Venerdì , 24 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
22 Maggio 2008
 

Ecco che è arrivata. La “prossima Lorena” di cui scrivevo la settimana scorsa. Questa non l'hanno uccisa, è viva, se si può chiamare vita quella di una quattordicenne italiana violentata per un anno da almeno ventitré baldi giovanotti italiani (gli indagati erano inizialmente un'ottantina), che la ricattavano tramite un filmato. Sottolineo la nazionalità a scopo terapeutico: se ce n'era uno solo di straniero, in mezzo alla folla degli stupratori, si sarebbe scatenato l'uragano.

I maestri pensatori nostrani si stanno stracciando le vesti sul “deserto morale della gioventù”, come se non fosse il riflesso, la conseguenza e l'imitazione dell'abisso immorale degli adulti. Quasi tutti i violentatori si sono discolpati di fronte ai carabinieri dicendo che “Lei ci stava”. E certo. La sequenza è: lusingala, minacciala, filmala, ricattala. Poi ci sta. La mafia non si comporta mica diversamente, e in Italia se ti condannano per mafia la pena è un seggio parlamentare.

La ragazzina a scuola è stata bocciata, non ha amici, è alternativamente anoressica o bulimica. Era diventata lo zimbello dei giovani del suo paese: dicevano che era affetta da Aids e che bastava uno squillo di telefono per averla, che sessualmente era disponibile a qualsiasi cosa e di sua spontanea volontà. Dov'erano gli adulti? I genitori, gli educatori, gli insegnanti? Ci “stavano” anche loro? Volete farmi credere che si può stuprare in gruppo una bambina per un anno intero, diffamarla per l'intero paese e ridurla psichicamente ad una larva senza che nessuno sappia, nessuno capisca, nessuno sospetti?

*

Ecco che è arrivata, un altro file nella mia cartella: quando mi deciderò a scrivere il distillato di questa cantina di veleni mi esploderà il cuore.

Però dovrò farlo, perché anche questa “Lorena” sparirà dalla carta stampata, e dalla memoria collettiva, nel giro di pochissimo tempo. Non ne sapremo più nulla, perché non sarà più utile a qualcuno saperne qualcosa. Si denunciano quattro stupri al giorno, nel Belpaese (e quindi la cifra è assai probabilmente più alta), ma a tenere la prima pagina sono quelli che comodano in periodo elettorale o per propaganda politica.

Allora ascoltatemi, amici e amiche di progressista indole, che sobbalzate alla parola “femminismo”, che vivete nell'era fantastica del post-patriarcato, che scrivete articoli sulla sconfinata libertà delle veline e delle velate, che analizzate il raptus e il deserto morale della gioventù: non potete chiamarvene fuori in questo modo. La guerra mondiale contro le donne ha un fronte nel vostro paese, e la guerra va fermata. Se siete solo minimamente conseguenti con le belle parole che riempiono i vostri testi e le vostre bocche, usate gli uni e le altre per protestare.

Protestate contro quella cultura che inonda i giovani maschi dei principi di dominio e violenza, e che esalta i delinquenti come furbi. Protestate contro quella cultura del venditi-e-compra che seduce ambo i sessi. Smettete di essere complici passivi dei discorsi sessisti che udite e delle molestie di cui siete testimoni. Se avete accesso ai media, usatelo per dissentire. In quante dobbiamo morire ancora, fisicamente o emotivamente, prima che la cosa vi faccia orrore?

*

E ascoltatemi, ragazzi: lo stupro non è sesso. Farlo con altri dieci che ti guardano mentre aspettano il loro turno, su una ragazzina ricattata, non è sesso, è roba da sfigati. Non è da “veri uomini”, è da “veri vigliacchi”.

Lo stupro è la parodia del sesso che la violenza vi dà, ed è un surrogato infame. Non avete neppure idea di quanto sia delizioso scoprirsi a vicenda, proteggersi a vicenda, rispettarsi a vicenda, provare tenerezza l'uno per l'altra e viceversa, inventare, sperimentare, “pazziare” in un letto o su un divano con qualcuno che ci desidera, ci considera, ci vuole bene. Non ve la menerò sull'amore: so anch'io che può essere disgiunto dal desiderio, ma so altrettanto bene che se non rispetti ed impari a conoscere il corpo stretto al tuo la soddisfazione che ne ricavi puoi averla da solo, maggiorata, in bagno, e so pure che quando sei innamorato di qualcuna/o la cosa ti riesce cinquemila volte meglio. Ascoltate anche questo: le ragazze non sono venute al mondo per compiacervi. Non vi appartengono, non sono spoglia di guerra o bottino di conquista. Voi non siete venuti al mondo per compiacerle, stesso discorso. Voi e loro condividete uno status giuridico che garantisce i vostri diritti umani. Ciò significa che voi e loro condividete il diritto, poiché entrambi siete esseri umani, a non essere stuprati, battuti, umiliati e così via. Non ci sono persone che diventano “cose” in base ad una loro caratteristica, e questo vale per le femmine, per i maschi, per quelle di tredici anni, per quelli di diciassette, per quelli con gli occhiali, per quelle con le orecchie a sventola, per quelle che parlano un'altra lingua e per quelli che sono arrivati qui da un altro paese.

Non è difficile da capire, vero? Perché dovete sapere ancora una cosa: non siete immuni alla violenza sessuale. Ma nel caso non sarà una donna a forzarvi, sarà un altro uomo. È di oggi (21 maggio 2008) la notizia che nella mia città un coetaneo della ragazzina del lucchese è stato stuprato da un vicino di casa. Quest'uomo ha potuto farlo grazie ad una gerarchia valoriale che anche voi tendete a perpetuare, quella che avete appreso dagli adulti, quella che vedete in televisione, quella che vi propongono ossessivamente pubblicità e video eccetera. Il maschio dominante, il cui unico potere è quello di costringere con la violenza gli altri e le altre a far quello che vuole lui. E dopo che l'hai simbolicamente uccisa con lo stupro, la tua vittima, cosa ti resta? Potrebbe parlare, darti fastidi, forse bisogna aumentare la dose di violenza, picchiarla di più, infine ammazzarla davvero. Bel seduttore, bel dongiovanni, proprio “figo”. Voi vi vantate di essere diversi, non volete che la vostra vita sia controllata, vi credete autonomi: allora perché non avete uno scatto di orgoglio e non rigettate tutta l'immondizia di cui vi ingozzano? Avete paura del giudizio dei vostri amici? Chi vi organizza nel cosiddetto “branco” non è un amico, è un farabutto che vi volterà le spalle non appena sgarrerete per volontà o necessità, e che se per salvarsi dovrà pugnalarvi alla schiena lo farà senza rimorso. Gerarchia, ragazzi. Dominio. Chi sta sotto conta fin tanto che serve ed esattamente nella misura in cui serve.

Immagino che possa esserci un brivido di piacere nel sentirsi assimilati ad un gruppo di lupi che cacciano insieme, ma se l'esercizio della violenza è l'unico piacere che riuscite ad avere i vostri sensi sono già morti per tre quarti. Vi dirò, bisognerebbe conoscerli meglio, i lupi. Credo si offenderebbero ad essere equiparati ad un club di stupratori. Innanzitutto, cacciano per mangiare e non per accoppiarsi. Derivano il loro “rango” da quello delle loro madri: tanto che un capo può essere cieco da un occhio o zoppo, non dev'essere necessariamente il più dotato a livello fisico. E qual è il ruolo di questo capo, infine? Proteggere. Attirare i pericoli lontano dal branco, sacrificandosi se necessario. Senza offesa, lo preferisco ad un violentatore. Se mai dovesse attaccarmi lo farà per fame o per difesa, e mai per libidine di servilismo ai dettami di una società che distrugge voi ragazzi nel mentre vi incita a distruggere altre ed altri esseri umani.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 22 maggio 2008)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy