Martedì , 25 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
Azione dimostrativa per richiedere la chiusura di Guantánamo (
Azione dimostrativa per richiedere la chiusura di Guantánamo ('Amnesty International')  
08 Febbraio 2016
   

Per la vergogna del sistema giudiziario statunitense, il carcere della Base Navale di Guantánamo compie oggi 14 anni. Dei 680 detenuti che era riuscito a ospitare nel 2003, non ne restano oggi che un centinaio. Molti di loro sono in sciopero della fame e costretti alla nutrizione forzata attraverso dei sondini. Prestigiosi organi di stampa come The New York Times hanno pubblicato lettere di denuncia di abusi scritte dagli stessi detenuti; organizzazioni internazionali per la difesa dei diritti umani hanno portato alla luce atti di tortura che avvengono all'interno di questo centro di detenzione, in cui non vigono le leggi di alcun paese del mondo. Il presidente Barack Obama ha promesso di mettere fine a questa atrocità. Non ci è riuscito.

Non distante da lì, sulla strada che dal capoluogo di provincia arriva al centro abitato di Jamaica si trova la Prigione Provinciale di Guantánamo. Ha la reputazione di essere il carcere in cui si mangia peggio in tutta Cuba e già questo sembra troppo.

I prigionieri di coscienza che sono passati per questa struttura raccontano che la cosa più funzionante sono i consigli di reclusi, formati da delinquenti comuni, organizzati per attaccare e picchiare i “politici” quando vien loro ordinato. Lì vengono rinchiusi quei cubani che hanno tentato in qualche modo di uscire dal paese attraverso il confine con la Base Navale. Non importa da quale provincia arrivino, salvo rare eccezioni, è quello il luogo in cui scontano dai due ai cinque anni per aver violato la linea di frontiera.

 

Nella Prigione Provinciale di Guantánamo finiscono quei cubani che hanno tentato in qualche modo di uscire dal paese attraverso il confine con la Base Navale

 

Un'altra particolarità di questo luogo sono i numerosi atti di autolesionismo che si verificano. Accade che alcuni reclusi che non sopportano il regime carcerario comprino sangue da malati di HIV per contagiarsi. Ci sono anche state automutilazioni di diverso tipo.

Nel giugno del 2007, un giovane dal nome Yosvani Correa Lafernal si è iniettato degli escrementi ed è morto per un'infezione diffusa dopo una settimana senza ricevere alcuna assistenza medica. A un altro detenuto di Guantánamo, noto come Ánibal, hanno dovuto amputare entrambe le braccia perché si era iniettato del petrolio nelle vene.

Molti altri casi non sono mai stati debitamente documentati, così come gli scioperi della fame, le percosse, la mancanza di assistenza medica. Nessuna autorità governativa si è mai pronunciata in merito, nessun organo di stampa ufficiale ha mai nemmeno fatto cenno a questa situazione.

Per la vergogna di tutti i cubani, questo è il carcere di Guantánamo.

 

Reinaldo Escobar

(dal blog Desde aquí su 14ymedio.com, 04/02/2016)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Adieu, Madame Thatcher
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Il patriarcato gentile di Obama
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  A Barcellona i cubani della diaspora manifestano per i diritti umani
  Raúl Castro: “Non rimettete troppe speranze nella Conferenza del Partito”
  Cuba. La polizia libera il giornalista di “14ymedio”, Reinaldo Escobar
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Gordiano Lupi. Federica Mogherini apre a Cuba
  Claudia Cadelo. El Dorado e la sinistra del XXI secolo
  Cuba. Arrestati a Bayamo Yoani Sánchez e Reinaldo Escobar
  Generación Y. Ragioni civiche
  Yoani Sánchez. Tra due muri
  Yoani Sánchez. Galletta
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Il silenzio di Raúl Castro
  “Sul tetto di vetro”. La risposta di Reinaldo Escobar a Fidel
  Reinaldo Escobar. Il cadavere scomodo di Orlando Zapata
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Reinaldo Escobar. Gli idioti
  Reinaldo Escobar. Un’idea giusta in fondo a una cella
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Reinaldo Escobar. Ossigeno
  Reinaldo Escobar. Perchè fare campagna elettorale?
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Reinaldo Escobar. Trasformare la bugia in verità
  Reinaldo Escobar. Da cosa ti sei salvato, Camilo!
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Generación Y. Ragioni civiche 2
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy