Giovedì , 24 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A Cuba reimpasto nel governo 
«Raúl rimpasta il regime. Via l'uomo forte Pérez Roque», commenta “la Repubblica”
03 Marzo 2009
 

Nota Ufficiale del Consiglio di Stato di CUBA.

Accordato il movimento di quadri
e la riorganizzazione di organismi.


In conformità con le proposte realizzate dal Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, nella sessione costitutiva della VII Legislatura dell’Assemblea Nazionale del Poder Popular del 24 febbraio 2008, che «oggi si ha bisogno di una struttura più compatta e funzionale, con un minor numero di organismi dell’amministrazione centrale dello Stato ed una miglior distribuzione delle funzioni che svolgono», il Consiglio di Stato, su proposta del suo Presidente, previa consulta con il Burò Politico del Comitato Centrale del Partito, ha accordato nel corso della riunione celebrata oggi di realizzare i seguenti movimenti di quadri e di riorganizzazioni in alcuni organismi dell’Amministrazione Centrale dello Stato:

Sollevare il compagno José Luis Rodríguez García dall’incarico di Vicepresidente del Consiglio dei Ministri e di Ministro dell’Economia e Pianificazione. Designare il compagno Marino Murillo Jorge all’incarico di Vicepresidente del Consiglio dei Ministri e Ministro dell’Economia e Pianificazione e sollevarlo dalla sua responsabilità alla guida del Ministero del Commercio Interno.

Sollevare il compagno Otto Rivero Torres dalle sue responsabilità di Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, tenendo in considerazione che è concluso il trasferimento dei programmi che curava ai rispettivi organismi d’investimento. Il Vice presidente del Governo Ramiro Valdés Menéndez si occuperà del loro coordinamento e controllo.

Unificare i ministeri del Commercio Estero e per gli Investimenti Stranieri e la Collaborazione Economica, e designare il compagno Rodrigo Malmierca Diaz all’incarico di Ministro del Commercio Estero ed Investimenti Stranieri, denominazione che comprende le attività di Collaborazione Economica che sviluppa il paese. Sollevare il compagno Raúl de la Nuez Ramírez dalle sue responsabilità come Ministro del Commercio Estero.

Unificare i ministri dell’Industria Alimentare e dell’Industria della Pesca e designare la compagna Maria del Carmen Concepción González, che sarà previamente sollevata dal suolo ruolo di membro della Segreteria del Comitato Centrale del Partito, all’incarico di Ministra dell’Industria Alimentare, denominazione che include le attività dell’Industria della Pesca. Sollevare i compagni Alejandro Roca Iglesias e Alfredo López Valdés dai loro incarichi di ministri dell’Industria Alimentare e di Industria della Pesca.

Sollevare il compagno Felipe Pérez Roque dalle sue responsabilità come Ministro degli Esteri, e promuovere l’attuale Primo Viceministro, Bruno Rodríguez Partila, per occupare quest’incarico.

Sollevare la compagna Georgina Barreiro Fajardo dall’incarico di Ministro delle Finanze e Prezzi, e nominare al suo posto la compagna Lina Pedraza Rodríguez, sollevata dalla sua condizione di membro della Segreteria del Comitato Centrale del PCC, responsabilità da cui curava gli organi globali dell’economia.

Sollevare il compagno Fernando Acosta Santana dall’incarico di Ministro dell’Industria Sideromeccanica, e promuovere al suo posto il generale di brigata Salvador Pardo Cruz, che ricopre la funzione di Direttore Generale dell’Unione dell’Industria Militare. Promuovere il compagno Jacinto Angulo Pardo, Primo Viceministro del Commercio Interno, all’incarico di Ministro di quest’organismo.

Sollevare il compagno Alfredo Morales Cartata dall’incarico di Ministro del Lavoro e Sicurezza Sociale, e promuovere al suo posto la compagna Margarita Marlene González Fernández, attuale Prima Viceministro di quest’organismo.

Designare Ministro della Scienza, Tecnologia ed Ambiente, organismo al quale si trasferisce l’attenzione del Polo Scientifico, il compagno José M. Miyar Barrueco, che è stato sollevato con questo proposito dalla sua condizione di Segretario del Consiglio di Stato.

Designare in modo interino, soggetto alla ratifica dell’Assemblea Nazionale del Poder Popular nel prossimo periodo ordinario di sessioni, il deputato Homero Acosta Álvarez all’incarico di Segretario del Consiglio di Stato, con la funzione di assistere ed aiutare il Presidente, il Primo Vicepresidente, i Vicepresidenti e gli altri membri del Consiglio di Stato, in compimento delle attribuzioni definite per quest’organo negli articolo 89, 90 e 93 della Costituzione della Repubblica. L’incarico di Segretario del Consiglio di Stato non costituisce da solo una posizione con facoltà di decisione nell’ambito statale, né svolge alcun protagonismo nella direzione dello Stato.

Sollevare il compagno Carlos Lage Dávila dal suo incarico di Segretario del Consiglio dei Ministri, e designare in questa responsabilità l’attuale Capo della Segreteria del Ministro delle FAR, generale di brigata José Armato Ricardo Guerra, con la funzione di assistere ed aiutare il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Primo Vicepresidente e gli altri membri del suo Comitato Esecutivo nelle sue attività, in corrispondenza con l’articolo 97 della Costituzione della Repubblica e della legislazione vigente, e pertanto questo incarico non costituisce legalmente una posizione con facoltà di decisioni in materia governativa, né se le attribuisce alcun protagonismo nella direzione del Governo.

Nell’ambito di queste decisioni il Burò Politico ed il Consiglio di Stato hanno ratificato la vigenza dei pronunciamenti del compagno Raúl Castro il 24 febbraio 2008, quando ha espresso: «L’istituzionalità è uno dei pilastri dell’invulnerabilità della Rivoluzione nel terreno politico, pertanto dobbiamo lavorare nel suo costante perfezionamento. Non crediamo mai che quello che abbiamo fatto sia perfetto».

In corrispondenza con quanto espresso in precedenza, si è convenuto nella necessità di continuare a studiare l’attuale struttura del Governo con l’obiettivo di ridurne gradualmente la sua estensione ed elevarne l’efficacia. (Traduzione Granma Int.)

 

(da Granma International digital, 2 marzo 2009)

 

 

Per documentazione:

Cuba, Raul rimpasta il regime. Via l'uomo forte Perez Roque

(la Repubblica.it, 2 marzo 2009)


Articoli correlati

  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Yoani Sánchez. Cuba. Il numero 1.5
  Cuba. Stato sociale, forse cade un tabù
  Yoani Sánchez. Assenza di colori
  Breve analisi economico-politica del 2009 di Raúl Castro
  Yoani Sánchez. Il peccato originale
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Gorki Águila. “El general”. Arrestato mentre la registrava
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
  Omar Santana e la situazione cubana
  Domenico Vecchioni. “Raúl Castro”
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
  Yoani Sánchez. Che cosa fa un presidente?
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez. Mi dimeno nell’Olimpo
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  Raúl Castro riapre il settore dei trasporti ai privati
  Raúl Castro: “Il futuro è nel privato! Ma siamo ancora socialisti...”
  Lula paragona i dissidenti cubani ai delinquenti comuni brasiliani
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Cuba. Meno detenuti politici, ma situazione diritti non migliora
  A. Torreguitart. Speedy Gonzales e il socialismo realista
  Iniezioni di libero mercato e campi da golf per l'economia cubana
  Yoani Sánchez. Il sermone di José Conrado nella chiesa di legno
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Yoani Sánchez. Affare di famiglia
  Yoani Sánchez. Adesso chi firma le lettere?
  Yoani Sánchez. Umide piccolezze
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy