Lunedì , 17 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Renato Pierri. Il dovere dello Stato 
Lettera sul morire assassinati a Kabul, da italiani o da afghani
18 Settembre 2009
 

Caro direttore, se scoppia un incendio nel nostro amato Paese, la nostra cara patria, e qualche vigile del fuoco ci rimette la vita per spegnerlo, gli uomini di governo nulla hanno da rimproverarsi per aver messo a repentaglio la vita dei vigili, poiché spegnere l'incendio era cosa necessaria ed inevitabile. Al più dovrebbero farsi qualche rimprovero qualora non avessero fatto tutto il possibile per mettere i vigili nelle condizioni di lavorare nella massima sicurezza. Lo stesso discorso vale per poliziotti e carabinieri qualora ci rimettano la vita per la sicurezza dei cittadini, e per i soldati qualora il nostro territorio sia minacciato da altre nazioni. La necessità e l'inevitabilità giustificano gli uomini di governo e il Capo dello Stato.

Qualora però necessità ed inevitabilità non sussistano, e mi pare che sia il caso della presenza dei nostri militari in Afghanistan, giacché nessuno sta minacciando il nostro territorio, uomini di governo e Capo di Stato molto hanno da rimproverarsi. E davvero non mi pare opportuno, come ha fatto un militare nella trasmissione “Ballarò” (17 settembre - Rai 3) parlare di amore di patria, di difesa della libertà, di dovere dei soldati e via di seguito. Il dovere dello Stato è di salvaguardare innanzi tutto la vita dei propri cittadini, militari compresi, anche se volontari.

 

Renato Pierri


***


Caro Pierri, converrà che anche gli impegni internazionali, formalmente e democraticamente assunti, rientrino fra “il dovere dello Stato”. Sulla giustezza, opportunità, adeguatezza e quant'altro di tali impegni si potrà eventualmente discutere. (Come pure, certamente, sull'esistenza o meno di democrazia..., ma non è questo, mi pare, il problema che sta ponendo).

Altrimenti, anche sui concetti di “sicurezza dei cittadini” e di “minaccia da altre nazioni” ciascuno potrebbe aver da dire la sua. E certamente anche su quelli di “patria” e di “amore” della stessa, non necessariamente in linea con quelli espressi dal militare (oggi parlamentare Pdl!) in trasmissione. Non trova? (e.s.)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Droga. Rapporto INCB
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Un bel mercoledì
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy