Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
20 Gennaio 2009
 

La mattina del 12 novembre 2008, a Mirwais (periferia di Kandahar), Afghanistan. Shamsia Husseini, 17 anni, e sua sorella minore stanno andando a scuola. Ci vanno insaccate nel burqa, non perché gli piaccia, o perché lo considerino un precetto religioso o un'onorevole tradizione eccetera, ci vanno in burqa perché le minacce alle donne che non vogliono indossarlo stanno persino appese ai muri. Una volta a scuola se lo toglieranno, chi mai può leggere bene da un libro o dalla lavagna con una grata davanti agli occhi.

Un uomo in motocicletta affianca le due sorelle. «State andando a scuola?», chiede loro. Le ragazze rispondono di sì. A questo punto l'uomo ferma la moto, sfila il burqa di dosso a Shamsia tirandolo per il cappuccio e le lancia in faccia dell'acido. Lo stesso giorno, altre quindici donne della stessa scuola, insegnanti e studentesse, subiranno il medesimo trattamento (compresa la sorella di Shamsia, la quattordicenne Atifa): la scuola fu infatti circondata dalla squadra di pii motociclisti di cui faceva parte l'assalitore delle due ragazze.

Oggi il viso di Shamsia è coperto da cicatrici e pelle morta, soprattutto dalla parte sinistra, dove una gran macchia scura le copre tutta la guancia.

I suoi occhi non ci vedono più tanto bene, le si offuscano di continuo. Non ha più bisogno del cappuccio per essere mezza cieca. Eppure, oggi, la fanciulla è a scuola, assieme alle altre undici studentesse e alle quattro insegnanti che furono assalite con l'acido. Tutte si sono riprese. Tutte sono tornate. La scuola, che si chiama Scuola femminile Mirwais, conta 1.300 studentesse, oggi. Molte camminano per 2 o 3 chilometri ogni giorno dalle loro case di fango in mezzo alle colline, pur di assistere alle lezioni.

«I miei genitori vogliono che io abbia un'istruzione. Mia madre non sa né leggere né scrivere», racconta Shamsia. «Chi mi ha fatto questo non vuole che le donne vengano istruite. Vogliono che noi si sia stupide, ignoranti».

«Non capisco perché le ragazze dovrebbero buttar via le loro vite stando sedute in disparte», aggiunge Sekhi, uno zio di Shamsia. I medici hanno detto alla ragazza che solo la chirurgia plastica potrebbe cancellarle i segni dal viso, ma Shamsia neppure è in grado di pensarci. Il suo villaggio non ha né acqua corrente né elettricità, e suo padre è disabile. Sarebbe bello se almeno ci fossero i marciapiedi sulla strada per la scuola, dicono le sue compagne. E l'autobus, la preside lo ha chiesto alle autorità locali. A vederla mentre scherza e ride con le altre ragazze si direbbe che Shamsia non sia neppure conscia dell'essere sfigurata. Ma le cose cambiano quando le si chiede di ricordare: «Chi mi ha fatto questo non sente il dolore degli altri».

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 20 gennaio 2009)


Articoli correlati

  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Film
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Afghanistan. Staderini: “La vera bomba è quella antiproibizionista”
  Gigi Fioravanti. Buongiorno! Venerdì 1 e lunedi 4, due appuntamenti
  Vetrina/ Antonietta Volontè – Giorgio Gianoncelli. Guerra Tanti, troppi – 9 ottobre 2010, Afganistan
  Sweeta Noori. Come donna afgana...
  Afghanistan. Menapace: Il governo italiano proponga una tregua e una conferenza internazionale
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan, quello che so
  Ritiro del contingente militare italiano in Afghanistan
  Renato Pierri. Il dovere dello Stato
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte prima.
  Afghanistan: un ritiro che non sia una ritirata
  Acquisto legale di oppio afghano per farne morfina?
  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Maria G. Di Rienzo. Una bambina afgana
  Informazione, uranio impoverito, missione afgana
  Bisogna che l'uso delle armi sia breve. E meglio se se ne può fare a meno
  A sostegno della deputata afgana Malalai Joya. Giovedì 21 giugno a Milano
  I Talebani si finanziano con il narcotraffico
  Droga. Rapporto INCB
  Legalizzazione oppio. Una soluzione politica in Afghanistan e umanitaria nel mondo
  Afghanistan. Amnistia per i crimini di guerra in nome della riconciliazione nazionale
  Marco Perduca. Afghanistan-Oppio: cogliere presunta diminuzione per radicale cambio di politica
  Lidia Menapace. Rebus Afghanistan: ipotesi e proposte
  Rosario Amico Roxas: “Dentro” l’Afghanistan. Parte seconda
  Afghanistan. La parlamentare Malalai Joya racconta
  Un bel mercoledì
  Afghanistan. Intervista a un “signore della guerra” sul viale del tramonto
  Lidia Menapace. Sulla formazione dello spirito critico
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Aunohita Mojumdar. Afghanistan. Se la libertà è morte
  Marco Perduca. Afghanistan: il rapporto Onu sull'oppio
  Maria G. Di Rienzo. Afghanistan: vorrei davvero non parlarne più anch'io, scusatemi
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Lidia Menapace. Il Palazzo si svuota
  Il Libano ha da insegnar qualcosa per l'Afghanistan
  Rod Nordland e Alissa J. Rubin. Afghanistan. Bambine vittime di matrimoni forzati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy