Sabato , 01 Ottobre 2016
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
05 Agosto 2010
 

Non voglio cadere in quel modo di parlare tipico dei vecchi che si riassume nella frase “te l’avevo detto” quando si verifica quel che si era previsto. Non contento di aver sprecato l’opportunità del 26 luglio, Raúl Castro è tornato a parlare in maniera molto stringata davanti al Parlamento.

Le misure annunciate in tema di ampliamento del lavoro privato e la flessibilità sui contratti per assumere mano d’opera sono passi in direzione corretta, ma mancano ancora di profondità e sono caratterizzati da un’esasperante lentezza. Per esempio, sarà possibile rivolgersi all’ufficio che si occupa di certe tematiche e prendere una licenza come giornalista indipendente? Le imprese miste potranno contrattare il loro personale senza l’imposizione del monopolio impiegatizio praticato dallo Stato? Era indispensabile farla finita con la pratica paternalista di tenere otto persone in posti di lavoro dove ne bastavano tre. È stato importante affermare il principio che la prima - se non la sola - ragione per selezionare i nuovi impiegati deve essere l’idoneità al posto di lavoro. Adesso resta da dire con fermezza che al momento di licenziare non possono entrare in gioco probabili discriminazioni e favoritismi.

Lo dico con grande rispetto ma non credo, come afferma il generale presidente che non esista una lotta tra tendenze sulla direzione da far prendere alla rivoluzione. La proclamata unità permette a Raúl Castro di parlare usando la prima persona plurale come soggetto impreciso per determinare il ritmo dei cambiamenti. Ma le divergenze possono essere più acute e persino antagoniste secondo il ritmo che prenderanno, perché la rapidità e la profondità che alcuni propongono finirà per provocare la caduta del socialismo.

Se le opinioni di un cittadino si allontaneranno dall’interpretazione di ciò che il partito considera come “gli stessi propositi di giustizia sociale e sovranità nazionale” non saranno viste come divergenze oneste e saranno esclude da ogni possibile dialogo.

Raúl Castro non si è rivolto al Parlamento come presidente di tutti i cittadini, ma come il capo di una banda. Ha ripetuto oziosamente: «Non ci sarà impunità per i nemici della patria, per coloro che intendono mettere in pericolo la nostra indipendenza». La tanto proclamata unità non si fonda soltanto sulla falsa unanimità e sulla simulazione opportunista, ma - come risulta chiaro dopo la lettura serena del suo discorso - soprattutto sul timore di essere considerato un traditore della patria solo perché si chiede maggior profondità e velocità nei cambiamenti, incluso - perché no? - farla finita con un sistema che ha saputo dimostrare soltanto la sua non praticabilità.

Il presidente di tutti i cittadini dovrebbe garantire che nessun cubano, qualunque sia la sua opinione, venisse privato del diritto di esprimersi liberamente, in qualunque strada e in qualunque piazza. Sarebbe giusto che non esistessero più persone disponibili a comporre la folla di un meeting di ripudio, così come sarebbe auspicabile che chi ha opinioni diverse dal partito comunista non dovesse attendere l’autorizzazione di un generale per poter parlare liberamente e non si dovesse difendere da coloro che ricevono l’ordine di andare a manifestare.

 

Reinaldo Escobar

(da Desde aquí, 4 agosto 2010)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Cuba. Meno detenuti politici, ma situazione diritti non migliora
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Gorki Águila. “El general”. Arrestato mentre la registrava
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Yoani Sánchez. Assenza di colori
  Yoani Sánchez. Cuba. Il numero 1.5
  A. Torreguitart. Speedy Gonzales e il socialismo realista
  Cuba. Stato sociale, forse cade un tabù
  Yoani Sánchez. Che cosa fa un presidente?
  Raúl Castro: “Il futuro è nel privato! Ma siamo ancora socialisti...”
  Yoani Sánchez. Mi dimeno nell’Olimpo
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Iniezioni di libero mercato e campi da golf per l'economia cubana
  Raúl Castro riapre il settore dei trasporti ai privati
  Yoani Sánchez. Il sermone di José Conrado nella chiesa di legno
  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Yoani Sánchez. Il peccato originale
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
  Lula paragona i dissidenti cubani ai delinquenti comuni brasiliani
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Domenico Vecchioni. “Raúl Castro”
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Breve analisi economico-politica del 2009 di Raúl Castro
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Omar Santana e la situazione cubana
  A Cuba reimpasto nel governo
  “Sul tetto di vetro”. La risposta di Reinaldo Escobar a Fidel
  Reinaldo Escobar. Un’idea giusta in fondo a una cella
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Raúl Castro: “Non rimettete troppe speranze nella Conferenza del Partito”
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Federica Mogherini apre a Cuba
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Reinaldo Escobar. Perchè fare campagna elettorale?
  Claudia Cadelo. El Dorado e la sinistra del XXI secolo
  Reinaldo Escobar. Ossigeno
  Generación Y. Ragioni civiche 2
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Reinaldo Escobar. Il cadavere scomodo di Orlando Zapata
  Cuba. Arrestati a Bayamo Yoani Sánchez e Reinaldo Escobar
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Yoani Sánchez. Galletta
  Generación Y. Ragioni civiche
  Reinaldo Escobar. Da cosa ti sei salvato, Camilo!
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Il silenzio di Raúl Castro
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  A Barcellona i cubani della diaspora manifestano per i diritti umani
  Yoani Sánchez. Tra due muri
  Reinaldo Escobar. Trasformare la bugia in verità
  Reinaldo Escobar. Gli idioti
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.1%
Non so.
 1.3%
Non sono d'accordo.
 36.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy