Martedì , 23 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
08 Marzo 2008
 

Fa parte della vita, è normale e naturale, ma molte persone temono di parlarne apertamente perché temono il giudizio altrui. La mia opinione è che parlarne sia invece sempre utile, perché aiuta a capire che questa esperienza può essere gioiosa, tenera, energetica e soddisfacente. So che spesso ci sono difficoltà a discuterne anche per la mancanza di informazioni corrette: ci sono un mucchio di falsità e di odio attorno alla questione.

Di che sto parlando? Del femminismo, ovviamente. Dopo un paio di secoli di attivismo in favore dei diritti delle donne, e circa quarant'anni di femminismo “moderno”, questa parola sembra ancora una parolaccia.

Se ne discutono, i media del mainstream lo fanno solo in termini negativi: sono anni, lunghi orrendi anni, che io leggo sui giornali cose del tipo “il femminismo è morto”, mentre ad ogni episodio di cronaca nera correlato a violenza di genere spunta nell'articolo: “dove sono le femministe?”.

Potrebbero cominciare a mettersi d'accordo, non vi pare: se il femminismo è morto, perché continuare a chiedere dove sono le femministe? Probabilmente “dormono, dormono sulla collina...”.

Inoltre, c'è stato il lugubre decennio del “post femminismo”, le cui teorie fatte di silicone e lustrini sono finite rapidamente in quella che una volta si chiamava “pattumiera della storia”, ma qualche danno da sanare l'hanno lasciato. Non entrerò nello specifico: vi basterà sapere che, per quel che mi riguarda, io sarò una post-femminista nell'era del post-patriarcato.

*

Ma insomma, credo di dovervi questo regalo per l'8 marzo, mie simpatiche lettrici. Ci sono modi sicuri per sapere se siete femministe, e non dovete spaventarvi se lo siete (anche se è bene sappiate da subito che nemmeno la senatrice Binetti avrà la cura per voi). E ci sono parecchi tipologie femministe, tanto che non dovete temere di restare da sole qualsiasi sia il gruppo in cui vi riconoscete.

Volete eguaglianza e giustizia sul lavoro? Rompere il cosiddetto “soffitto di vetro”? Portare le donne ai tavoli decisionali e di negoziazione? Sì, siete femministe, e state facendo campagna per quella che viene definita “equità di genere”. Siete le eredi e le continuatrici della lotta delle donne per il suffragio universale, che non è mai stato inteso solo come il diritto di mettere una scheda nell'urna elettorale, ma come l'assicurare alle donne la piena partecipazione alla vita della polis: il poter dunque esercitare la cittadinanza in compagnia degli uomini come uguali compagni, poter ereditare, poter gestire le proprie finanze, avere la tutela dei figli, e sì, votare.

Volete cambiare il concetto stesso di potere, decostruire i ruoli sessuali, formare una famiglia differente da quella “tradizionale”, smantellare l'oppressione in tutte le sue forme? Siete femministe, va da sé. Siete le eredi e le continuatrici di coloro che dissero: “Il personale è politico”, che organizzarono i gruppi di autocoscienza e furono delle vere innovatrici di linguaggi e relazioni.

Pensate che esista una precisa politica della sessualità che spinge verso la degradazione sessuale delle donne e lo stupro? Le battute misogine vi mandano fuori di testa? Credete che le immagini di donne e ragazze proposte dalla cultura dominante siano troppo spesso ributtanti? Non preoccupatevi, siete semplicemente femministe, va tutto benissimo. Siete le eredi e le continuatrici di una feconda corrente di pensiero femminile che ha indagato e interrogato la sessualità umana, e dimostrato più volte la sua efficacia nello svelare pregiudizi e privilegi.

Avete detto qualche volta frasi del tipo: “Non sono femminista, ma ho partecipato alla manifestazione contro la violenza sulle donne”, “Non sono femminista, però ritengo che non si possano obbligare le donne a...”, “Non sono femminista, ma credo che le donne possano... abbiano il diritto... debbano essere considerate...”? So di darvi un piccolo dispiacere, ecco, respirate un attimo, rilassatevi: siete femministe. Siete le eredi e le continuatrici di uno sciame storico di donne di tutte le età, di tutti i paesi, di tutte le etnie, che hanno lottato per la felicità e il benessere delle loro consimili, ma erano troppe timide per prendersene il merito, mentre intanto se ne accollavano i disagi. Non dovete avere questa bassa stima di voi stesse. Provate a riformulare le frasi: “Credo che le donne possano, abbiano il diritto, eccetera, e se ciò fa di me un'orgogliosa e vibrante femminista ne sono felice”. È importante che siate fiere di quel che fate, e vi ribadisco che non c'è nulla di cui vergognarsi: il femminismo è una cosa che è capitata alle vostre madri ed alle vostre nonne, ed è qualcosa che vive, respira e si evolve.

*

Ora che sapete di essere femministe, c'è un'altra cosuccia di cui occuparsi.

Come dirlo ad amici e parenti? Può darsi che in passato vi abbiano mostrato scherno e rigetto per la categoria, e che voi, adesso che non potere negare di farne parte, vi sentiate in parte impaurite ed in parte furibonde.

Mantenete la calma. Molte delle cose che vi hanno detto le hanno dette perché non conoscono assolutamente l'argomento. Voi sì. Cominciate da attestazioni chiare e persino banali, ad esempio: il femminismo concerne l'eguaglianza politica, sociale ed economica per donne ed uomini. Una volta che questo sia passato, potete introdurre nel discorso questioni più complesse. Siate pazienti. Ci sarà sempre chi chiederà se odiate gli uomini, se avete le gambe non depilate e se pensate di “diventare” lesbica.

(Se lo siete è il momento giusto per sorridere e presentare a costoro la vostra fidanzata).

Queste persone hanno solo bisogno di più tempo per capire, ma continuate a parlargli, nel mentre vivete il femminismo come una parte normale e quotidiana della vostra esistenza. Presto lo diventerà anche per le loro, di esistenze. E non sarà mai abbastanza presto.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie della nonviolenza in cammino, 8 marzo 2008)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy