Venerdì , 23 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
18 Settembre 2009
 

C’è una guerra, questo appare fin troppo evidente; alcuni belligeranti si ritrovano lì in “missione di pace” perché i corrispettivi governi sono adusi all’utilizzo delle parole più che alla consistenza dei fatti; così i morti non muoiono in guerra, perché sarebbe anticostituzionale, ma in missione di pace.

La caratteristica precipua delle guerre è quelle di sovrastare ogni altro evento agli attoniti occhi dell’intero pianeta che guarda: ma non tutti gli occhi guardano allo stesso modo!

Gli aggettivi per definire le guerre si sprecano; attraverso gli aggettivi del momento le medesime guerre possono diventare esterne di difesa, quando solo le guerre interne sono di difesa da una vile aggressione, mentre quelle esterne rappresentano proprio quell’aggressione che stimola la difesa.

Ma il vocabolario del politichese è ricchissimo di sinonimi, così la guerra esterna di difesa, che dialetticamente rappresenta una contradictio in terminis, viene chiamata “guerra preventiva”, cioè certezza di una guerra per scongiurare l’ipotesi di una guerra. Potrebbe apparire paradossale ma c’è stato anche chi, tale guerra preventiva, ha nobilitato come “guerra umanitaria”. Poi c’è l’ipocrisia delle parole, quando la partecipazione alla guerra viene chiamata “missione di pace”; si muore lo stesso (Nassirija, Kabul….) ma si muore in missione di pace e non in una azione di guerra: le vedove, gli orfani, i genitori vengono così consolati del triste evento, che però non è stato una azione di guerra!

Queste sono affermazioni già note, già descritte, che parlano di guerre, senza entrare “dentro” quelle guerre per capire cosa c’è dietro le quinte di questo spettacolo offerto al mondo.

Perché di spettacolo si tratta.

Ricordo benissimo il giorno del primo bombardamento su Baghdad, incollati alla TV mentre uno speaker illustrava gli eventi, con molta spontaneità, da cronista, facendo apparire una assurda “naturalezza”, idonea a non far capire che dietro ognuna delle esplosioni che si vedevano in diretta c’erano drammi, tragedie, morti, distruzione, mentre lo stesso speaker interrompeva la cronaca in diretta per qualche minuto di “consigli per gli acquisti”… 10 piani di morbidezza… basta la parola… Ma dentro l’attuale guerra in Afghanistan cosa si cela? Cosa non vogliono farci vedere? Cosa ci impongono di valutare senza pensare?

Al di là degli atti di belligeranza, di terrorismo di entrambe le parti, di morti contati se occidentali e di morti nel mucchio se indigeni, cosa si cela tanto gelosamente?

C’è una realtà ancore più drammatica della stessa guerra perché provoca centinaia di migliaia di morti, se non milioni, tutti passati sotto silenzio, perché obnubilati dalle notizie studiate che ci vengono date in frettoloso pasto.

Dietro tutto ciò, anche dietro le bare dei morti, si cela il più gigantesco business del pianeta: droga contro armi. L’Afghanistan è il primo produttore di droga pesante del mondo; i bombardamenti colpiscono le città per produrre quei morti che serviranno alla causa della disinformazione, ma nessuno ha mai utilizzato il napalm per bruciare gli sterminati campi di papavero da oppio.

Ma il sistema criminale che gestisce la produzione e la vendita della droga non vuole pagare in denaro o in derrate alimentari, anche perché ha messo su la più imponente macchina produttrice di armi, per cui intende pagare con armi, in un turpe baratto dove la morte per overdose si mescola e si confonde con la morte prodotta dalle armi; ma per perfezionare l’affare occorrono le guerre!!!

Le mafie mondiali controllano tale commercio e lucrano su tali scambi, insistendo anche con l’incremento, in modo da moltiplicare i guadagni. Trattandosi di mafie mondiali poteva risultare assente l’Italia? In pochissimi anni la nostra nazione già patria di poeti, santi e navigatori è diventata la seconda potenza mondiale produttrice ed esportatrice di armi, mentre diventa ogni giorno più fiorente il mercato della droga. Ciò produrrebbe denaro sporco, esentasse, la cui dimensione non è occultabile… ma interviene la finanza creativa che tutto assolve, basta chiamarla con un nome fantasioso in grado di evocare momenti eroici, così è stato partorito dalle menti eccelse lo “scudo fiscale”, che presto sarà appoggiato anche da una banca creata ad hoc per assorbire quei capitali e ridare loro la verginità perduta.

Rosario Amico Roxas


(continua)

Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Droga. Rapporto INCB
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy