Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
22 Settembre 2009
 

«Il burqa viene ingannevolmente spacciato per atto di fede o precetto religioso. Gli islamisti che insistono per la sua persistenza nella sfera pubblica hanno in mente un unico obiettivo, e cioè esercitare controllo sulle vite delle donne e ridurre le loro possibilità di dare contributi positivi e significativi alla società in cui vivono. Non credo sia una questione di 'scelta': la decisione di indossare il burqa in un contesto repressivo non è una scelta. Una scelta è vera solo se è esercitata in presenza di alternative e se la donna ha davvero accesso a tali alternative.

Com'è che non vedo un singolo uomo musulmano indossare questa tenda della vergogna? Il burqa è il residuo di una cultura medievale che non ha posto nel XXI secolo, un tempo in cui la sensibilità moderna è giunta a riconoscere l'eguaglianza fra uomini e donne come inalienabile diritto di tutti».

Sohail Raza, presidente del Congresso Musulmano Canadese, 24 giugno 2009

*

«Le ministre che Ahmadinejad ha nominato nel suo contestato governo non segneranno alcun avanzamento per le donne. Fatemeh Ajorlou, Ministra per la sicurezza sociale ed il welfare, e Marzieh Vahid Dastjerdi, Ministra per la salute, appartengono ad una frazione molto conservatrice del parlamento iraniano che sostiene inflessibilmente Ahmadinejad. Della terza, Fatemeh Keshavarz, Ministra per l'istruzione, è difficile predire il comportamento giacché si tratta di un volto relativamente nuovo: tuttavia ha servito come parlamentare al precedente dicastero per l'istruzione senza che si potesse notarla. Sia Dastjerdi sia Ajorlou hanno sostenuto il disegno di legge presentato da Ahmadinejad, convertito in legge nel 2008, per limitare il lavoro 'esterno' delle donne sposate a sei ore al giorno, affinché esse possano 'servire meglio' mariti e figli, il che è il loro 'dovere primario'. Sia Dastjerdi sia Ajorlou hanno esplicitamente difeso l'idea della segregazione di genere negli ospedali, nelle università, sui trasporti pubblici, nei parchi e negli altri spazi aperti.

Sia Dastjerdi sia Ajorlou hanno sostenuto la proposta di modifica presentata da Ahmadinejad al diritto di famiglia, proposta che cancellerebbe il requisito legale oggi esistente che prevede il consenso della prima moglie all'uomo che voglia sposarne una seconda. L'anno scorso le attiviste per i diritti umani delle donne hanno lavorato duro contro la proposta di modifica ed hanno ottenuto il piccolo ma significativo trionfo di non vederla ratificata dal parlamento.

Dastjerdi, che è una ginecologa, crede che le donne debbano essere curate solo in ospedali per femmine e da medici femmine: anche se la maggior parte del paese soffre della mancanza di dottori, maschi o femmine che siano, e nelle città più piccole o in campagna una donna può facilmente soffrire e morire di questa mancanza.

Ajorlou, parlamentare di Karai ad ovest della capitale, ex miliziana Basij, è stata un'accesa sostenitrice della limitazione dell'accesso all'università per le donne (che sono ancora il 64% del corpo studentesco): “Non è bello che le donne stiano entrando a piena potenza in vari campi scientifici mentre gli uomini vengono lasciati indietro”, ha dichiarato all'agenzia di stampa Ilna, aggiungendo che alle donne non dovrebbe essere permesso laurearsi in campi (non specificati) per i quali non hanno i “necessari requisiti fisici”. In un'intervista, Ajorlou ha anche spiegato che “il destino delle donne che non indossano appropriatamente l'hijab è la prostituzione”. Il che mostra abbastanza bene la considerazione che questa donna ha per le sue 'sorelle' iraniane che pensano di avere il diritto di scegliere il proprio abbigliamento.

Ahmadinjead ha nominato tre Ministre sapendo che nessuna di esse lo contrasterà in alcun modo. E compiendo questo gesto ha pensato di riparare la propria reputazione decisamente danneggiata dalle elezioni fraudolente e dalla brutalità con cui le sue forze di sicurezza hanno risposto alle proteste. Ma in Iran non ha ingannato nessuno».

Leila Mouri Sardar Abady (foto), giornalista iraniana, attivista per i diritti delle donne, 5 settembre 2009

*

«Chi è la donna che ogni giorno torna al confine tra Arabia Saudita e Bahrain, solo per essere respinta? Sono io. E chi sono io? Nativa della città di Hufuf, dove crescono i migliori datteri del mondo, quarantasettenne madre divorziata di due adolescenti, impiegata. Non sono una persona pericolosa, perciò perché mi respingono? Perché mi rifiuto di mostrare ai funzionari un documento firmato dal mio 'tutore maschio' che mi permetta di viaggiare. Io sono in possesso del documento, ma trovo umiliante doverlo produrre solo perché sono una donna. Perciò ho deciso di tentare di uscire dal paese rompendo questa regola: ho chiesto ad altre donne saudite di farlo e molte, nelle scorse settimane, mi hanno ascoltata.

L'avere un 'guardiano' e' solo una parte del meccanismo che soggioga le donne in Arabia Saudita. Ad esempio, senza il permesso del suo tutore una donna non può guidare un'automobile: ovviamente non c'è nulla nel Corano al proposito, ma spostarci da sole allenterebbe il controllo che gli uomini hanno su di noi. Una donna saudita non può andare da nessuna parte se non indossa l'abaya, un orrendo mantello nero che deve coprire i vestiti normali. Potete immaginare quanto sia divertente quando ci sono 30-40 gradi all'ombra e vedete gli uomini sauditi vestiti di fresco bianco. Le donne non possono fare sport: e con un abaya addosso come sarebbe possibile? Una donna può ottenere un divorzio, ma solo attraverso una lunga e laboriosa procedura, mentre un uomo può divorziare semplicemente dicendo la sua intenzione tre volte. In questi giorni le autorità religiose stanno dibattendo se un uomo debba proprio dire questo di persona, o se basti un messaggio sul cellulare. Un giudice a Jiddah ha già approvato un divorzio del genere: il marito era in Iraq per partecipare alla guerra santa. E un uomo può legalmente sposare una bambina di sette od otto anni, e la poligamia, sino a quattro mogli, gli è concessa. Queste pratiche hanno rovinato innumerevoli vite, e ne hanno cancellate altrettante, ma naturalmente ci sono anche donne che non sostengono le mie cause, donne i cui ricchi mariti beneficiano dallo status quo o donne che non credono nel cambiamento. Io sono diversa. Non so perché. Forse perché mia madre mi permetteva di giocare a pallone con i miei amichetti maschi, e io sono cresciuta sentendomi uguale a loro. Forse perché ho un lavoro sicuro e non dipendo da nessuno. Forse perché credo che le donne siano persone, e non proprietà».

Wajeha Al-Huwaider, scrittrice ed attivista per i diritti umani, cofondatrice della Società per la difesa dei diritti delle donne in Arabia Saudita, 16 agosto 2009 (potete scriverle, in inglese, all'indirizzo e-mail: wajeha4@gmail.com)


traduzione e adattamenti a cura di Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 22 settembre 2009)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Film
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy