Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
Silvia Torneri,
Silvia Torneri, 'basta sangue', 2009 
06 Ottobre 2010
 

Siamo di nuovo di fronte alla morte di una donna, e al grave ferimento di un’altra per mano di un familiare.

Siamo di nuovo di fronte al femminicidio e alla violenza in nome e per conto del senso di possesso maschile delle vite femminili.

Siamo di nuovo di fronte al criminale intreccio tra ossequio della tradizione patriarcale e negazione dei diritti inalienabili della persona: come nel terribile caso di Hina Salem e di Sanaa Dafani, anche qui la parte maschile di una famiglia di migranti pakistani ha cercato di mettere a tacere la ribellione di una giovane contro una visione fondamentalista della religione e della tradizione, che vuole ogni donna destinata a vivere senza poter decidere di sé e della sua libertà.

 

Vicino a Modena un migrante pakistano, di fronte all'ennesimo rifiuto della figlia destinata ad un matrimonio combinato si è accanito, uccidendola, prima sulla moglie, che con coraggio appoggiava la figlia ventenne, e poi con l’aiuto del figlio ha cercato di sopprimere la ragazza, che per fortuna, pur gravemente ferita, non è morta sotto le percosse.

Ancora una volta la disobbedienza alle leggi maschili è stata pagata con il sangue e con la vita.

In questa vicenda però c’è un fatto importante: una madre ha cercato di sostenere le ragioni di libertà di sua figlia. Pensiamo sia da questo fatto che possiamo trarre un grande segnale.

Moltissime donne migranti guardano alle libertà femminili, conquistate con lotte durissime, con speranza e come ad una grande opportunità: le giovani, ma non solo, sperano e sognano di poter studiare, lavorare, non sottostare alle violenze patriarcali e religiose, di scegliere liberamente se e quando diventare mogli e madri. Per molte di loro vivere in Italia sotto una pesante tradizione significa perdere quei diritti che in alcuni dei loro Paesi di origine sono ormai legge.

Se l’Italia è davvero un Paese libero deve dare opportunità soprattutto a queste speranze, che sono quelle delle nuove e future cittadine italiane.

A chi oggi prenderà spunto da questo drammatico episodio per rilanciare la crociata contro la migrazione, colpendo indiscriminatamente tutta la comunità migrante, diciamo che questa non è la strada giusta, che è razzismo. Vogliamo vivere in un Paese accogliente, capace di aiutare chi è più vulnerabile e dove la cittadinanza sia un diritto per chiunque, a prescindere dalla provenienza geografica.

A chi invocherà la doppia morale sostenendo che la tradizione va sempre rispettata, che le culture diverse vanno tutte seguite senza alcuna critica (e che per questo non è legittimo intervenire in faccende ‘private’ quando ci sono conflitti che riguardano le scelte delle donne nelle famiglie) diciamo che né la tradizione né la religione possono diventare un’arma mortale contro chicchessia.

 

I diritti delle donne non sono ancora considerati diritti umani in molti Paesi del mondo.

Troppo spesso, quando si tratta di diritti delle donne, e in particolare di corpo, di sessualità, di relazioni tra donne e uomini, la difesa dei diritti cede il passo ai moltissimi se e agli infiniti ma del relativismo culturale, persino nel nome della democrazia e della tolleranza.

Accogliere, incoraggiare, difendere il rifiuto da parte delle donne migranti dell’oppressione (della quale sono vittime nel nome della tradizione e della religione) non solo le aiuterà a trovare la loro libertà, ma offre a noi italiane, che abbiamo costruito o avuto in eredità i preziosi diritti di autodeterminazione, la possibilità di riaffermarli ed estenderli come gesto politico di responsabilità e di civiltà.

 

La violenza contro le donne è barbarie. La libertà delle donne è civiltà.

 

Tiziana Dal PraAssociazione Trama di Terre (Imola)

Monica Lanfranco – Rivista Marea

Dounia EttaibAssociazione Daris

 

per adesioni scrivere a:

info@tramaditerre.org

 

Prime adesioni: Daniele Barbieri, Laura Cima, Donne in Nero di Como, Eva Ramirez, Silvia Torneri, Marina Grazia, Silvia Varas, Anna Viola Toller, Marco Semenzin, Edda Pando (Ass. Arci Todo Cambia), Amal Houanti, Raffaele Mantegazza, Celeste Grossi, Maria Rosa Pantè, Sabine Sepandj, Laura Rossi, Sara Di Antonio, Alba Meloni, Adriana Nannicini, Maria Rosa Filoppone, Comunità cristiane di base donne Oregina, Nicoletta Pirotta, Ife, Cristina Cattafesta, Anna Marcolini, Alberto Zurco, Giuseppe Gonella, Rosanna Sirtori, Rosangela Pesenti, Caterina Giardinelli, Redazione Delta News, Giuliano Bugani, Enrico Caravita, Silvana Fracasso, Mina Welby, Rossana Piredda, Peppino Coscione, Marianita De Ambrogio (Donne in Nero, Padova), Camera del lavoro di Genova, Maurizio Angelini di Cadoneghe (Pd), Annalisa Marinelli, Alessandra Arrighi, Marina Criscuoli, Franco Fuselli, Roberta Trucco, Federica Ferlini, Massimiliano Dall'Ara, Rosanna Stirone, Ionne Guerrini (Donne in nero Ravenna), Graziella Longoni (Donne in Nero Milano), Milena Valli (Donne in nero Sondrio), Silvia Acquistapace, Marina Cassani, Pia Brancadori e la Circola Alice Guy (Cagliari), Tiziana Valpiana, Paola Lanzon (responsabile Coordinamento Nazionale Donne Uisp e Presidente Consiglio comunale Imola), Natália Menhem, Maria D'Almeida, Associazione Archinaute, Donatella Mungo (Assessora Pari Opportunità, Comune di Imola), Rita Lavaggi, Maria Caterina Cifatte, Italiarawa, Cisda, Donatella Traniello, Maïté Pedroncini, Marco Poggi, Sinistra Critica Imola, Confederazione Cobas Imola, Marco Deriu (Univ. di Parma, Ass. Naz. Maschile Plurale), Attac Genova, Roberto Poggi (Assoc. Cerchio degli uomini, Assoc. MaschilePlurale), Sandra Cangemi (giornalista, Milano), Irene Capelli, Rosanna Vitale, Monica Baracchini, Chiara Giussani, Marisa Caputi, Claudia Deagatone, Associazione Donneinsieme (Tortona), Natascia Morigi (UDI Imola), Lella Di Marco, Francesca Cancellieri, Remo Agnoletto, Centro Documentazione Polesano onlus di Badia Polesine (RO), Simona Sagone, Barbara Grubissa, Camilla Albanese, Co.Ge.De. Liguria (Coordinamento Genitori Democratici), Assunta Signorelli, Nadia Somma (Presidente Demetra - Donne in aiuto), Maria Grazia Negrini, Tavola delle donne sulla violenza e sulla sicurezza della città, Marialuisa Carlini, Alessandra Mecozzi, Graziella Caloi, Mario Torneri, Fernanda Minuz, Norma Bertullacelli, Luigi Di Costanzo, Antonella Caranese (Segretaria PRC-SE Federazione di Imola), Katia Zanotti, Mariella Genovese, Francesca Koch, Maria Anita Cutini, Franca Lovato, Sandro Casanova, Fernando Angelucci, Elena Spinelli, Khadija Ait Oubih, Amna Trabelsi, Marisella Chevallard, Andrea Baglioni, Renata Conti, Rita Rustichelli, Elena Laurenzi, Patrizia Randini, Cristina Fiorani, Demetrio Vadalà, Daniela Minardi, oRina Randini, Santa Meglioli, Fabrizia Baraldi, Celestina Gilliavod, Maria Grazia Campari, Ostilia Mulas, Barbara Spinelli (autrice di Femminicidio), Laura Varlese, Rita Falaschi, Daniela Traine, Marina Donder (Assessora Pari Opportunità Provincia di Genova), Olivia Garavaglia, Sandra Federici, Mirella De Gregorio, Kalefi Miranda (Vicepresidente della rappresentanza dei cittadini Extra Ue, Consigliere aggiunto Comune di Ravenna), Rete Interculturale Bolognese Specchiolucente, Caterina Lusuardi, Giovanni Belfiori (coordinatore dipartimento Scuola del Partito Democratico), Maria Pia Trevisani detta Mapi (IFE Bergamo, Forum donne PRC Bergamo), Tahar Lamri (scrittore, giornalista), Associazione Femminile Plurale (Vicenza), Lidia Menapace, Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile (Ferdinanda Vigliani, Emiliana Losma, Gabriella Rossi, Stefania Doglioli), Barbara Lo Buono, Daniela Danna, Graziella Mascheroni, Tiziana Poggiali, Malika Larache, Simonetta Ponzi (Cgil Emilia Romagna), Catalina Pazmino, Loredana Blanchetti, Patrizia Bortolini (Punto Rosso), Marilena Chirivì, Tecla Fontana, Elena Cianci, Anna Pascuzzo (Movimento Antirazzista di Catanzaro), Doriana Goracci, Valeria Consoli, Santina Polimeni, Charles Tchameni Tchienga (Presidente Ass. Il Terzo Mondo), Gaea Riondino, Tellusfolio, Marina Perbellini, Francesco Venturin, Rete Civile Contro il Razzismo e la Xenofobia di Ravenna, Daniela Rigon, Fernanda La Camera, Irene Gregis, Paolo Brentegani, Nadia Cari, Dia Singh, Taschin Rosa, Eleonora Mezzelani, Giuliana Beltrame


Articoli correlati

  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  La Comunità Pakistana è contro i matrimoni imposti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy