, perché allora sulle sue mani verrà posato un involto così pesante che egli da solo non potrà portarlo. Pregate per questo, fratelli suoi e miei, pregate per aiutare Obama ad aprire quel pacco e a ‘maneggiarne con cura’ il contenuto”.

Non conosco un modo migliore, per chiudere questo breve articolo sull’elezione del nuovo presidente americano…

 

Bruna Spagnuolo


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Il patriarcato gentile di Obama
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Adieu, Madame Thatcher
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (2)
  Bruna Spagnuolo: Il primo passo verso il crimine storico è la negazione della storia
  Bruna Spagnuolo: Pistorius non correrà alle Olimpiadi
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bruna Spagnuolo: Cina, Olimpiadi e sangue... il Tibet piange e il mondo che fa?
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Seconda parte
  Bruna Spagnuolo: Uno sguardo ai Balcani/ Kosovo... (2)
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Terza parte
  Bruna Spagnuolo: “Il Protocollo di Kyoto” nel dettaglio
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 3
  Bruna Spagnuolo: Barack Obama ovvero politico come esempio, politico come personaggio
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (1)
  Carlo Forin. La valenza archeologica del nome TEL LUS
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (1)
  Bruna Spagnuolo: Dietro lo schermo della televisione
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 2
  Bruna Spagnuolo. La guerra dell’ambiente
  Bruna Spagnuolo: Il mondo? un treno su binari senza prosecuzione
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 1
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (2)
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 1. Ganzu
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Bruna Spagnuolo: ‘Si vis pacem, para bellum’. Auguri agl’Italiani 2
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Bruna Spagnuolo: La valenza incredibile del nome ‘TELLUS’
  Bruna Spagnuolo. Il segreto dei grandi
  Bruna Spagnuolo: “Mamma e papà” come fantasmi da cancellare
  Bruna Spagnuolo: Banchettano gli sciacalli sulle spoglie dei vinti (1)
  Bruna Spagnuolo: La fine del mondo ad Haiti e nelle isole caraibiche
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Bruna Spagnuolo: Sguardo ai Balcani e al fiume Ibar in Kosovo (1)
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (3)
  Bruna Spagnuolo: Si vis pacem para bellum -Post Scriptum
  Bruna Spagnuolo: L’Afghanistan, i nostri caduti (e le inevitabili ‘cogitazioni‘)
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 2. Tongyuang, Xining e i templi
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Prima parte
  Bruna Spagnuolo: Sul rapporto parola-immagine in Tellusfolio
  Bruna Spagnuolo: 25 XI giornata contro la violenza sulle donne
  Bruna Spagnuolo: Samoa/ Indonesia/ Filippine/ Messina
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy