Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Reinaldo Escobar. Da cosa ti sei salvato, Camilo!
30 Ottobre 2014
   
Com’è possibile che in tutti questi anni, in cui non è rimasto un solo metro quadro da esplorare, non sia emersa una traccia (…)?

 

 

Per la prima e l’ultima volta, lo vidi da lontano per una frazione di secondo il 21 ottobre del 1959, giorno in cui passava da Camagüey per arrestare il comandante Huber Matos. Nessuno capiva nulla, ma la presenza di Camilo in mezzo alla confusione ci faceva sperare che tutto sarebbe andato per il meglio.

I dettagli del momento in cui venne data la notizia della sua scomparsa (una settimana più tardi), li ho cancellati dalla mia memoria, ma non ho scordato l’istante in cui venne annunciata la falsa notizia del suo ritrovamento. La gente in strada tirava fuori bandiere e quadri della Vergine della Carità. La gioia fu breve, ma indimenticabile.

Per molto tempo ebbi la convinzione che sarebbe potuto apparire da un momento all’altro. Negli anni in cui mi credevo poeta scrissi addirittura alcuni brevi versi che descrivevano il suo ritorno. Tutte le volte che volavo tra Camagüey e l’Avana, ogni volta che l’ho fatto, mi sono domandato per quale ragione sarei potuto precipitare in mare… come fa un Cessna, che non prende mai abbastanza quota, a cadere in un altro posto che non sia la piattaforma insulare? Com’è possibile che in tutti questi anni, in cui non è rimasto un solo metro quadro da esplorare, non sia emersa una traccia, una parte del motore, le eliche, che ne so…

Se fosse sopravvissuto a ciò che gli è accaduto e non fosse rimasto coinvolto in un altro incidente simile, Camilo Cienfuegos sarebbe un altro ottuagenario nella cupola del potere. Se non fosse stato destituito, incarcerato o fucilato, oggi porterebbe la responsabilità del disastro nazionale. Non ci staremmo più chiedendo se fosse più popolare dell’“altro”, piuttosto se fosse altrettanto colpevole.

Proprio ora, mentre scrivo queste righe, gli studenti camminano con dei fiori verso il malecón, anche le persone che lavorano negli uffici escono un po’ prima del solito per andare a portare dei fiori a Camilo. Un rituale ormai privo delle emozioni dei primi anni, quando coloro che raggiungevano le coste per rendergli omaggio lo facevano con le lacrime agli occhi e senza aver bisogno di essere convocati dalla direzione di un centro scolastico o di lavoro.

La morte ha reso eterna ai nostri occhi la sua immagine lieta e popolare. Se c’è qualcosa al di là e ci sta guardando da quel luogo, deve sentirsi felice di essere scomparso in tempo. La morte lo ha salvato dall’ignominia, dalla probabile tentazione della corruzione e dall’umiliazione di essere trattato come un traditore o come un complice.

 

Reinaldo Escobar

(da Desde aquí, in 14ymedio, 28 ottobre 2014)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Gordiano Lupi. La morte di Huber Matos
  Il mistero di Camilo Cienfuegos
  Cuba. La polizia libera il giornalista di “14ymedio”, Reinaldo Escobar
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Il silenzio di Raúl Castro
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Generación Y. Ragioni civiche 2
  Claudia Cadelo. El Dorado e la sinistra del XXI secolo
  Generación Y. Ragioni civiche
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Reinaldo Escobar. Il cadavere scomodo di Orlando Zapata
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Gordiano Lupi. Federica Mogherini apre a Cuba
  Reinaldo Escobar. Un’idea giusta in fondo a una cella
  Reinaldo Escobar. Ossigeno
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Cuba. Arrestati a Bayamo Yoani Sánchez e Reinaldo Escobar
  Reinaldo Escobar. Perchè fare campagna elettorale?
  Yoani Sánchez. Salire e scendere
  Yoani Sánchez. Giornalismo o letteratura
  Reinaldo Escobar. Trasformare la bugia in verità
  Yoani Sánchez. Galletta
  A Barcellona i cubani della diaspora manifestano per i diritti umani
  Yoani Sánchez. Tra due muri
  Reinaldo Escobar. Gli idioti
  “Sul tetto di vetro”. La risposta di Reinaldo Escobar a Fidel
  Yoani Sánchez. Cose da uomini
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
  Raúl Castro: “Non rimettete troppe speranze nella Conferenza del Partito”
  Ivis Acosta Ferrer. Intervista a Yoani Sánchez
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy