Mercoledì , 18 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 1. Ganzu
05 Marzo 2008
 

Il mio approccio al viaggio ha a che vedere con il mio scrivere: cerca, scova e canta il bello che si fa speranza. Il modo di 'raccontare' la Cina, in queste pagine, è... soltanto 'mio'. Il contenuto è ciò che di geografico potrebbe svolgersi in un salotto letterario (il mio). Ogni pagina è l'equivalente di una mia poesia (allargata all'iconografia).

 

 

Ho visto l'uomo in Cina

lottare senza cedere

e non conoscere resa.

La montagna è enorme:

l'uomo l'ha tagliata.

Il baratro è profondo:

l'uomo l'ha oltrepassato.

Il sasso è assente:

l'uomo l'ha sostituito.

La natura è avara:

l'uomo l'ha circuita.

La morte è in agguato:

l'uomo si è moltiplicato.

Ho visto l'uomo in Cina

rubare alla terra i tesori.

Ho visto l'uomo in Cina

tessere preistorie e ricamare bandiere.

(da Linfa guerriera di Bruna Spagnuolo)

 

 

Nel 'Ganzu', il paesaggio è lunare, la vegetazione è assente (fatta eccezione per qualche raro albero infreddolito). Lo sguardo cerca invano le formazioni silicee e/o calcaree, le scisti, la selce in senso lato. Non ci sono macigni né ciottoli e si ha l'impressione di essere atterrati su qualche pianeta sconosciuto. Le alture notevoli sono grandi dune addormentate, che fanno da grembo alle nevicate perenni della sabbia sottile proveniente dal deserto del Gobi. Ci sono case che di quella sabbia hanno il colore e la consistenza e che sembrano tagliate dalla scimitarra affilata di qualche costruttore-artista- disegnatore.

Il paesaggio ha linee dolci e arrotondate e un'atmosfera quasi sensuale. L'uomo terrazza e coltiva i fazzoletti più incredibili e sospesi di quella terra-sabbia dall'aspetto inospitale, cava da essi riquadri verde smeraldo che toccano il cuore e fanno venire in mente che quel piccolo-grande uomo ha la capacità di “fare le pietre pani” (come usavano dire gli antichi Calabresi). In quei luoghi, l'essere umano sconfigge la furia degli elementi, sopravvive alle temperature invernali, che arrivano a trenta gradi sottozero, e conserva le strategie della saggezza popolare, che lo aiutano a restare sano e forte. Saggia e ben fondata è, in quei luoghi, per esempio, l'usanza di mangiare moltissimo aglio, crudo al mattino, cotto e persino tostato nelle varie ore del resto della giornata. I 'forestieri' che si trovano a prendere gli aerei locali nelle prime ore del mattino, insieme all'intenso odore di aglio che respirano tra i passeggeri, percepiscono la sensazione di trovarsi al cospetto di una progenie fuori del comune. Quella progenie è, infatti, tanto straordinaria da domare avversità e intemperie e cavalcarle con umiltà testarda e tenacia stoica.

Con scarpette di pezza e vari strati di indumenti poveri, a trenta gradi sotto zero, le genti di quei luoghi s'inventano la vita quotidiana, senza mai interrompere il moto perpetuo che li porta a muoversi da un luogo all'altro, da un'occupazione all'altra, da un bisogno all'altro, tessendo le trame infinite dei tragitti del singolo e delle moltitudini a piedi, in bicicletta o sui 'pa-pa-pa' (i motorini, con rimorchio-multiuso annesso, che emettono il rumore assordante come veri e propri scoppi: pa-pa-pa). Le stagioni sono il rosario su cui si snoda la preghiera-vita di questi abitanti coraggiosi, privi di tutto tranne della determinazione e dell'intraprendenza (quando le loro messi sono mature, le raccolgono, le spargono sull'asfalto e trasformano gl'inconsapevoli mezzi di passaggio in buoi trebbbiatori: le strade, allora, si fanno aie sulle quali mani alacri ventilano il grano, affidandolo al vento perché separi la paglia dai pesanti chicchi preziosi come oro).

 

Bruna Spagnuolo (testi) e G. Ferrari (foto)

 

Continua...

 

                                                     

***

 

 

 

 

Bruna Spagnuolo (Noepoli), poeta, scrittrice e saggista, vive ad Agrate Brianza. Lucana di nascita e lombarda di adozione si considera cittadina del mondo per le molte latitudini che ha visitato (Africa, Benue State, 1977; Pakistan, 1978-'79; Malesia-Singapore, 1980; Turchia, 1985-'87-'88; S. Domingo-Haity, 1986; Algeria, 1989; Cina, 1991; Sudan, 1992; Venezuela, 1994-'95; Malawi, 1996; Kenya-Tanzania, 1997; Nigeria-Kaduna State, 1999, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006; Nigeria, Federal Territory Capital, 2007). Ha dedicato la sua vita all'insegnamento e si è occupata di saggistica, critica letteraria, poesia e narrativa. Da più di un decennio si dedica alla scrittura a tempo pieno. Ha collaborato con riviste letterarie e quotidiani in Italia e all'estero. È presente in alcune antologie. La stampa e la critica si sono occupate di lei e le sue opere sono state recitate da attori, tra i quali Alessandro Quasimodo. Ha pubblicato: Interspazi (1986, poesia), Squarci di vita (1987, narrativa), Linfa guerriera (1997, poesia), Una leggenda chiamata Sarmento (2000, saggistica), Le travalicazioni dei Promessi Sposi del Pollino (2004, narrativa serial in quattro sezioni), La Nonna di Nassiriya (2005, narrativa), Il destino ti abita (2007, narrativa). Nel corso della sua attività letteraria ha conseguito diversi primi premi: 1983: "Romagna"; 1985 "Peccei"; 1986 "Sàntena", "Monfalcone"; 1987 "Sìlarus", "Milano"; 1988 "Fao"; 1989 "Piacenza"; 1990 "L'età verde"; 1999 "Lions Club Istanbul".

   

 ***

 


Migliaia e migliaia sono le immagini fotografate nel mondo e milioni le immagini che abitano il mio cuore, ma finito e limitato è il numero di quelle che possono comparire in questa sede 

 


Foto allegate

Articoli correlati

  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (2)
  Bruna Spagnuolo: Il primo passo verso il crimine storico è la negazione della storia
  Bruna Spagnuolo: Pistorius non correrà alle Olimpiadi
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bruna Spagnuolo: Cina, Olimpiadi e sangue... il Tibet piange e il mondo che fa?
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Seconda parte
  Bruna Spagnuolo: Uno sguardo ai Balcani/ Kosovo... (2)
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Terza parte
  Bruna Spagnuolo: “Il Protocollo di Kyoto” nel dettaglio
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 3
  Bruna Spagnuolo: Barack Obama ovvero politico come esempio, politico come personaggio
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (1)
  Carlo Forin. La valenza archeologica del nome TEL LUS
  Bruna Spagnuolo: Sudan/ schiavismo/ crocifissioni/ orrori senza fine e… Corte europea dei ‘diritti dell’uomo’ iconoclasta e lesiva dei ‘diritti’ (1)
  Bruna Spagnuolo: Dietro lo schermo della televisione
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 2
  Bruna Spagnuolo: Il mondo? un treno su binari senza prosecuzione
  Bruna Spagnuolo. La guerra dell’ambiente
  Bruna Spagnuolo: I ‘Festival’ nigeriani: specchi di africanità dalle molte identità - 1
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (2)
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Bruna Spagnuolo: ‘Si vis pacem, para bellum’. Auguri agl’Italiani 2
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Bruna Spagnuolo: La valenza incredibile del nome ‘TELLUS’
  Bruna Spagnuolo. Il segreto dei grandi
  Bruna Spagnuolo: “Mamma e papà” come fantasmi da cancellare
  Bruna Spagnuolo: Banchettano gli sciacalli sulle spoglie dei vinti (1)
  Bruna Spagnuolo: La fine del mondo ad Haiti e nelle isole caraibiche
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Bruna Spagnuolo: Sguardo ai Balcani e al fiume Ibar in Kosovo (1)
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (3)
  Bruna Spagnuolo: Si vis pacem para bellum -Post Scriptum
  Bruna Spagnuolo: L’Afghanistan, i nostri caduti (e le inevitabili ‘cogitazioni‘)
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 2. Tongyuang, Xining e i templi
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Prima parte
  Bruna Spagnuolo: Sul rapporto parola-immagine in Tellusfolio
  Bruna Spagnuolo: 25 XI giornata contro la violenza sulle donne
  Bruna Spagnuolo: Samoa/ Indonesia/ Filippine/ Messina
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 7. Pechino / Le tombe dei Ming
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 6. Pechino / La Città Proibita
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 8. La grande muraglia e Commiato
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 3. Dentro e fuori i magnifici templi...
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 4. La preghiera nel tempio delle ruote
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 5. Pechino / Piazza T' ien-an-men
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy