Mercoledì , 19 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Renato Pierri. Il dovere dello Stato 
Lettera sul morire assassinati a Kabul, da italiani o da afghani
18 Settembre 2009
 

Caro direttore, se scoppia un incendio nel nostro amato Paese, la nostra cara patria, e qualche vigile del fuoco ci rimette la vita per spegnerlo, gli uomini di governo nulla hanno da rimproverarsi per aver messo a repentaglio la vita dei vigili, poiché spegnere l'incendio era cosa necessaria ed inevitabile. Al più dovrebbero farsi qualche rimprovero qualora non avessero fatto tutto il possibile per mettere i vigili nelle condizioni di lavorare nella massima sicurezza. Lo stesso discorso vale per poliziotti e carabinieri qualora ci rimettano la vita per la sicurezza dei cittadini, e per i soldati qualora il nostro territorio sia minacciato da altre nazioni. La necessità e l'inevitabilità giustificano gli uomini di governo e il Capo dello Stato.

Qualora però necessità ed inevitabilità non sussistano, e mi pare che sia il caso della presenza dei nostri militari in Afghanistan, giacché nessuno sta minacciando il nostro territorio, uomini di governo e Capo di Stato molto hanno da rimproverarsi. E davvero non mi pare opportuno, come ha fatto un militare nella trasmissione “Ballarò” (17 settembre - Rai 3) parlare di amore di patria, di difesa della libertà, di dovere dei soldati e via di seguito. Il dovere dello Stato è di salvaguardare innanzi tutto la vita dei propri cittadini, militari compresi, anche se volontari.

 

Renato Pierri


***


Caro Pierri, converrà che anche gli impegni internazionali, formalmente e democraticamente assunti, rientrino fra “il dovere dello Stato”. Sulla giustezza, opportunità, adeguatezza e quant'altro di tali impegni si potrà eventualmente discutere. (Come pure, certamente, sull'esistenza o meno di democrazia..., ma non è questo, mi pare, il problema che sta ponendo).

Altrimenti, anche sui concetti di “sicurezza dei cittadini” e di “minaccia da altre nazioni” ciascuno potrebbe aver da dire la sua. E certamente anche su quelli di “patria” e di “amore” della stessa, non necessariamente in linea con quelli espressi dal militare (oggi parlamentare Pdl!) in trasmissione. Non trova? (e.s.)


Articoli correlati

  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Droga. Rapporto INCB
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy